Ponte Franco



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Ponte Franco sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Ponte Franco in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Ponte Franco che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Ponte Franco, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Ponte Franco, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Ponte Franco. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Bridge (26 febbraio 1879 10 gennaio 1941) è stato un compositore, violista e direttore d'orchestra inglese.

Vita

Targa blu, 4 Bedford Gardens , Kensington, Londra

Bridge è nato a Brighton , il nono figlio di William Henry Bridge (1845-1928), insegnante di violino e direttore di teatro di varietà, precedentemente un maestro stampatore litografico da una famiglia di cordwainers , e la sua seconda moglie, Elizabeth (nata Warbrick; 1849- 1899). Suo padre "governava la casa con una verga di ferro", e insisteva che suo figlio trascorresse regolarmente lunghe ore a esercitarsi con il violino; quando Frank divenne sufficientemente abile, suonerebbe con le pit band di suo padre, dirigendo in sua assenza, anche arrangiando musica e sostituendo altri strumentisti. Ha studiato al Royal College of Music di Londra dal 1899 al 1903 sotto Charles Villiers Stanford e altri. Ha suonato la viola in numerosi quartetti d'archi , in particolare l'English String Quartet (insieme a Marjorie Hayward ), e ha diretto, a volte sostituendo Henry Wood , prima di dedicarsi alla composizione, ricevendo il patrocinio di Elizabeth Sprague Coolidge .

Secondo Benjamin Britten , Bridge aveva forti convinzioni pacifiste e fu profondamente turbato dalla prima guerra mondiale, anche se la portata del suo pacifismo è stata messa in discussione negli ultimi studi. Durante la guerra e subito dopo, Bridge scrisse una serie di brani pastorali ed elegiaci che sembrano cercare consolazione spirituale; principali tra questi sono il Lamento per archi, L' estate per orchestra, Una preghiera per coro e orchestra e una serie di opere pastorali per pianoforte. Il Lamento (per Caterina, 9 anni "Lusitania" 1915) , per orchestra d'archi, è stato scritto in memoria del naufragio dell'RMS Lusitania . Il brano è stato eseguito in prima assoluta dalla New Queen's Hall Orchestra, diretta dal compositore, il 15 settembre, ai Proms del 1915, nell'ambito di un programma di "Musica popolare italiana", il resto del quale è stato diretto da Henry Wood.

Bridge insegnò privatamente a Benjamin Britten, che in seguito sostenne la musica del suo insegnante e gli rese omaggio nelle Variazioni su un tema di Frank Bridge (1937), basato su un tema del secondo dei Tre idilli per quartetto d'archi di Bridge (1906). Tuttavia, Bridge non era molto attivo come insegnante di composizione e il suo stile di insegnamento non era convenzionale: sembra che si fosse concentrato su questioni estetiche, scrittura idiomatica e chiarezza, piuttosto che su una formazione tecnica esauriente. Britten ha parlato molto bene del suo insegnamento, dicendo nel 1963 che sentiva ancora di non aver "ancora raggiunto gli standard tecnici" che Bridge gli aveva fissato. Quando Britten partì per gli Stati Uniti con Peter Pears nel 1939, Bridge consegnò a Britten la sua viola Giussani e gli augurò "buon viaggio e buon ritorno"; Bridge morì nel 1941 senza mai rivedere Britten.

Musica

I primi lavori esistenti sono una serie di consistenti lavori da camera prodotti durante i suoi studi con CV Stanford al Royal College of Music , insieme a una serie di lavori più brevi di vari generi. Bridge ha completato la sua prima importante colonna sonora orchestrale, un poema sinfonico (a volte indicato come Mid of the Night ), poco dopo aver completato i suoi studi. Brahms , Beethoven , Tchaikovsky , Franck e Fauré sono notevoli influenze su questo periodo.

I lavori completati negli anni successivi suggeriscono la ricerca di un linguaggio più maturo ed espressivo, culminato nel tumultuoso Primo Quartetto d'Archi e in una serie di Fantasie per ensemble da camera. Il suo idioma orchestrale si sviluppò più gradualmente, raggiungendo una nuova maturità in The Sea del 1911, che sarebbe diventato il suo lavoro orchestrale più popolare e di successo, ricevendo frequenti esibizioni agli Henry Wood Promenade Concerts durante la sua vita.

Nel periodo che precede la prima guerra mondiale, Bridge dimostra un interesse per le tendenze più notevolmente moderniste, in particolare in Dance Poem del 1913, che suggerisce l'influenza di Stravinsky e Debussy . Durante il periodo bellico, la sua esplorazione assunse generalmente forme più moderate - il più delle volte un pastoralismo influenzato dall'impressionismo - sebbene lavori come i Due poemi per orchestra e diversi pezzi per pianoforte mostrino sviluppi significativi nel suo linguaggio armonico, in particolare verso un colorista, non funzionale uso dell'armonia e una preferenza per l'armonia derivata da scale simmetriche come il tono intero e l'ottatonico. Nello stesso periodo Bridge completò due dei suoi lavori da camera di maggior successo, il Second String Quartet e la Sonata per violoncello.

L'idioma di Bridge nelle opere belliche tende alla moderazione, ma dopo la guerra il suo linguaggio si sviluppò in modo significativo, basandosi sugli esperimenti con l'armonia impressionista trovati nel pianoforte e nella musica orchestrale del tempo di guerra. Le ambizioni tecniche di Bridge (documentate nella sua corrispondenza) lo spinsero a tentare opere più complesse, più grandi, con elementi armonici e lavorazioni motiviche più avanzate. Molte delle opere risultanti hanno alcuni collegamenti espressivi con la prima guerra mondiale, che sembra aver influenzato l'umore della Sonata per pianoforte (dedicata all'amico Ernest Farrar , ucciso nel 1918) e certamente dell'Orazione . Tuttavia, come ha sottolineato Huss (attingendo ai commenti di Leonard Meyer sulle teorie della causalità diretta in,{{sfn|Meyer|1967|loc=} è sconsigliabile identificare la guerra come il principale stimolo per lo sviluppo di un linguaggio modernista.

Durante gli anni '20 Bridge perseguì le sue ambizioni di scrivere opere più serie e sostanziali. La Sonata per pianoforte è stata la prima opera importante a mostrare il suo linguaggio maturo e post-tonale su una scala sostanziale. Questo linguaggio è sviluppato e utilizzato in modo più efficace nel Third String Quartet, che ha dato vita a una serie di importanti lavori orchestrali e da camera, molti dei quali sono tra i più grandi di Bridge.

Un ultimo gruppo di opere seguì alla fine degli anni '30 e all'inizio degli anni '40, tra cui il Quartetto per archi, il Fantasma per pianoforte e orchestra, l' Orazione per violoncello e orchestra, l' Ouverture di Rebus e il primo movimento di una progettata Sinfonia per archi.

Sebbene non fosse un organista, né personalmente associato alla musica della Chiesa inglese, i suoi brevi brani per organo sono stati tra i più eseguiti di tutta la sua produzione.

Bridge era frustrato dal fatto che i suoi lavori successivi fossero stati in gran parte ignorati mentre i suoi primi lavori "edoardiani" continuavano a ricevere attenzione.

Riferimenti

Bibliografia

  • Anon. 1915. "Concerti. &c" (pubblicità classificata). The Times , numero 40960 (mercoledì 15 settembre): 1.
  • Anon. 2014. Stagioni: Stagione 1915 ". Proms 2014: 18 luglio 13 settembre . Sito web della BBC Radio 3 (consultato il 27 giugno 2014).
  • Banfield, Stephen. 1986. "'Too Much of an Albion': Mrs Coolidge e le sue connessioni britanniche". Musica americana 4, n. 1 (Primavera: Interazione musicale anglo-americana), 59-88.
  • Bray, Trevor. 1977. "Frank Bridge e la signora Coolidge". Musica e musicisti 26, n. 2 (ottobre): 28-30.
  • Britt, Benjamin. 1991. Letters from a Life: The Selected Letters and Diaries of Benjamin Britten, 19131976 , 6 voll., a cura di Donald Mitchell e Philip Reed. Woodbridge, Suffolk e Rochester, NY: Boydell Press. ISBN  978-1-84383-382-6 .
  • Cerabana, Ron. 2014. "I pianisti celebrano i compositori in tempo di guerra ". Canberra Times (8 maggio).
  • Hindmarsh, Paul. 1980. Note di copertina per The Organ Music of Frank Bridge . Stuart Campbell, organo. (Registrazione LP, 1 disco) Pearl SHE 545. Kent: Pearl Records.
  • Huss, Fabiano. 2015. La musica di Frank Bridge . Woodbridge: La stampa di Boydell. ISBN  9781783270590 .
  • Kildea, Paul. 2013. Benjamin Britten: una vita nel ventesimo secolo . Londra: Allen Lane. ISBN  9780141924304 (pbk); ISBN  9781846142321 . Ristampato, Londra: Penguin Books, 2014. ISBN  9781846142338 (pbk).
  • Meyer, Leonard B. 1967. Musica, arti e idee . Chicago: University of Chicago Press. ISBN  978-0-226-52141-1 .
  • Mitchell, Donald (ed.). 1991. Letters from a Life: The Selected Letters and Diaries of Benjamin Britten 19131976 , edizione ristampata riveduta, assistente editore Philip Reed; editori associati Rosamund Strode, Kathleen Mitchell e Judy Young. vol. 1: 1923-1939. Londra: Faber e Faber. ISBN  9780571152216 .
  • Payne, Anthony. 1984. Frank Bridge: radicale e conservatore . Pubblicato in collaborazione con il Frank Bridge Trust. Londra: Thames Publishing. ISBN  9780905210254 .
  • Payne, Anthony , Lewis Foreman e John Bishop. 1976. La musica di Frank Bridge . Londra: Thames Publishing. ISBN  9780905210025 .
  • Payne, Anthony, Paul Hindmarsh e Lewis Foreman. 2001. "Ponte, Frank". The New Grove Dictionary of Music and Musicians , seconda edizione, a cura di Stanley Sadie e John Tyrrell . Londra: Macmillan Publishers.

Ulteriori letture

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Lucia Ferro

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Ponte Franco scritto in modo così didascalico. Mi piace

Marcello Grossi

Questo post su Ponte Franco mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Ponte Franco mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto

Piero Conti

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Ponte Franco è quello che stavo cercando