Frank Pakenham, VII conte di Longford



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Pakenham, VII conte di Longford sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Pakenham, VII conte di Longford in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Pakenham, VII conte di Longford che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Pakenham, VII conte di Longford, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Pakenham, VII conte di Longford, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Pakenham, VII conte di Longford. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Il conte di Longford
Lord Longford 4 Allan Warren.jpg
Longford nello studio di Allan Warren a Londra nel 1974
Capo della Camera dei Lord
In carica dal
18 ottobre 1964 al 16 gennaio 1968
Monarca Elisabetta II
primo ministro Harold Wilson
Preceduto da Il Signore Carrington
seguito da Il Signore Shackleton
Lord Custode del Sigillo Privato
In carica dal
6 aprile 1966 al 16 gennaio 1968
Monarca Elisabetta II
primo ministro Harold Wilson
Preceduto da Sir Frank Soskice
seguito da Il Signore Shackleton
In carica dal
18 ottobre 1964 al 23 dicembre 1965
Monarca Elisabetta II
primo ministro Harold Wilson
Preceduto da Selwyn Lloyd
seguito da Sir Frank Soskice
Segretario di Stato per le Colonie
In carica dal
23 dicembre 1965 al 6 aprile 1966
Monarca Elisabetta II
primo ministro Harold Wilson
Preceduto da Anthony Greenwood
seguito da Federico Lee
Primo Lord dell'Ammiragliato
In carica
24 maggio 1951 13 ottobre 1951
Monarca Giorgio VI
primo ministro Clement Attlee
Preceduto da La Sala del Visconte
seguito da James Thomas
Ministro dell'Aviazione Civile
In carica
31 maggio 1948 1 giugno 1951
Monarca Giorgio VI
primo ministro Clement Attlee
Preceduto da Il Signore Nathan
seguito da Il Signore Ogmore
Cancelliere del Ducato di Lancaster
(Vice Segretario di Stato per gli Affari Esteri)
In carica dal
17 aprile 1947 al 31 maggio 1948
Monarca Giorgio VI
primo ministro Clement Attlee
Preceduto da John Hynd
seguito da Hugh Dalton
Sottosegretario di Stato parlamentare per la guerra
In carica dal
4 ottobre 1946 al 17 aprile 1947
Monarca Giorgio VI
primo ministro Clement Attlee
Preceduto da Il Signore Nathan
seguito da John Freeman
Frusta del governo del Signore in attesa
In carica dal
14 ottobre 1945 al 4 ottobre 1946
Monarca Giorgio VI
primo ministro Clement Attlee
Preceduto da Il Signore Alness
seguito da Il Signore Chorley
Membro della Camera dei Lord
Lord Temporal
In carica dal
17 novembre 1999 al 3 agosto 2001
Pari a vita
In carica dal
16 ottobre 1945 all'11 novembre 1999
Parità ereditaria
Preceduto da Peer creato
seguito da Posto abolito
Dati personali
Nato
Francis Aungier Pakenham

( 1905-12-05 )5 dicembre 1905
Morto 3 agosto 2001 (2001-08-03)(95 anni)
Nazionalità Britannico
Partito politico Lavoro
Coniugi
( M.  1931)
Figli 8
Genitori Thomas Pakenham, V conte di Longford
Lady Mary Child-Villiers
Alma mater New College, Oxford

Francis Aungier Pakenham, VII conte di Longford, I barone Pakenham, barone Pakenham di Cowley , KG , PC (5 dicembre 1905 3 agosto 2001), noto alla sua famiglia come Frank Longford e battezzato Lord Pakenham dal 1945 al 1961, è stato un britannico politico e riformatore sociale. Membro del partito laburista , è stato uno dei suoi politici più longevi. Ha ricoperto incarichi di gabinetto in diverse occasioni tra il 1947 e il 1968. Longford è stato politicamente attivo fino alla sua morte nel 2001. Membro di una vecchia famiglia anglo-irlandese terriera, i Pakenhams (che divenne Earls of Longford ), fu uno dei pochi coetanei aristocratici ereditari a servire in una capacità di alto livello all'interno di un governo laburista.

Longford era famoso per aver difeso gli emarginati sociali e le cause impopolari. È particolarmente noto per la sua difesa per tutta la vita della riforma penale. Longford visitò regolarmente le prigioni per quasi 70 anni fino alla sua morte. Ha sostenuto i programmi di riabilitazione e ha contribuito a creare il moderno sistema di libertà vigilata britannico negli anni '60 in seguito all'abolizione della pena di morte. La sua campagna alla fine senza successo per il rilascio dell'assassino dei Mori Myra Hindley ha attirato molti media e polemiche pubbliche. Per questo lavoro, il Premio Longford prende il nome da lui. Viene assegnato ogni anno durante la Longford Lecture e riconosce i risultati ottenuti nel campo della riforma penale.

Essendo un devoto cristiano determinato a tradurre la fede in azione, era noto per il suo stile ampolloso e la sua eccentricità. Sebbene fosse un politico scaltro e influente, era anche ampiamente impopolare tra i leader laburisti, in particolare per la sua mancanza di capacità ministeriale, e fu spostato da un incarico di gabinetto a un altro, senza mai servire più di due anni in un ministero. Il primo ministro laburista Harold Wilson ha affermato che Longford aveva la capacità mentale di un dodicenne.

Nel 1972 è stato nominato Cavaliere della Giarrettiera . Nello stesso anno, è stato nominato a capo del gruppo incaricato di indagare sugli effetti della pornografia sulla società che ha pubblicato il controverso Rapporto sulla pornografia (il Rapporto Longford). Divenne noto come attivista contro la pornografia e riteneva che fosse degradante sia per i suoi utenti che per coloro che lavoravano nel commercio, in particolare le donne. Longford era anche un critico schietto della stampa britannica, e una volta disse che stava "tremando sull'orlo dell'oscenità".

Longford è stato determinante nella depenalizzazione dell'omosessualità nel Regno Unito, ma è sempre stato schietto con la sua forte disapprovazione morale degli atti omosessuali per motivi religiosi. Si è opposto alla promozione della legislazione sui diritti degli omosessuali , inclusa l' equalizzazione dell'età del consenso , e ha anche sostenuto l'approvazione della Sezione 28 .

Background e formazione

Nato in una famiglia aristocratica anglo-irlandese , era il secondo figlio di Thomas Pakenham, quinto conte di Longford nei pari d'Irlanda . Ha studiato all'Eton College e al New College di Oxford , dove come studente universitario è stato membro del Bullingdon Club . Nonostante non fosse stato assegnato a una borsa di studio, si è laureato con una laurea con lode in filosofia, politica ed economia ed è diventato un don alla Christ Church .

Carriera politica

Dopo un periodo disastroso nell'intermediazione di borsa con Buckmaster & Moore , nel 1931 il venticinquenne Pakenham si unì al Conservative Research Department dove sviluppò la politica dell'istruzione per il Partito Conservatore . Elisabetta lo convinse a diventare socialista . Si sposarono il 3 novembre 1931 ed ebbero otto figli. Nel 1940, solo pochi mesi dopo l'inizio della seconda guerra mondiale , ebbe un esaurimento nervoso e fu congedato dalle forze armate. Lo stesso anno divenne cattolico romano . Sua moglie fu inizialmente costernata da questo, poiché era stata allevata come unitaria e aveva associato la Chiesa di Roma alla politica reazionaria , ma nel 1946 si unì alla stessa chiesa.

Pakenham ha intrapreso una carriera politica. Nel luglio 1945 contestò Oxford contro il membro conservatore in carica , Quintin Hogg , ma fu sconfitto da quasi 3.000 voti. Nell'ottobre di quell'anno fu creato barone Pakenham , di Cowley nella città di Oxford , nella paria del Regno Unito , dal governo laburista di Clement Attlee , e prese posto alla Camera dei Lord come uno dei pochi pari laburisti. . Fu immediatamente nominato Lord-in-waiting da Attlee. Nel 1947 fu nominato vice ministro degli Esteri, fuori dal gabinetto, con una responsabilità speciale per la zona britannica nella Germania occupata . Ha fatto notizia dicendo al pubblico tedesco che il popolo britannico li ha perdonati per quello che era successo durante la guerra; alla sua morte il Lord Bishop di Birmingham ha osservato che il cancelliere della Germania occidentale Konrad Adenauer avrebbe dovuto "contarlo come uno dei fondatori della Repubblica federale". Nel maggio 1948 fu trasferito al ruolo di basso profilo di Ministro dell'Aviazione Civile e nel giugno dello stesso anno prestò giuramento nel Consiglio della Corona . Ha continuato in questo incarico fino al maggio 1951. Da maggio fino alla caduta dell'amministrazione nell'ottobre 1951, è stato Primo Lord dell'Ammiragliato .

Nel 1961, Pakenham ereditò da suo fratello la contea di Longford nei Pari d'Irlanda e da allora in poi fu generalmente noto al pubblico come Lord Longford . Quando i laburisti tornarono al potere nell'ottobre del 1964 sotto Harold Wilson , Longford fu nominato Lord Privy Seal e Leader della Camera dei Lord , nonostante Wilson avesse poco rispetto per lui. Nel dicembre 1965 divenne Segretario di Stato per le Colonie , continuando come Capo della Camera dei Lord. Dopo soli quattro mesi presso l'Ufficio Coloniale, fu rimosso dall'incarico per non essere riuscito a padroneggiare il suo mandato, e divenne di nuovo Lord Privy Seal nell'aprile del 1966. Wilson parlava spesso di licenziare Longford dal suo governo, che alcuni ritengono abbia portato alle dimissioni di Longford da Lord Privy Seal e Leader della Camera dei Lord nel gennaio 1968, sebbene l'effettiva occasione delle sue dimissioni sia stata l'incapacità del segretario all'Istruzione Patrick Gordon Walker di accettare l'innalzamento dell'età per l'abbandono scolastico. Nel 1972 è stato creato Cavaliere della Giarrettiera .

riforma penale

Longford iniziò a visitare i prigionieri negli anni '30 quando era consigliere comunale a Oxford, e continuò a farlo ogni settimana, in tutto il paese, fino a poco prima della sua morte nel 2001. Tra le migliaia di cui fece amicizia e aiutò c'era un piccolo numero di individui che aveva commesso i crimini più noti, tra cui l'omicida di bambini Myra Hindley .

Nel 1956 fondò la New Bridge Foundation, un'organizzazione che mirava ad aiutare i detenuti a rimanere in contatto con la società e ad integrarli nuovamente in essa.

New Bridge ha fondato Inside Time nel 1990, l'unico quotidiano nazionale per la popolazione carceraria del Regno Unito. A partire dal 2014, la scrittrice e giornalista Rachel Billington , figlia di Longford, ha lavorato al titolo un giorno alla settimana. Longford organizzò molti dibattiti sulla riforma carceraria alla Camera dei Lord dagli anni '50 in poi e nel 1963 presiedette la commissione il cui rapporto raccomandava la riforma della politica di condanna e l'istituzione di un sistema di libertà vigilata .

Longford è stata una figura di spicco nel Festival della luce nazionale del 1971, protestando contro lo sfruttamento commerciale del sesso e della violenza e sostenendo l'insegnamento di Cristo come chiave per recuperare la stabilità morale nella nazione. La sua campagna contro la pornografia lo ha reso oggetto di derisione ed è stato etichettato dalla stampa come Lord Porn quando lui e l'ex medico carcerario Christine Temple-Saville hanno intrapreso un ampio tour degli stabilimenti dell'industria del sesso nei primi anni '70 per compilare un rapporto autofinanziato. La stampa ha fatto molte delle sue visite agli strip club di Copenaghen.

Peter Stanford ha scritto in The Guardian ' s necrologio di Longford che alla fine del 1980, il peer è stato contattato dal notaio per un giovane olandese, condannato per un reato di droga, ha inviato al carcere di Albany l'Isola di Wight, che soffriva di AIDS ed era stato tagliato fuori dalla sua famiglia. Longford è stata l'unica persona a visitare il moribondo, gesto ripetuto in innumerevoli episodi che non ha mai fatto notizia, ma che ha portato soccorso e sollievo.

Myra Hindley

Ha guadagnato una reputazione per l'eccentricità, diventando noto per i suoi sforzi per riabilitare i delinquenti e in particolare la campagna per la libertà vigilata e il rilascio dalla prigione dell'assassino dei Mori Myra Hindley, che era stato imprigionato a vita insieme a Ian Brady nel 1966 per gli omicidi dei Mori .

Il sostegno di Longford per Hindley ha portato al soprannome Lord Wrongford dalla stampa scandalistica, che in gran parte si è opposta al rilascio di Hindley dalla prigione. Coincise anche con il contatto di Longford con Hindley che divenne di dominio pubblico nel 1972, quando "Lord Porn" era nel bel mezzo della debacle di una tanto ridicola crociata anti-pornografia contro "l'indecenza", dando origine a più accuse di ipocrisia di quanto non fosse già risultato dei suoi tour nei club del sesso. Nel 1977, 11 anni dopo che Hindley fu condannata per due omicidi e per essere complice di un terzo omicidio, Longford apparve in televisione e parlò apertamente della sua convinzione che Hindley dovesse ora essere considerata per la libertà vigilata poiché aveva mostrato chiari segni di progresso in prigione e ora ha prestato servizio abbastanza a lungo da consentire al Parole Board di valutare la sua idoneità per la scarcerazione. Ha anche sostenuto le affermazioni di Hindley secondo cui il suo ruolo negli omicidi dei Mori era semplicemente quello di un complice riluttante, piuttosto che un partecipante attivo, e che aveva preso parte solo a causa degli abusi e delle minacce di Brady. Queste affermazioni sono state trasmesse nell'episodio inaugurale di Brass Tacks , che ha caratterizzato argomenti a favore e contro Hindley considerato per la libertà vigilata. Ann West, la madre di Lesley Ann Downey, ha parlato della sua determinazione a non rilasciare Hindley e ha detto apertamente agli spettatori che avrebbe ucciso Hindley se mai fosse stata rilasciata.

Nel 1985 condannò la decisione del Parole Board di non considerare "barbaro" il rilascio di Hindley per altri cinque anni. La sua campagna per Hindley è continuata anche dopo aver ammesso altri due omicidi nel 1986, il che ha ulteriormente rafforzato i media e l'opinione pubblica secondo cui qualsiasi rapporto sui progressi di Hindley in prigione non era altro che uno stratagemma per aumentare le sue possibilità di ottenere il rilascio dal carcere.

Nel 1990, il ministro degli Interni David Waddington stabilì che "la vita dovrebbe significare vita" per Hindley, a cui era stato detto dai precedenti ministri dell'Interno e dai giudici dell'Alta Corte che avrebbe dovuto scontare un minimo di 25 e poi 30 anni prima di essere presa in considerazione per la libertà vigilata. Hindley non fu informata della decisione fino al dicembre 1994, e Longford in seguito espresse il suo "disgusto" per questa sentenza, paragonando la sua prigionia a quella degli ebrei nella Germania nazista. A questo punto Hindley, che inizialmente aveva pensato che avere "amici nelle alte sfere" potesse solo aiutare la sua causa, aveva interrotto ogni contatto e comunicazione con lui, considerandolo ora una responsabilità la cui "campagna" era poco più che ricerca di pubblicità su proprio conto.

I successivi tre ministri dell'Interno erano tutti d'accordo con la sentenza di Waddington. Hindley ha presentato ricorso contro la sua tariffa a vita intera presso l' Alta Corte nel dicembre 1997, novembre 1998 e marzo 2000, ma ogni ricorso è stato respinto. Longford sosteneva di essere una donna cambiata che non rappresentava più una minaccia per la società e si era qualificata per la libertà vigilata. Commentava regolarmente, insieme a molti altri sostenitori di Hindley, che era una " prigioniera politica " che veniva tenuta in prigione per votare, per servire gli interessi di una serie di ministri dell'Interno e dei loro rispettivi governi. I file del Ministero degli Interni avrebbero in seguito rivelato che nel 1975 Longford aveva anche esercitato pressioni su vari ministri del governo, tra cui il ministro degli Interni Roy Jenkins, anche per conto di Brady. Ciò ha portato Brady a ottenere un trattamento speciale pur rimanendo nell'ospedale della prigione, piuttosto che essere restituito all'unità di segregazione. Questo gli ha dato accesso a detenuti adolescenti in "custodia giovanile"; è stato rimosso da questa situazione privilegiata solo nel 1982, dopo essere stato accusato da diversi detenuti minorenni di violenza sessuale.

Nel marzo 1996, Longford ha sostenuto l'affermazione di Hindley in una rivista dell'Università di Oxford secondo cui era ancora in prigione in modo che il governo conservatore - in svantaggio nei sondaggi d'opinione dall'autunno del 1992 - ottenesse più voti. Questa affermazione è stata accolta con rabbia dalle madri di due delle vittime di Moors Murders, tra cui Ann West, che è rimasta al centro della campagna per assicurarsi che Hindley non fosse mai rilasciata, e ancora una volta ha promesso di uccidere Hindley se fosse stata liberata. Longford ha regolarmente condannato i media per aver "manipolato" l'Occidente e alimentato il suo desiderio di vendetta, essendo particolarmente critico nei confronti del quotidiano The Sun per il suo "sfruttamento" dell'Occidente - riferendosi alle sue numerose interviste televisive e sui giornali in cui ha discusso contro qualsiasi suggerimento di Hindley mai essere rilasciato sulla parola, spesso minacciando di ucciderla se fosse mai stata liberata. Nel 1986, secondo quanto riferito, Longford disse a West che, a meno che non avesse perdonato Hindley e Brady, non sarebbe andata in paradiso quando fosse morta. Ha anche commentato che era "estremamente dispiaciuto per lei, ma lasciarla decidere il destino di Myra sarebbe ridicolo".

Hindley è morto nel novembre 2002, non essendo mai stato rilasciato sulla parola.

La storia della campagna di Longford alla libera Hindley è stato detto nel Channel 4 film di Longford nel 2006. Longford è stato interpretato da Jim Broadbent (che ha vinto un BAFTA per il suo ruolo) e Hindley è stato interpretato da Samantha Morton .

Depenalizzazione dell'omosessualità

Nel 1956 Longford lanciò il primo dibattito parlamentare a sostegno del Rapporto Wolfenden , che raccomandava la depenalizzazione dell'omosessualità . Era stato un convinto sostenitore pubblico di Lord Montagu e del suo amante Peter Wildeblood dopo che i due furono incarcerati per aver infranto le leggi anti-gay nei primi anni '50, e li visitava regolarmente in prigione.

Negli anni '60, assumendo la guida della depenalizzazione dell'omosessualità in Inghilterra e Galles , sostenne ancora l'opinione che affermava che l'omosessualità fosse "nauseante" e che, indipendentemente da qualsiasi cambiamento nella legge, fosse "assolutamente illecita". Riteneva che l'omosessualità fosse qualcosa che si può insegnare.

A metà degli anni '80, Longford è stato un sostenitore vocale dell'introduzione della Sezione 28 da parte del governo conservatore di Margaret Thatcher e, durante i dibattiti parlamentari, ha affermato la sua opinione che gli omosessuali sono "persone handicappate". La sezione 28 è diventata legge nel 1988, ma Longford ha continuato a sostenerla e ha combattuto contro la sua abrogazione quando il nuovo governo laburista è salito al potere nel 1997. È stata abrogata nel 2003.

La condanna molto pubblicizzata dell'omosessualità di Longford alla fine degli anni '80 lo ha reso un bersaglio del comico Julian Clary , che spesso lo ha fatto satira nei suoi spettacoli teatrali e apparizioni televisive.

Longford si è anche opposto ai piani del governo laburista di eguagliare l' età del consenso per gli uomini gay (a quel tempo 18 anni) con quella degli uomini eterosessuali (16), e in un dibattito della Camera dei Lord del 1998 ha osservato che:

...se qualcuno avesse sedotto mia figlia, sarebbe stato dannoso e terrificante, ma non fatale. Si sarebbe ripresa, si sarebbe sposata e avrebbe avuto tanti figli... D'altra parte, se qualche maestro anziano, o meno anziano, avesse sedotto uno dei miei figli e gli avesse insegnato ad essere omosessuale, lo avrebbe rovinato a vita. Questa è la distinzione fondamentale.

L'età del consenso per gli uomini gay è stata eguagliata a 16 anni nel 2000.

Riforme della Camera dei Lord (1999)

Ai sensi della House of Lords Act 1999 , la maggior parte dei pari ereditari ha perso il privilegio di un seggio e il diritto di voto nella House of Lords . Tuttavia, Longford era uno dei quattro individui che erano pari ereditari della prima creazione (nel suo caso il primo barone Pakenham). Come tale, fu creato pari a vita , e rimase nei Signori come Barone Pakenham di Cowley , di Cowley nella Contea dell'Oxfordshire. All'età di 93 anni, divenne la seconda persona più anziana a cui fu concesso un titolo nobiliare (dopo Lord Maenan ).

scritti

Conosciuto per il suo interesse per la storia irlandese, ha scritto numerosi libri sull'argomento. Peace By Ordeal: An Account from First Hand Sources of the Negotiation and Signature of the Anglo-Irish Treaty of 1921 , pubblicato nel 1935, è probabilmente la sua opera più nota. Documenta i negoziati del Trattato anglo-irlandese del 1921 tra i rappresentanti irlandesi e britannici. Il suo resoconto utilizza fonti primarie dell'epoca, molte tuttavia anonime. I commentatori differiscono ampiamente sui suoi meriti e affidabilità.

Longford ha ammirato molto Éamon de Valera ed è stato scelto come coautore della sua biografia ufficiale Éamon de Valera , che è stata pubblicata nel 1970, scritta insieme a Thomas P. O'Neill . Ha fatto una campagna per decenni per far restaurare le immagini del lascito di Hugh Lane a Dublino, e con Lord Moyne e Sir Denis Mahon, ha negoziato un accordo di condivisione di compromesso nel 1959.

Vita privata

A Oxford, Longford incontrò sua moglie, Elizabeth Harman , una studentessa universitaria alla Lady Margaret Hall . Il loro matrimonio ha prodotto quattro figli e quattro figlie, seguiti da 26 nipoti e 18 pronipoti.

Longford è morto nell'agosto 2001 all'età di 95 anni ed è stato cremato al Mortlake Crematorium .

Sua moglie, Elizabeth Pakenham, contessa di Longford , è morta nell'ottobre 2002 all'età di 96 anni. È stata l'autrice di Victoria RI (1964), una biografia della regina Vittoria, pubblicata negli Stati Uniti come Born to Succeed . Ha anche scritto una biografia in due volumi del Duca di Wellington e un volume di memorie, The Pebbled Shore . Si presentò al Parlamento come candidata laburista per Cheltenham nelle elezioni generali del 1935 e per Oxford nel 1950 .

L'allora primo ministro, Tony Blair , disse di Longford dopo la sua morte: "Era un grande uomo di integrità e umanità appassionate, e un grande riformatore impegnato a modernizzare la legge, mentre si prendeva anche cura profondamente delle persone".

Guarda anche

Riferimenti

Ascendenza

Film su Lord Longford

Libri su Lord Longford

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Cesare Garofalo

L'informazione su Frank Pakenham, VII conte di Longford è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita

Ciro Silvestri

Avevo bisogno di trovare qualcosa di diverso sulla Frank Pakenham, VII conte di Longford, non la tipica roba che si legge sempre su internet e mi è piaciuto questo articolo sulla Frank Pakenham, VII conte di Longford, Ottimo post sulla Frank Pakenham, VII conte di Longford

Nicola Ferri

Questo post su Frank Pakenham, VII conte di Longford mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Frank Pakenham, VII conte di Longford mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto

Danilo Giuliani

Grazie per questa voce su Frank Pakenham, VII conte di Longford, è proprio quello che mi serviva, Grazie per questa voce su Frank Pakenham, VII conte di Longford, è proprio quello che mi serviva