Scrigno Franchi



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Scrigno Franchi sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Scrigno Franchi in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Scrigno Franchi che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Scrigno Franchi, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Scrigno Franchi, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Scrigno Franchi. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Il Franks Casket, come esposto al British Museum ; la parte anteriore e il coperchio

Il Cofanetto Franks (o l' Auzon Scrigno ) è un piccolo anglosassone osso di balena (non "balena", nel senso di fanoni ) torace dei primi del 8 ° secolo, ora nel British Museum . Il cofanetto è densamente decorato con scene narrative tagliate a coltello in bassorilievo piatto bidimensionale e con iscrizioni per lo più in rune anglosassoni . Generalmente ritenuto di origine Northumbria , è di importanza unica per l'intuizione che offre nell'arte e nella cultura anglosassone dei primi tempi . Sia l'identificazione delle immagini che l'interpretazione delle iscrizioni runiche hanno generato una notevole quantità di borse di studio.

L'immaginario è molto vario per soggetto e derivazioni, e comprende un'unica immagine cristiana, l' Adorazione dei Magi , insieme a immagini derivate dalla storia romana ( imperatore Tito ) e dalla mitologia romana ( Romolo e Remo ), nonché una rappresentazione di almeno una leggenda indigena dei popoli germanici : quella di Weyland the Smith . È stato anche suggerito che potrebbe esserci un episodio della leggenda di Sigurd , un episodio altrimenti perduto della vita del fratello di Weyland, Egil , una leggenda omerica che coinvolge Achille , e forse anche un'allusione alla leggendaria fondazione dell'Inghilterra da parte di Hengist e Horsa .

Le iscrizioni "mostrano un deliberato virtuosismo linguistico e alfabetico; sebbene siano per lo più scritte in inglese antico e in rune, si spostano in latino e in alfabeto romano; poi di nuovo in rune mentre scrivono ancora in latino". Alcuni sono scritti capovolti o al contrario. Prende il nome da un ex proprietario, Sir Augustus Wollaston Franks , che lo donò al British Museum.

Storia

Un'origine monastica è generalmente accettata per il cofanetto, che forse è stato realizzato per la presentazione a un'importante figura laica, ed è stata specificamente suggerita la fondazione di Wilfrid a Ripon . La storia post-medievale della bara prima della metà del XIX secolo era sconosciuta fino a tempi relativamente recenti, quando le indagini di WHJ Weale hanno rivelato che la bara era appartenuta alla chiesa di Saint-Julien, Brioude in Haute Loire (regione dell'alta Loira), Francia ; è possibile che sia stato saccheggiato durante la Rivoluzione francese. Era allora in possesso di una famiglia ad Auzon , un villaggio dell'Alta Loira. Fungeva da scatola da cucito fino a quando i cardini e gli accessori d'argento che uniscono i pannelli non furono scambiati con un anello d'argento. Senza il supporto di questi la bara è crollata. Le parti furono mostrate a un professor Mathieu della vicina Clermont-Ferrand , che le vendette a un negozio di antiquariato a Parigi , dove furono acquistate nel 1857 da Sir Augustus Wollaston Franks , che successivamente donò i pannelli nel 1867 al British Museum, dove fu custode delle collezioni inglesi e medievali. Il pannello terminale destro mancante è stato poi ritrovato in un cassetto dalla famiglia di Auzon e venduto al Museo del Bargello , Firenze , dove è stato identificato come parte del cofanetto nel 1890. L'esposizione del British Museum ne comprende un calco.

Descrizione e interpretazioni

Il Cofanetto Brescia , uno dei migliori sopravvissuti del tipo di modelli tardoantichi emula il Cofanetto Franks. Fine del IV secolo

La bara è lunga 22,9 cm, larga 19 cm e alta 10,9 cm 9 × 7+1 2 per 5+1 8 pollici, e può essere datato dalla lingua delle sue iscrizioni e altre caratteristiche alla prima metà dell'VIII secolo d.C. Sono presenti altre iscrizioni, " tituli " che identificano alcune figure che non sono dettagliate di seguito e compaiono all'interno del campo immagine. Mancano le montature in metallo prezioso che indubbiamente erano presenti in origine, ed è "probabile" che fosse originariamente dipinto a colori.

La cassapanca è chiaramente modellata su cofanetti in avorio tardoantichi come lo Scrigno Bresciano ; lo Scrigno Veroli nel V&A Museum è un'interpretazione bizantina dello stile, in stile classico ripreso, dal 1000 circa.

Leslie Webster considera il cofanetto come probabilmente originario di un contesto monastico, dove il creatore "possedeva chiaramente una grande cultura e ingegnosità, per costruire un oggetto che è così visivamente e intellettualmente complesso. ... è generalmente accettato che le scene, tratte da contrasti tradizioni, sono stati scelti con cura per contrapporre l'un l'altro nella creazione di un insieme complessivo di messaggi cristiani.Ciò che prima era visto come un eccentrico, quasi casuale, assemblaggio di storie pagane germaniche e cristiane è ora inteso come un programma sofisticato perfettamente in accordo con il concetto di storia universale della Chiesa. Potrebbe essere stato destinato a contenere un libro, forse un salterio , e destinato ad essere presentato a un "destinatario secolare, probabilmente reale"

Pannello frontale

Il pannello frontale, che originariamente aveva una serratura montata, raffigura elementi della leggenda germanica di Wayland the Smith nella scena a sinistra e l'Adorazione dei Magi a destra. Wayland (scritto anche Weyland, Welund o Vølund) si trova all'estrema sinistra nella fucina dove è tenuto come schiavo dal re Niðhad , a cui sono stati tagliati i muscoli posteriori della coscia per zoppicarlo. Sotto la fucina c'è il corpo senza testa del figlio di Niðhad, che Wayland ha ucciso, ricavandone un calice dal cranio; la sua testa è probabilmente l'oggetto tenuto nelle pinze nella mano di Wayland. Con l'altra mano Wayland offre il calice, contenente birra drogata, a Beaduhild , la figlia di Niðhad, che poi violenta quando è incosciente. Al centro è rappresentata un'altra figura femminile; forse l'aiutante di Wayland, o ancora Beaduhild. A destra della scena Wayland (o suo fratello) cattura uccelli; poi fa le ali dalle loro piume, con le quali è in grado di fuggire.

In netto contrasto, la scena di destra mostra uno dei soggetti cristiani più comuni raffigurati nell'arte del periodo; qui però «la nascita di un eroe fa bene anche il peccato e la sofferenza». I Tre Re Magi , identificati da un'iscrizione (, "magi"), guidati dalla grande stella, si avvicinano alla Madonna in trono col Bambino che porta i tradizionali doni. Un uccello simile a un'oca ai piedi del mago principale può rappresentare lo Spirito Santo , di solito mostrato come una colomba o un angelo. Le figure umane, almeno, formano una composizione molto paragonabile a quelle di altre raffigurazioni del periodo. Richard Fletcher considerava questo contrasto di scene, da sinistra a destra, come inteso a indicare gli effetti positivi e benigni della conversione al cristianesimo.

Intorno al pannello corre la seguente iscrizione allitterante, che non si riferisce alle scene ma è un indovinello sul materiale della bara stessa come osso di balena, e in particolare da una balena spiaggiata :

trascrizione di rune traslitterazione delle rune standardizzato al tardo sassone occidentale possibile traduzione
.. | | : | fisc.flodu.ahofonferg | enberig | warþga:sricgrornþærheongreutgiswom | hronæsban Fisc fld hf su firgenberig.

Wearþ gsric() grorn þr h on grot geswam.

Hranes ban.

Il diluvio gettò il pesce sulla scogliera della montagna

Il re del terrore si rattristò mentre nuotava sulla ghiaia.

Osso di balena.

Pannello sinistro

Il pannello di sinistra raffigura i gemelli mitologici fondatori di Roma, Romolo e Remo , allattati da una lupa sdraiata sulla schiena nella parte inferiore della scena. Lo stesso lupo, o un altro, sta sopra, e ci sono due uomini con lance che si avvicinano da ogni lato. L'iscrizione recita:

trascrizione di rune traslitterazione delle rune standardizzato al tardo sassone occidentale possibile traduzione
| | : | romwalusandreumwalus twgen | gibroðær | afddæhiæ wylifinromæcæstri: | oþlæunneg Rmwalus e Romwalus, twgen gebrðera: fdde he wylf in Rmeceastre, ðle unnah. Romolo e Remo, due fratelli, una lupa li nutriva a Roma, lontano dalla loro terra natale.

Carol Neuman de Vegvar (1999) osserva che altre raffigurazioni di Romolo e Remo si trovano nell'arte e nella monetazione dell'East Anglia (per esempio il primissimo bratteato di Undley ). Ella suggerisce che, a causa della somiglianza della storia di Romolo e Remo con quella di Hengist e Horsa , i fratelli che si diceva avessero fondato l'Inghilterra, "la leggenda di una coppia di fratelli emarginati o viaggiatori che guidavano un popolo e contribuivano alla la formazione di un regno probabilmente non era estranea all'ambiente anglosassone dell'VIII secolo dello Scrigno dei Franchi e potrebbe essere un riferimento al governo predestinato".

Pannello posteriore

Il pannello posteriore raffigura la presa di Gerusalemme da parte di Tito nella prima guerra giudaica . L'iscrizione è in parte in inglese antico e in parte in latino, e parte della parte latina è scritta in lettere latine (indicate sotto in lettere maiuscole), con il resto trascritto foneticamente in lettere runiche. Due parole isolate stanno negli angoli inferiori.

Al centro della tavola è raffigurato un edificio, probabilmente rappresentante il Tempio di Gerusalemme .

Nel quadrante in alto a sinistra, i romani, guidati da Tito in elmo con spada, attaccano l'edificio centrale. Il testo associato recita ' | +' (nella traslitterazione latina 'herfegtaþ | +titusendgiuþeasu', e se normalizzato al tardo sassone occidentale 'Hr feohtaþ Ttus e Idas'): 'Qui Tito e gli ebrei combattono'.

Nel quadrante in alto a destra, la popolazione ebraica fugge, lanciando sguardi indietro. Il testo associato, che è in latino e utilizza in parte lettere latine e in parte rune, recita 'HICFUGIANTHIERUSALIM | ' (in latino classico normalizzato: 'hic fugiant Hierusalim habitatores'): 'Qui gli abitanti fuggono da Gerusalemme'.

Nel quadrante in basso a sinistra, un giudice seduto annuncia il giudizio degli ebrei sconfitti, che come narrato in Giuseppe Flavio doveva essere venduto come schiavo . Il testo associato, nell'angolo in basso a sinistra del pannello, recita '' (se normalizzato al tardo sassone occidentale: 'dm'): 'giudizio'.

Nel quadrante in basso a destra, gli schiavi/ostaggi vengono portati via, con il testo, nell'angolo in basso a destra del pannello, con la scritta '' (se normalizzato al tardo sassone occidentale: 'gsl'): 'ostaggi'.

Coperchio

Il coperchio così come è sopravvissuto è incompleto. Leslie Webster ha suggerito che potrebbero esserci stati pannelli in rilievo in argento che compongono le aree mancanti. L'area rotonda vuota al centro probabilmente ospitava la borchia metallica per una maniglia. Il coperchio mostra una scena di un arciere, etichettato o Ægili , che difende da solo una fortezza contro una truppa di assalitori, che dalle loro dimensioni maggiori potrebbero essere giganti.

Nel 1866, Sophus Bugge "ha seguito la sua spiegazione dell'immagine di Weland sulla parte anteriore della bara con il suggerimento che l'arciere sul pezzo in alto sia Egil , il fratello di Weland, e pensa che l'intaglio racconti una storia su di lui di cui abbiamo non sappiamo nulla. Vediamo che si difende con le frecce. Dietro di lui sembra seduta una donna in una casa; forse questa potrebbe essere la moglie di Egil, Ölrún .'" Nella mitologia norrena , Egil è chiamato come un fratello di Weyland (Weland), che è mostrato sul pannello frontale del cofanetto. Il Þiðrekssaga raffigura Egil come un maestro arciere e il Völundarkviða dice che era il marito della fanciulla cigno Olrun . Anche l' iscrizione sulla fibbia di Pforzen , risalente all'incirca allo stesso periodo del cofanetto, fa riferimento alla coppia Egil e Olrun ( Áigil andi Áilrun ). La pagina web del British Museum e Leslie Webster sono d'accordo, la prima affermando che "Il coperchio sembra raffigurare un episodio relativo all'eroe germanico Egil e ha l'unica etichetta 'aegili' = 'Egil'."

Josef Strzygowski (citato da Viëtor 1904) ha proposto invece che il coperchio rappresenti una scena relativa alla caduta di Troia , ma non ha elaborato. Karl Schneider (1959) identifica la parola Ægili sul coperchio come una forma anglosassone del nome dell'eroe greco Achille . Al nominativo singolare indicherebbe che l'arciere è Achille, mentre al dativo singolare potrebbe significare o che la cittadella appartiene ad Achille, oppure che la freccia che sta per essere scoccata è destinata ad Achille. Lo stesso Schneider interpreta la scena sul coperchio come rappresentante il massacro dei fratelli di Andromaca da parte di Achille a Tebe in un racconto dell'Iliade , con Achille come arciere e la madre di Andromaca tenuta prigioniera nella stanza dietro di lui. Amy Vandersall (1975) conferma la lettura di Ægili da parte di Schneider come relativa ad Achille, ma farebbe invece raffigurare sul coperchio l'attacco troiano al campo greco, con l'arciere greco Teucro come arciere e la persona dietro l'arciere (interpretato come una donna da la maggior parte degli altri autori) come Achille nella sua tenda.

Altri autori vedono un messaggio biblico o cristiano nel coperchio: Marijane Osborn trova che diversi dettagli nel Salmo 90, "specialmente come appare nella sua traduzione in inglese antico, ... possono essere allineati con i dettagli nell'immagine sul coperchio del cofanetto : l'anima protetta nel versetto 5 e al sicuro al sicuro nel ... santuario nel versetto 9, la battaglia spirituale per l'anima in tutto, i dardi volanti nel versetto 6 e un difensore angelico nel versetto 11." Leopold Peeters (1996:44) propone che il coperchio raffiguri la sconfitta di Agila , il sovrano ariano visigoto di Hispania e Settimania , da parte delle forze cattoliche romane nel 554 d.C. Secondo Gabriele Cocco (2009), il coperchio molto probabilmente ritrae la storia di Eliseo e Joas da 2 Re 13:17, in cui il profeta Eliseo ordina al re Joas di scoccare una freccia fuori da una finestra aperta per simboleggiare la sua lotta contro i siri: "Quindi, l' arciere Ægili è il re Joas e la figura sotto l'arco è Eliseo. Il profeta indosserebbe quindi un cappuccio, tipico delle popolazioni semitiche, e reggerebbe un bastone». Webster (2012b:46-8) nota che la bestia a due teste sia sopra che sotto la figura nella stanza dietro l'arciere appare anche sotto i piedi di Cristo come re David in un'illustrazione di un manoscritto della Northumbria dell'VIII secolo di Cassiodoro , Commento ai Salmi.

Pannello di destra

Questo, il pannello del Bargello, ha prodotto le letture più divergenti sia del testo che delle immagini, e nessuna lettura di nessuno dei due ha ottenuto un consenso generale. A sinistra una figura animale siede su un piccolo monticello arrotondato, affrontata da un guerriero armato e elmato. Al centro un animale in piedi, di solito visto come un cavallo, affronta una figura, con in mano un bastone o una spada, che sta sopra qualcosa definito da una linea curva. Sulla destra ci sono tre figure.

Raymond Page legge l'iscrizione come

traslitterazione delle rune standardizzato al tardo sassone occidentale possibile traduzione
herhos() sitæþ su hærmberge | agl drigiþ | swa hiri ertae gisgraf særden sorgæ | e sefa strappatoæ

risci / wudu / bita

Sito Hr Hsþ su Hearmbeorge:

agl[] drgeþ sw noleggio Erta gescræf

sr-denn sorge e sefan torne.

rixe / wudu / bita

Qui Hos siede sul tumulo del dolore;

Soffre angoscia come Ertae le aveva imposto,

un miserabile covo (bosco) di dolori e di tormenti d'animo.

giunchi / legno / biter

Tuttavia, una traduzione definitiva delle linee ha incontrato difficoltà, in parte perché le rune vengono eseguite insieme senza separatori tra le parole, e in parte perché due lettere sono spezzate o mancanti. Come ulteriore sfida per il lettore, solo nel pannello di destra, le vocali sono crittografate con un semplice cifrario a sostituzione. Tre delle vocali sono rappresentate coerentemente da tre simboli inventati. Tuttavia, due simboli aggiuntivi rappresentano sia a che æ e , secondo Page, "non è chiaro quale sia quale o anche se l'intagliatore abbia distinto con competenza tra i due". Leggendo una runa, trascritta da Page e altri come r ma che è diversa dalla solita r -runa, come runa per u , Thomas A. Bredehoft ha suggerito la lettura alternativa

Il suo Hos sitæþ su hæum bergæ
agl[.] drigiþ, swæ hiri Eutae gisgraf
sæuden sorgæ e sefa tornæ.
Qui siede Hos su [o in] l'alta collina [o carriola];
sopporta agl[.] come la Juta a lei destinata,
un suden di dolore e turbamenti di mente.

Page scrive: "Non so cosa rappresentino le scene. Studiosi eccitati e fantasiosi hanno avanzato numerosi suggerimenti ma nessuno convince". Molte di queste teorie sono descritte di seguito.

Sigurd e Grani

La pietra runica della saga di Sigurd della Svezia orientale raffigura il cavallo di Sigurd Grani

Elis Wadstein (1900) ha proposto che il pannello di destra rappresenti la leggenda germanica di Sigurd , noto anche come Siegfried , pianto dal suo cavallo Grani e dalla moglie Guthrun. Eleanor Clark (1930) aggiunse: "In effetti, nessuno vedendo la figura del cavallo chino sulla tomba di un uomo potrebbe non ricordare le parole della Guthrunarkvitha (II,5):

La testa di Grani era piegata sull'erba,
Il destriero sapeva bene che il suo padrone era stato ucciso."

Mentre Clark ammette che questa è una "leggenda estremamente oscura", presume che la scena debba essere basata su una leggenda germanica e non riesce a trovare nessun altro esempio nell'intera mitologia norrena di un cavallo che piange su un cadavere. Conclude che la piccola persona senza gambe all'interno del tumulo centrale deve essere Sigurd stesso, con le gambe rosicchiate dai lupi menzionati nella storia di Guthrun. Interpreta le tre figure a destra come Guthrun che viene portato via dalla sua tomba dai suoi assassini Gunnar e Hogne, e la figura femminile davanti a Grani come la dea Norn Urd , che giudica i morti. Il guerriero a sinistra sarebbe quindi di nuovo Sigurd, ora ripristinato al suo ex apice per l'aldilà, e "inviato gioioso sulla sua strada a Odainsaker , i regni di beatitudine per i mortali meritevoli. La porta di questi campi scintillanti è sorvegliata da un alato drago che si nutre della flora imperitura che caratterizzava il luogo, e il gallo senza corpo canta avidamente come una specie di inquietante genius loci che identifica il luogo come il muro di Hel."

Sebbene la tesi Sigurd-Grani rimanga l'interpretazione più ampiamente accettata del pannello di destra, Arthur Napier osservò già nel 1901: "Rimango del tutto poco convinto dalle ragioni [Wadstein] addotte, e credo che la vera spiegazione del quadro debba ancora Essere trovato."

Hengist e Horsa

Si dice che il cavallo bianco del Kent sia basato sullo stendardo di Horsa

AC Bouman (1965) e Simonne d'Ardenne (1966) interpretano invece il lugubre stallone (Old English hengist ) al centro del pannello di destra come rappresentante di Hengist, che, con suo fratello Horsa, guidò per primo gli Antichi Sassoni, Angli e Juti in Gran Bretagna, e alla fine è diventato il primo re anglosassone in Inghilterra, sia secondo Beda s' Storia ecclesiastica degli inglesi gente e la Cronaca anglosassone . La persona in miniatura all'interno del tumulo funerario per cui si addolora sarebbe quindi Horsa, che morì nella battaglia di Ægelesthrep nel 455 d.C. e fu sepolto in un tumulo di selce a Horsted vicino ad Aylesford . Bouman suggerisce che la donna in lutto potrebbe quindi essere la famosa figlia di Hengist, Renwein .

Bouman e d'Ardenne identificano la strana creatura a sinistra con la testa di un cavallo, l'abbigliamento e la postura di un uomo, e le ali di uno spirito, ancora come Horsa, questa volta come uno spirito seduto sul proprio tumulo. Horsa (il cui nome significa cavallo in inglese antico) sarebbe quindi "Hos" a cui si fa riferimento nell'iscrizione del pannello come seduto su un "tumulo del dolore". Notano che c'è un cavallo in miniatura in ogni angolo del pannello, in linea con il tema di due famosi "cavalli".

La divinità del boschetto

La pietra Tängelgårda di Gotland , Svezia, raffigura due valknut tra le gambe del cavallo, come nel pannello destro del Franks Cofanetto

Di solito si legge il suo hos sitæþ , "qui siede il cavallo". Tuttavia, Wilhelm Krause (1959) separa invece herh (tempio) e os (divinità). Alfred Becker (1973, 2002), seguendo Krause, interpreta herh come un bosco sacro, il luogo dove in epoca pagana si adoravano gli Æsir , e os come una dea o valchiria. A sinistra, un guerriero "ha incontrato il suo destino nelle vesti di un mostro spaventoso... Come risultato, il guerriero riposa nella sua tomba mostrata nella sezione centrale. Lì (a sinistra del tumulo) abbiamo un cavallo contrassegnato da due trifogli, i simboli divini... Sopra il tumulo vediamo un calice ea destra del tumulo una donna con un bastone in mano: è la sua Valchiria, che ha lasciato il suo posto e si è avvicinata a lui sotto forma di uccello. Ora lei è la sua bella sigwif , la compagna benevola e persino amorevole dell'eroe, che lo fa rivivere con un sorso di quel calice e lo porta nel Valhalla. Il cavallo potrebbe essere Sleipnir , il famoso stallone di Woden.

Krause e Becker richiamano l'attenzione sul significato dei due segni del trifoglio o valknutr tra le gambe dello stallone, che denotano il regno della morte e possono essere trovati in posizione simile su pietre pittoriche di Gotland, in Svezia, come la pietra di Tängelgårda e le pietre di Stora Hammars . Altre due immagini del Franks Casket mostrano questo simbolo. Sul davanti segna il terzo dei Magi , che porta la mirra . Appare anche sul coperchio, dove secondo Becker è raffigurato il Valhalla .

La follia di Nabucodonosor

Leopold Peeters (1996) propone che il pannello di destra fornisca un'illustrazione pittorica del Libro biblico di Daniele , cap. 4 e 5: La creatura selvaggia a sinistra rappresenta Nabucodonosor dopo che fu scacciato dalle persone e gli fu data la mente di un animale; viveva con gli asini selvatici e mangiava l'erba come il bestiame. La figura che gli sta di fronte è poi il vigile che in sogno decretò la sorte di Nabucodonosor (4,13-31), e il quadrupede al centro rappresenta uno degli asini selvatici con cui visse. Alcuni dei dettagli che Peeters cita sono specifici del poema in inglese antico basato su Daniel .

Secondo Peeters, le tre figure a destra potrebbero quindi rappresentare la moglie e le concubine di Baldassarre , "che conducono riti blasfemi di irriverenza ( Dn 5:1-4,22)." Il cadavere nel tumulo centrale rappresenterebbe lo stesso Baldassarre, che fu assassinato quella notte, e la donna che lo piangeva potrebbe essere la regina madre. Le rune criptiche su questo pannello potrebbero avere lo scopo di invocare la misteriosa scritta apparsa sul muro del palazzo durante questi eventi.

La morte di Balder

David Howlett (1997) identifica le illustrazioni sul pannello di destra con la storia della morte di Balder , come raccontata dallo storico danese della fine del XII secolo Saxo Grammaticus nelle sue Gesta Danorum . Secondo Saxo, il rivale di Balder, Hother, incontra tre donne in un bosco umido a tarda notte, che gli forniscono una cintura e una cintura che gli permetteranno di sconfiggere Balder. Hother ferisce Balder, che muore tre giorni dopo e viene sepolto in un tumulo.

Howlett identifica le tre figure a destra con le tre fanciulle di legno (che potrebbero essere le tre Norne ) e l'uomo avvolto nel sudario all'interno del tumulo centrale con Balder. La donna alla destra del tumulo è Hel , la Proserpina di Saxo , che profetizza la morte di Balder e condanna Woden al dolore e all'umiliazione. Lo stallone a sinistra del tumulo è il padre di Balder, Woden». Nella storia di Saxo, Woden genera poi un secondo figlio, Boe ( Bous o Váli ), per vendicare la morte di Balder. Howlett interpreta il guerriero a sinistra come Boe, e si deduce che il tumulo è raffigurato due volte e che lo stallone in lutto al centro del pannello è identico alla figura seduta all'estremità sinistra, dove mantiene la testa e gli zoccoli del cavallo. "

La Penitenza di Rhiannon

Ute Schwab (2008), seguendo Heiner Eichner (1991), interpreta le scene a sinistra e al centro del pannello di destra come relative alla leggenda gallese di Rhiannon . Secondo il Mabinogion , una raccolta medievale di antiche storie gallesi, Rhiannon fu falsamente accusata di aver ucciso e mangiato suo figlio neonato Pryderi , che, secondo Schwab, è rappresentato dal neonato fasciato nella scena centrale. Come penitenza, le fu richiesto, come raffigurato nella scena a sinistra, "di sedere per sette anni accanto al recinto dei cavalli fuori dalle porte della corte, offrendo di portare i visitatori al palazzo sulla schiena, come una bestia di fardello... L'immagine equestre di Rhiannon e la sua generosità hanno portato gli studiosi a identificarla con la dea-cavallo celtica Epona ."

Satana e la Natività

Presepe , sarcofago romano cristiano del IV secolo

Austin Simmons (2010) analizza l'iscrizione del frame nei seguenti segmenti:

herh os-sitæþ su hærm-bergæ
agl drigiþ swæ hiri er tae-gi-sgraf
sær-den sorgæ e sefa-tornæ

Questo egli traduce: "L'idolo siede lontano sulla collina terribile, soffre l'umiliazione nel dolore e nella rabbia del cuore come la tana del dolore gli aveva ordinato". Linguisticamente, il segmento os- rappresenta il prefisso verbale oþ- assimilato alla sibilante successiva, mentre nel b-verso del secondo rigo er "prima" è una parola indipendente prima di un composto verbale di tre membri, tae-gi-sgraf . Il primo membro tae- è una forma rara del prefisso particellare to- .

L'iscrizione si riferisce specificamente alla scena all'estremità sinistra del lato destro della bara. Secondo Simmons, l'"idolo" ( herh ) è Satana sotto forma di asino, torturato da un inferno personificato con l'elmo. La scena è un riferimento all'apocrifo Decensus ad Inferos , un popolare testo medievale tradotto in anglosassone. In una versione della storia dell'Harrowing of Hell , un inferno personificato incolpa Satana per aver portato alla crocifissione , che ha permesso a Cristo di discendere nel regno dell'inferno e liberare le anime imprigionate. Pertanto, l'Inferno tortura Satana come punizione. Simmons separa le altre scene sul lato destro e le interpreta come raffigurazioni della Natività e della Passione .

Considerazioni runologiche e numerologiche

Ogni lettera runica anglosassone aveva un nome acrofonico in inglese antico, che dava alla runa stessa le connotazioni del nome, come descritto nel poema runico in inglese antico . Le iscrizioni sullo Scrigno Franks sono versi allitterativi, e quindi danno particolare enfasi a una o più rune su ciascun lato. Secondo Becker (1973, 2002), questi raccontano una storia corrispondente alle illustrazioni, con ciascuna delle scene emblematiche di un certo periodo della vita e dell'aldilà di un re guerriero: l'iscrizione frontale è allitterata su entrambe le rune F feoh (ricchezza) e la runa G gyfu (dono), corrispondenti ai gioielli prodotti dall'orafo Welund e ai doni dei tre Magi. In questa scatola il nostro guerriero ha accumulato il suo tesoro, anelli e fasce e braccialetti d'oro, gioielli che aveva ricevuto dal suo signore, che ha passato ai suoi stessi servitori Questo è un dono feoh , un dono non solo per il mantenimento di questo o quel seguace , ma anche per onorarlo davanti al suo commilitone in sala. L'iscrizione di Romolo e Remo allittera sulla runa R rad (viaggio o cavalcata), evocando sia quanto lontano da casa si fossero recati i gemelli sia la chiamata alle armi del proprietario. Il lato Tito sottolinea la runa T Tiw (il dio anglosassone della vittoria), documentando che il culmine della vita di un re guerriero è la gloria conquistata dalla vittoria sui suoi nemici. Il lato destro allittera prima sulla runa H hagal (grandine o sfortuna) e poi sulla runa S sigel (sole, luce, vita), e illustra la morte dell'eroe e la salvezza finale, secondo Becker.

Becker presenta anche un'analisi numerologica delle iscrizioni, trovando 72 = 3 x 24 segni sui pannelli anteriore e sinistro, e un totale di 288 o 12 x 24 segni sull'intero cofanetto. Tutti questi numeri sono multipli di 24 = 3 x 8, il numero magico di rune nell'antico futhark , l'antico alfabeto runico continentale conservato all'interno dell'esteso futhorc anglosassone . "Per raggiungere determinati valori l'intagliatore ha dovuto scegliere forme di parole e modi di ortografia piuttosto insoliti che hanno tenuto impegnate generazioni di studiosi".

Osborn (1991a, 1991b) concorda sul fatto che il conteggio runico di 72 sia intenzionale. Tuttavia, "mentre [Becker] vede questo come un'indicazione di magia pagana, io lo vedo come complementare a tale magia, come un altro esempio dell'artista Franks Casket che adatta i suoi materiali pagani a uno scopo evangelico cristiano nella modalità di interpretatio romana . L'artista manipola il suo rune molto attentamente, sulla parte anteriore del cofanetto completando il loro numero con punti e sul lato destro riducendo il loro numero con bindrunes , in modo che ciascuna delle tre iscrizioni contenga esattamente settantadue elementi.... L'associazione cristiana più evidente del il numero settantadue, per un anglosassone se non per noi, è con i discepoli missionari nominati da Cristo oltre ai dodici apostoli... Il numero di questi discepoli è menzionato nella Scrittura solo in Luca 10, e ci sono due versioni di questo testo; mentre la Bibbia protestante dice che Cristo nominò altri settanta discepoli, la versione Vulgata nota agli anglosassoni ne specifica settantadue. Nel commentare quel numero, Beda lo associa alla missione ai Gentili (cioè "tutte le nazioni"), perché settantadue è il numero delle nazioni tra i Gentili, un multiplo delle dodici tribù d'Israele rappresentate dai dodici apostoli».

Glossario

Questo è un glossario delle parole in inglese antico sulla bara, esclusi i nomi personali. Le definizioni sono selezionate da quelle nel dizionario di Clark Hall .

Traslitterazione delle rune sulla bara Forma normalizzata al tardo sassone occidentale Forma del lemma (nominativo singolare per i sostantivi, infinito per i verbi) Significato
ag[] aglc Questa parola è un mistero, ma spesso emendata in glc (sostantivo neutro) afflizione, angoscia, oppressione, miseria, dolore
ahof ahf ahebban (verbo forte) sollevare, sollevare, innalzare, esaltare, erigere
e fine e e (congiunzione) e
bandire bandire ban (sostantivo neutro) osso, zanna
bit bit bita (sostantivo maschile) morso, bestia selvaggia
den (che ricorre nella stringa særden ) denn denn (sostantivo neutro) tana, tana, grotta
dom domi dm (sostantivo maschile) destino, giudizio, prova, sentenza; corte, tribunale, assemblea
drigiþ dragare drogan (verbo forte) sperimentare, soffrire, sopportare, sostenere, tollerare
oþlæ le el (sostantivo maschile/neutro) paese, patria, casa
fddæ fdde fdan (verbo debole) nutrire, nutrire, sostenere, favorire, allevare
fegtaþ feohtaþ feohtan (verbo forte) combattere, combattere, lottare
fergenberig firgenberig firgenbeorg (sostantivo femminile) montagna
fisco fisco fisc (sostantivo maschile) pesce
flodu fld fld (sostantivo maschile/neutro) massa d'acqua, inondazione, onda; flusso (di marea in contrapposizione a riflusso), marea, flusso, corrente, flusso
gasrico gsrc() gsrc (sostantivo maschile) persona selvaggia
gibroðæra gebrera brðor (sostantivo maschile) fratello
gisgraf gescræf gescræf (sostantivo neutro) caverna, caverna, buco, fossa
giswom geswam geswimman (verbo forte) nuotare, galleggiare
gisla gsl gsl (sostantivo maschile) ostaggio
grù grande grot (sostantivo neutro) sabbia, sabbia, terra
grorn grorn grorn (aggettivo) triste, agitato
lui lui h (pronome personale) lui
hærmberge ascoltami Hearmbeorg (sostantivo femminile) tomba
herh (probabilmente presente nella stringa herhos ) ascolta ascolta (sostantivo maschile) tempio, altare, santuario, idolo; boschetto
sua sua hr (avverbio) qui
ciao he h/ho/þæt (pronome personale) lui lei esso
hiri assumere ho (pronome personale) lei
hronæs hranes hran (sostantivo maschile) balena
in in in (preposizione) in, in, su, su, a, a, tra
giuþeasu Idas Idas (maschile plurale) gli ebrei
Su Su su (preposizione) su, su, su, fino a, tra; dentro, dentro, dentro
os (eventualmente presente nella stringa herhos ) s os (sostantivo maschile) una divinità, dio
romæcæstri Romeceastre Rmeceaster (sostantivo femminile) la città di Roma
risci risorge risc (sostantivo femminile) fretta
sær (che ricorre nella stringa særden ) sr sar (sostantivo neutro) dolore fisico, malattia; ferita, dolente, luogo crudo; sofferenza, dolore, afflizione
sefa sefan sefa (sostantivo maschile) mente, spirito, comprensione, cuore
siediti sitoþ sittan (verbo forte) siediti, siediti, reclinati
scusa sorgere sorg (sostantivo femminile) dispiacere, dolore, afflizione, afflizione, cura, angoscia, ansia
swa sw swa (avverbio) così come, di conseguenza, così come, in quanto, in tal modo, in questo o in quel modo, così, in modo che, purché
strappato strappato strappato (sostantivo neutro) rabbia, indignazione; dolore, miseria, sofferenza, dolore
twgen twgen twgen (numero) Due
unneg unnah unnah (aggettivo) non vicino, lontano, lontano da
guerra indossareþ weorðan (verbo forte) diventare
wudu wudu wudu (sostantivo maschile) legno, foresta, boschetto
wylif wylf wylf (sostantivo femminile) Lupa
r r r (avverbio) là; dove

Guarda anche

Appunti

Riferimenti

  • d'Ardenne, Simonne RTO, "Il lato destro dello Scrigno dei Franchi rappresenta la sepoltura di Sigurd" Études Germaniques , 21 (1966), pp. 235-242.
  • Becker, Alfred, Franks Casket: Zu den Bildern und Inschriften des Runenkästchens von Auzon . Ratisbona, 1973.
  • Sito Becker, Alfred, Franks Casket del 2002, con versioni in inglese e tedesco.
  • Becker, Alfred, Franks scrigno; Das Runenkästchen von Auzon. Magie in Bildern, Runen und Zahlen'.' Berlino 2021, ISBN 978-3-7329-0738-0.
  • Bouman, AC, "The Franks Cofanetto", Neophilologus 3 (1965): 241-9.
  • Clark, Eleanor Grace, "The Right Side of the Franks Cofanetto", Pubblicazioni della Modern Language Association 45 (1930): 339-353.
  • Cocco, Gabriele, "L'arciere che toglie il coperchio allo scrigno Franks". , Studi anglo-norreni in onore di John S. McKinnell , ed. IO Ruggerini. CUED Editrice, 2009.
  • Eichner, Heiner, Zu Franks Casket/Rune Auzon , in Alfred Bammesbergen, ed., Old English Runes and their Continental Background (= Altenglische Forschngen 217 ). Heidelberg, 1991, pp. 603-628.
  • Elliott, Ralph WV , Rune: un'introduzione . Manchester University Press, 1959.
  • Green, Miranda Jane, Miti celtici . British Museum Press, 1993.
  • Henderson, George, Arte altomedievale , 1972, rev. 1977, Pinguino, pp. 156-158.
  • Hough, Carole e John Corbett, all'inizio dell'inglese antico . Palgrave, 2013.
  • Howlett, David R., Libri britannici in stile biblico . Dublino, Four Courts Press, 1997.
  • Krause, Wolfgang , "Erta, ein anglischer Gott", Die Sprache 5; Festschrift Havers (1959), 46-54.
  • Napier, Arthur S. , in An English Miscellany, in onore del Dr. FJ Furnivall, Oxford, 1901.
  • Neuman de Vegvar, Carol L. "I gemelli in viaggio: Romolo e Remo nell'Inghilterra anglosassone". cap. 21 in Jane Hawkes e Susan Mills, a cura di, Northumbria's Golden Age , Sutton Publishing, Phoenix Mill Thrupp, Strand, Gloucestershire, 1999, pp. 256-267.
  • Osborn, Marijane. "I settantadue gentili e il tema della bara dei franchi". Neuphilologische Mitteilungen: Bulletin de la Société Néophilologique/ Bulletin of the Modern Language Society 92 (1991a): 281-288.
  • Osborn, Marijane. "The Lid as Conclusion of the Syncretic Theme of the Franks Cofanetto", in A. Bammesberger (a cura di), Old English Runes and their Continental Background , Heidelberg 1991b, pp. 249-268.
  • Page, RI An Introduction to English Runes , Woodbridge, 1999.
  • Parsons, D. Recasting the Runes: the Reform of the Anglo-Saxon Futhorc ( Runron 14 ), Uppsala 1999.
  • Peeters, Leopold, "The Franks Cofanetto: un'interpretazione giudeo-cristiana.", 1996, Amsterdamer Beiträge zur älteren Germanistik 46 : 17-52.
  • Schneider, Karl, "Zu den Inschriften und Bildern des Franks Casket und einer ae. Version des Mythos von Balders Tod." In Festschrift für Walther Fischer Heidelberg, Universitätsverlag, 1959.
  • Schwab, Ute, Franks Casket: fünf Studien zum Runenkästchen von Auzon , ed. di Hasso C. Heiland. vol. 15 di Studia medievalia septentrionalia , Vienna: Fassbaender, 2008.
  • Simmons, Austin The Cipherment of the Franks Casket on Project Woruldhord , datato gennaio 2010.
  • Söderberg, Sigurd, in London Academy , 2 agosto 1899, p. 90. (Come citato da Clark 1930)
  • Stephens, George, The Old-Norse Runic Monuments of Scandinavia and England (4 volumi), London: JR Smith, 1866-1901.
  • Vandersall, Amy L., "La data e la provenienza del cofanetto Franks", Gesta 11, 2 (1972), pp. 9-26.
  • Vandersall, Amy L., "Mito omerico nell'Inghilterra altomedievale: Il coperchio della bara dei Franchi". Studi in Iconografia 1 (1975): 2-37.
  • Viëtor, W. , "Allgemeinwissenschaftliches; Gelehrten-, Schrift-, Buch- und Bibliothekswesen." Deutsche Literaturzeitung . vol. 25 , 13 febbraio 1904.
  • Wadstein, Elis (1900), "Lo scrigno runico di Clermont", Skrifter utgifna di K. Humanistiska Vetenskaps-Samfundet i Upsala 6 (7). Uppsala, Almqvist & Wicksells Boktryckeri AB Disponibile come ristampa non datata delle biblioteche dell'Università del Michigan .
  • Webster, Leslie (1991), "The Franks Casket", in L. Webster - J. Backhouse (a cura di), The Making of England: Anglo-Saxon Art and Culture, 600-900 d.C. , Londra 1991, pp. 101-103 (testo sul database della collezione del British Museum ).
  • Webster, Leslie (2000), The Franks Casket , pp. 194-195, L'enciclopedia Blackwell dell'Inghilterra anglosassone (a cura di Michael Lapidge, John Blair, Simon Keynes), Wiley-Blackwell, 2000, ISBN  0-631-22492 -0 , ISBN  978-0-631-22492-1 .
  • Webster, Leslie (2012a), Arte anglosassone , British Museum Press, ISBN  9.780.7141,28092 .
  • Webster, Leslie (2012b), The Franks Casket: Objects in Focus , British Museum Press, 2012b, ISBN  0-7141-2818-X , 9780714128184.
  • Wilson, David M .; Arte anglosassone: dal settimo secolo alla conquista normanna , Thames and Hudson (edizione statunitense Overlook Press), 1984.
  • Wood, Ian N., "Ripon, Francia e lo scrigno dei Franchi nell'Alto Medioevo", Storia del Nord , 26 (1990), pp. 1-19.

Letteratura

  • Richard Abels, Cosa ha a che fare Weland con Cristo The Franks Casket e l'acculturazione del cristianesimo nella prima Inghilterra anglosassone. Speculum 84, n. 3 (luglio 2009), 549-581.
  • Alfred Becker, Franks Casket Revisited," Asterisk, A Quarterly Journal of Historical English Studies , 12/2 (2003), 83-128.
  • Alfred Becker, The Virgin and the Vamp, " Asterisco, A Quarterly Journal of Historical English Studies , 12/4 (2003), 201-209.
  • Alfred Becker, Un incantesimo magico "alimentato da" un calendario lunisolare" , Asterisk, A Quarterly Journal of Historical English Studies , 15 (2006), 55-73.
  • M. Clunies Ross , Un'interpretazione suggerita della scena raffigurata sul lato destro dello scrigno dei Franchi , Archeologia medievale 14 (1970), pp. 148-152.
  • Jane Hawkes e Susan Mills (a cura di), L'età dell'oro della Northumbria (1999); con articoli di L. Webster , James Lang, C. Neuman de Vegvar su vari aspetti della bara.
  • W. Krogmann, "Die Verse vom Wal auf dem Runenkästchen von Auzon," Germanisch-Romanische Monatsschrift , NF 9 (1959), pp. 88-94.
  • J. Lang, "The Imagery of the Franks Casket: Another Approach", in J. Hawkes & S. Mills (a cura di) L'età dell'oro della Northumbria (1999) pp. 247-255
  • K. Malone , "The Franks Casket and the Date of Widsith", in AH Orrick (a cura di), Nordica et Anglica, Studies in Honor of Stefán Einarsson , The Hague 1968, pp. 10-18.
  • Ns. Müller-Braband, Studien zum Runenkästchen von Auzon und zum Schiffsgrab von Sutton Hoo ; Göppinger Arbeiten zur Germanistik 728 (2005)
  • M. Osborn, "The Grammar of the Inscription on the Franks Cofanetto, lato destro", Neuphilologische Mitteilungen 73 (1972), pp. 663671.
  • M. Osborn, The Picture-Poem sulla parte anteriore dello scrigno Franks , Neuphilologische Mitteilungen 75 (1974), pp. 50-65.
  • PW Souers, "The Top of the Franks Casket", Harvard Studies and Notes in Philology and Literature , 17 (1935), pp. 163-179.
  • PW Souers, "The Franks Cofanetto: Left Side", Harvard Studies and Notes in Philology and Literature , 18 (1936), pp. 199-209.
  • PW Souers, "The Magi on the Franks Cofanetto", Harvard Studies and Notes in Philology and Literature , 19 (1937), pp. 249-254.
  • PW Souers, "The Wayland Scene on the Franks Cofanetto", Speculum 18 (1943), pp. 104-111.
  • K. Spiess, "Das angelsächsische Runenkästchen (die Seite mit der Hos-Inschrift)," in Josef Strzygowski-Festschrift , Klagenfurt 1932, pp. 160168.
  • L. Webster , "The Iconographic Program of the Franks Cofanetto", in J. Hawkes & S. Mills (a cura di) Northumbria's Golden Age (1999), pp. 227-246
  • L. Webster , "Aspetti stilistici del Franks Casket", in R. Farrell (a cura di), The Vikings , Londra 1982, pp. 20-31.
  • A. Wolf, "Franks Casket in literarhistorischer Sicht", Frühmittelalterliche Studien 3 (1969), pp. 227-243.

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Francesco Costa

Questa voce su Scrigno Franchi mi ha aiutato a completare il mio lavoro per domani all'ultimo minuto. Mi vedevo già tornare su Wikipedia, cosa che l'insegnante ci proibisce di fare. Grazie per avermi salvato

Marco Santi

Sono stato felice di trovare questo articolo su Scrigno Franchi, Sono stato felice di trovare questo articolo su Scrigno Franchi

Roberta Serra

Le informazioni fornite su Scrigno Franchi sono veritiere e molto utili. Bene

Elisabetta Cavallaro

Ho trovato le informazioni che ho trovato su Scrigno Franchi molto utili e piacevoli. Se dovessi mettere un 'ma' forse sarebbe che non è abbastanza inclusivo nella sua formulazione, ma per il resto, è ottimo, L'articolo sulla Scrigno Franchi è molto utile e piacevole

Leonardo Bianchini

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Scrigno Franchi