Frank Moorhouse



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Moorhouse sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Moorhouse in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Moorhouse che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Moorhouse, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Moorhouse, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Moorhouse. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Moorhouse AM
Nato Frank Thomas Moorhouse 21 dicembre 1938 Nowra, Nuovo Galles del Sud , Australia
( 1938-12-21 )
Occupazione Giornalista, scrittore, romanziere, sceneggiatore
Nazionalità australiano
Periodo anni '70-presente
Movimento letterario scrittore Balmain
Opere notevoli Palazzo oscuro (2000)
Sposa Wendy Halloway (1959-1963)

Frank Moorhouse AM (nato il 21 dicembre 1938) è uno scrittore australiano. Ha vinto importanti premi nazionali australiani per il racconto, il romanzo, il saggio e per la sceneggiatura. Il suo lavoro è stato pubblicato nel Regno Unito, in Francia e negli Stati Uniti e tradotto anche in tedesco, spagnolo, cinese, giapponese, serbo e svedese.

Moorhouse è forse meglio conosciuto per aver vinto nel 2001 il Miles Franklin Literary Award per il suo romanzo, Dark Palace ; che insieme a Grand Days e Cold Light , la "Edith Trilogy" è un racconto immaginario della Società delle Nazioni , che ripercorre la strana e contorta vita di una giovane donna che entra nel mondo della diplomazia negli anni '20 fino al suo coinvolgimento nella Agenzia internazionale per l'energia atomica di nuova costituzione dopo la seconda guerra mondiale.

Primi anni di vita

Frank Thomas Moorhouse è nato a Nowra , nel Nuovo Galles del Sud, in Australia, da padre neozelandese di etnia britannica e madre australiana di terza generazione di origine britannica. Suo padre era un inventore di macchine agricole che, insieme alla moglie, fondò una fabbrica a Nowra per realizzare macchinari per l' industria casearia .

Moorhouse è stato un lettore costante fin dalla tenera età e ha deciso di diventare uno scrittore dopo aver letto Alice nel Paese delle Meraviglie mentre era costretto a letto per mesi a causa di un grave incidente quando aveva 12 anni: "Dopo aver sperimentato la magia di questo libro, volevo essere il mago che ha fatto la magia."

La scuola materna e primaria di Moorhouse è stata a Nowra Central e la sua scuola secondaria alla Wollongong Secondary Junior Technical High School (WSJT) High School per il certificato intermedio e la Nowra High School per il diploma di maturità. Il suo servizio militare include cadetti della scuola dell'esercito per due anni al WSJT, tra cui il corso di specializzazione dei segnali e il corso per ufficiali cadetti. Ha completato il suo servizio militare nazionale obbligatorio di tre mesi di addestramento di base e tre anni part-time nell'esercito di riserva (fanteria) nel reggimento dell'Università di Sydney e nel reggimento Riverina, Wagga Wagga (1957-1960). Ha studiato scienze politiche universitarie, storia australiana, inglese e giornalismo - legge, storia e pratica, all'Università del Queensland come studente esterno mentre lavorava come giornalista cadetto a Sydney e come giornalista a Wagga Wagga, senza completare un livello.

Carriera di scrittore

Dopo aver lasciato la scuola, Moorhouse ha iniziato la sua carriera come copista e poi si è formato come giornalista cadetto sul Daily Telegraph (1955-1957). Ha poi lavorato come cronista e redattore su quotidiani di campagna negli anni 1958-1962; il Wagga Wagga Advertiser come giornalista, il Riverina Express come giornalista e la Lockhart Review come editore. Tornò a Sydney per diventare amministratore e tutor in studi sui media per la Workers' Educational Association (WEA) e in seguito divenne editore della rivista WEA The Highway (1963-1965). Ha lavorato come organizzatore sindacale per l' Australian Journalists' Association e come redattore part-time del quotidiano The Australian Worker dell'AWU - un sindacato che rappresenta tosatori, mandriani e altri lavoratori rurali - il più antico giornale sindacale in Australia (1964). Nel 1966 è stato per un breve periodo redattore del quotidiano nazionale The Boorowa News .

A diciotto anni pubblicò il suo primo racconto, The Young Girl and the American Sailor , sulla rivista Southerly , seguito dalla pubblicazione dei primi racconti su Meanjin , Overland , Quadrant , Westerly e altre riviste letterarie australiane.

Moorhouse è diventato uno scrittore di narrativa a tempo pieno negli anni '70, scrivendo anche saggi, racconti, giornalismo e sceneggiature per film, radio e TV. All'inizio della sua carriera ha sviluppato una struttura narrativa che ha descritto come la 'narrativa discontinua'.

Moorhouse ha anche scritto e tenuto conferenze sul modo in cui la comunicazione e il controllo della comunicazione si sono sviluppati e il rapporto dei professionisti creativi con l'economia e il sistema politico. È stato attivo nella difesa della libertà di espressione e nell'analisi delle questioni che la riguardano e negli anni '70 è stato arrestato e processato in un paio di occasioni durante una campagna contro la censura. È stato presidente, direttore e membro del gruppo fondatore dell'Australia Copyright Agency (CAL) , che è stata istituita da editori e autori per coordinare l'uso del copyright e che ora distribuisce milioni di dollari all'anno agli scrittori australiani. È stato presidente della Australian Society of Authors e membro dell'Australian Press Council . È stato anche un organizzatore dell'Associazione dei giornalisti australiani .

Moorhouse è stato nominato membro del comitato di eminenti scrittori del SYDNEY PEN nel 2005.

Ha partecipato a conferenze australiane e straniere in arte, comunicazione e aree correlate e ha insegnato, è stato docente ospite e scrittore in residenza presso università australiane e straniere.

Vita privata

Moorhouse sposò la sua ragazza del liceo Wendy Halloway nel 1959, ma si separarono quattro anni dopo, senza figli. Da allora ha condotto una vita bisessuale a volte turbolenta plasmata dalla sua stessa androginia , parte della quale è raccontata nel suo libro Martini: A Memoir (Random House 2005). Moorhouse attualmente vive da solo a Potts Point , Sydney. All'inizio della sua carriera si è impegnato in una filosofia del candore personale, affermando che non c'era domanda che una persona potesse chiedergli a cui non avrebbe cercato di dare una risposta onesta. Nel suo commento pubblico ha messo in discussione la nozione di separazione tra vita pubblica e privata e il concetto di privacy.

Nel corso della sua vita è andato spesso da solo in otto giorni, su mappa e bussola, trekking fuori pista in aree selvagge. È anche un buongustaio. Una volta ha detto che era un membro di un gruppo di esperti chiamato Wining and Dining .

Durante la ricerca e la scrittura dei suoi romanzi della Società delle Nazioni la 'Edith Trilogy' (19892011) ha vissuto a Ginevra, varie parti della Francia, Washington DC, Cambridge e Canberra.

I suoi genitori sono morti e ha due fratelli maggiori, Owen e Arthur.

Premi e riconoscimenti

Nel 1985, Moorhouse è stato nominato membro dell'Ordine dell'Australia per il servizio alla letteratura australiana; e nel 2001 ha ricevuto la Medaglia del Centenario per il servizio alla società australiana attraverso la scrittura. Moorhouse è stato insignito del dottorato in lettere honoris causa dalla Griffith University .

Il premio letterario più significativo di Moorhouse è stato il Miles Franklin Literary Award del 2001 per il suo romanzo Dark Palace , pubblicato nel 2000.

Quarantasette ha vinto il premio Age Book of the Year e la medaglia d'oro dell'Australian Literature Society nel 1988. Lo scrittore in un'epoca di terrore è apparso sulla Griffith Review e ha vinto l'Alfred Deakin Prize nel 2007 per un saggio che fa avanzare il dibattito pubblico in the Victorian Premier's Literary Premio e il premio per il giornalismo di equità sociale in The Walkley Awards for Excellence in Journalism . Nel 1994, Grand Days ha vinto l'Adelaide Festival National Prize for Fiction; nel 1975 The Electrical Experience ha vinto il National Award for Fiction; e nel 2012 Cold Light ha vinto il Queensland Literary Award for Fiction e ha fatto parte della short list per il Miles Franklin Literary Award 2012.

The Coca-Cola Kid , una commedia romantica basata sui racconti di Moorhouse in The Americans , Baby e The Electrical Experience , dove Moorhouse ha anche scritto la sceneggiatura, è stata presentata al Festival di Cannes del 1985 ; anche se non ha ricevuto un premio.

Nel 2009 Frank Moorhouse è stato insignito della Senior Fellowship of the Zukunftskolleg presso l' Università di Costanza .

Moorhouse è stato insignito di un dottorato in lettere honoris causa dall'Università di Sydney e di dottore dell'Università dalla Griffith University.

Bibliografia selezionata

Storie brevi

  • Futilità e altri animali . Sydney, Nuovo Galles del Sud: Gareth Powell Associates. 1969. pag. 162.
  • Gli americani, Baby: una narrazione discontinua di storie e frammenti . Sydney, Nuovo Galles del Sud: Angus & Robertson. 1972. pag. 220. ISBN 978-0-207-12491-4.
  • I parenti irregolari . Glebe, Sydney, New South Wales: pubblicato privatamente. 1973. pag. 96.
  • L'esperienza elettrica: una narrazione discontinua . Random House Australia (pubblicato nel 1974). 2008. ISBN 978-1-74051-142-1.
  • Racconti di mistero e romanticismo . Sydney, Nuovo Galles del Sud: Angus & Robertson. 1977. pag. 162. ISBN 978-0-207-95700-0.
  • L'eterna famiglia segreta . North Ryde, Nuovo Galles del Sud: Angus & Robertson (pubblicato nel 1980). 1991. pag. 213. ISBN 978-0-207-17179-6.
  • Gli ultimi spettacoli . Sydney: Pan Macmillan. 1990. pag. 217. ISBN 0330272160.

Romanzi e novelle

Umorismo e memoria

  • Servizio in camera: scritti a fumetti di Frank Moorhouse . Ringwood, Victoria: vichingo. 1985. pag. 174. ISBN 978-0-670-80858-8.
  • Vivere sciolto . Sydney, Nuovo Galles del Sud: Picador. 1995. pag. 251. ISBN 978-0-330-35719-7.
  • L'ispettore generale dell'equivoco: il compendio definitivo per risolvere le cose . Milsons Point, Nuovo Galles del Sud: Vintage. 2002. pag. 296. ISBN 978-0-09-184162-1.
  • Martini: un ricordo . Milsons Point, Nuovo Galles del Sud: Random House Australia. 2005. pag. 240. ISBN 978-1-74051-312-8.

Antologie

  • Moorhouse, Frank, ed. (1973). Da costa a costa : Storie australiane 1973 . Sydney, Nuovo Galles del Sud: Angus & Robertson. P. 141. ISBN 978-0-207-12693-2.
  • Moorhouse, Frank, ed. (1980). Giorni di vino e rabbia . Ringwood, Victoria: Penguin Books. P. 446. ISBN 978-0-14-005687-7.
  • Moorhouse, Frank, ed. (1988). Finzioni 88 . Crows Nest, New South Wales: ABC Enterprises per l' Australian Broadcasting Corporation . P. 239. ISBN 978-0-642-53107-0.
  • Moorhouse, Frank, ed. (1983). Lo stato dell'arte: il mood dell'Australia contemporanea nei racconti . Ringwood, Victoria: pinguino. P. 282. ISBN 978-0-14-006598-5.
  • Moorhouse, Frank, ed. (2004). Le migliori storie australiane 2004 . Melbourne, Victoria: Black Inc. p. 218. ISBN 978-1-86395-245-3.
  • Moorhouse, Frank, ed. (2005). Le migliori storie australiane 2005 . Melbourne, Victoria: Black Inc. p. 235. ISBN 978-1-86395-110-4.

Sceneggiature per film

Film brevi

Lungometraggi

film per la TV

docudrama

Recensioni e critiche

Martini: un ricordo

Martini: A Memoir è stato pubblicato nel 2005. In parte autobiografia , in parte storia del Martini , la trama minimale del libro prevede profonde conversazioni sul cocktail tra l'autore e il suo amico ossessionato dal Martini, VI Voltz, un personaggio basato sull'amico di Moorhouse, lo sceneggiatore Steven Katz .

Il libro include lettere d'amore scritte dall'ex moglie di Moorhouse, la giornalista Wendy James, a lui durante il suo periodo da studente a Nowra . Era profondamente infelice per la loro pubblicazione non autorizzata e per il suggerimento di aver avuto una relazione con uno dei suoi insegnanti. James ha chiesto che tutti i soldi guadagnati dalla pubblicazione del libro fossero donati in beneficenza, suggerendo che gli enti di beneficenza che aiutano i bambini affetti da AIDS sarebbero stati destinatari adatti. Moorhouse si offrì di restituire 20-30 lettere a James, ma si rifiutò di scusarsi per i passaggi del libro che trattavano della relazione con l'insegnante dicendo: "Da nessuna parte nel libro viene seriamente suggerito che l'ex moglie - non che sia puramente Wendy - mai avuto una relazione con il suo insegnante. Questa idea esiste solo nella mente del personaggio, del demente narratore-autore".

Libri

  • Frank Moorhouse: Lo scrittore come artista di Pradeep Trikha (2001)

Opinioni sul suo lavoro

"Nella scrittura australiana, Moorhouse si distingue..." Le Monde, Parigi

"Dubito che Frank Moorhouse, la cui reputazione in Australia è stata costruita sul suo arguto resoconto della vita tra professionisti residenti in città e frequentatori di conferenze, si aspetterebbe di trovarsi paragonato a Henry James . Eppure le complicate esplorazioni di James sugli innocenti americani (presumibilmente) e i loro corruttori europei (presunti) sono fortemente ricordati nel duo di romanzi di Moorhouse sulle attività tra le due guerre della Società delle Nazioni, di cui Dark Palace è la parte conclusiva." Peter Porter the Guardian (Regno Unito), 9 aprile 2002

"L'incidente della sedia è un momento minore ma emblematico in Grand Days , il primo volume della serie Palais des Nations con sede a League prodotta dallo scrittore australiano Frank Moorhouse. Sarebbe un romanzo sorprendente ambientato in qualsiasi periodo, ben scritto e popolato. con personaggi accattivanti, ma la scelta dell'arco temporale di Moorhouse rende particolarmente commovente Grand Days ; le speranze e l'idealismo espressi a Ginevra negli anni '20 sono oscurati dalla consapevolezza del lettore che la Società delle Nazioni è destinata a essere un nobile fallimento.

"In breve, c'è molto di Henry James in questo romanzo: l'enfasi sulla complessità dell'interazione sociale, sui dettagli trascurati della vita, sullo scontro di modi e culture. Moorhouse, naturalmente, è più moderno di James - uno dei grandi amici di Edith Berry Campbell è transessuale ma anche più arcigno , dando a Grand Days un umorismo e una comicità assenti dalla maggior parte del lavoro del maestro.

"Come James, anche Moorhouse non è eccessivamente interessato alla trama superficiale. Quando Edith, all'inizio del romanzo, accetta il dono di una rivoltella da uno strano americano di nome Col. Strongbow, il lettore si aspetta che la pistola riappaia ad un certo punto; non lo fa mai, però, perché pochi degli incidenti accusati e apparentemente significativi dei Grand Days hanno conseguenze esterne." Chris Goodrich, Los Angeles Times, 5 giugno 1994

«Beviamo alla disciplina dell'indisciplina che deve guidarci tutti in ogni azione». L'eroe annuncia vicino all'inizio del romanzo ironico, ellittico, divertente e triste di Frank Moorhouse che, come un abito casual da una casa di moda, è costruito con l'arte che nasconde l'arte - un vero modello di eleganza spettinata.

'...In mezzo a queste affermazioni di rigorosa flessibilità un romanzo zeppo di idee, costruito in brevi capitoli lavorati finemente come se fossero racconti individuali, intrecciati con echi verbali e risonanze emotive...'

"... una voce assolutamente distintiva: discorsiva, sexy, furiosamente scettica, istruita, disperatamente romantica, maleducata."

'...I paragoni con Milan Kundera non sono fuori luogo, anche se i personaggi femminili del signor Moorhouse sono molto più credibili... il suo effetto è inaspettato, esilarante, disorientante, a volte esilarante... Fa ridere e pensare.'

Angela Carter, New York Times ( Forty-Seventeen ), recensione a pagina intera 3. [La data è in fase di individuazione]

'A differenza di molti scrittori maschi, Moorhouse è a suo agio nello scrivere del modo in cui le persone capiscono e si esprimono sessualmente... questa è una raccolta straordinaria... soprattutto; è una lettura formidabile...' Delys Bird, Australian Book Review ( Forty-Seventeen ) [La data è stata individuata]

'Mostruoso, patetico ed esilarante... crea personaggi femminili ammirevoli...' Elizabeth Ward Washington Post ( Forty-Seventeen ) [La data è in fase di individuazione]

'con l'abilità della sua scrittura e l'astuzia delle sue osservazioni sul comportamento umano, ma con la sua capacità di romanzare documenti che altrimenti potrebbero essere troppo dolorosi da leggere. Rendendo accettabile ciò di cui scrive in questo modo, estende enormemente la gamma del comportamento umano che siamo in grado di contemplare con equanimità, umorismo e compassione.' Gay Raines, Studi australiani. ( Quaranta-diciassette ) [La data è in fase di individuazione]

'...un'opera dell'immaginazione irriducibilmente ricca, sostenuta e complessa... che mostra il segno tranquillo del genio... In tutto, le gemme del libro derivano dalla gioia. Delizia nelle parole, nelle sensazioni, nel lavoro, nell'amore.' Natasha Walter, The Independent, Londra, 11 settembre 1993

'..il principale tra i tanti piaceri di questo meraviglioso romanzo è la soddisfazione di sentire che mentre ti viene in mente, ad ogni passo, perché ti è piaciuto leggere in passato, non stai mai nemmeno per un momento senza leggere del presente... non avrai avuto risultati migliori come lettore da quando hai letto Middlemarch .' Howard Jacobson, Sunday Times, 12 settembre 1993.

'... combina una ricerca meticolosa con fantasiosa bravura per trasformare quello che lui chiama "un baule nella soffitta della storia" in un romanzo esuberante... la dice lunga sulla capacità di Frank Moorhouse di narratore che Grand Days non senti finché è effettivamente (oltre 500 pagine).' Lucasta Miller, London Sunday Telegraph, 26 settembre 1993.

"Frank Moorhouse ha optato per la miscela di personaggi storici e di fantasia che trasforma il romanzo in un docudrama epico." Nicola Walker, Times Literary Supplement, 24 settembre 1993

«Questo è un romanzo grande, luminoso, affettuoso e ben gestito. Mostra Frank Moorhouse che passa dai giorni del vino e della rabbia ai suoi grandi giorni.' Brian Matthews, London Sunday Independent, 26 settembre 1993

' Grand Days è facilmente il romanzo più originale che abbia letto quest'anno sia nell'argomento... e nello stile...' Margaret Forster, London Telegraph Books of The Year, 12 dicembre 1993.

'...non vale la pena leggerlo, ma rileggerlo.' Natasha Walter, Independent, Writers ripensa a Highlights of 1993, 4 dicembre 1993.

'... Grand Days è una celebrazione del romanzo come forma, per la sua inclusività e le sue verità contingenti, così come i requisiti che ci sottomettiamo al suo racconto...La narrativa contemporanea deve reimparare a proporre e saltare a incarnare proposta. Questo romanzo fa entrambe le cose magnificamente, sfidandoci ad ascoltare con completa e rapita attenzione Edith mentre irrompe nella vita attraverso queste molte pagine. Che accettiamo la sua parola o che accettiamo la sua autovalutazione non è importante perché siamo stati implicati nella sua singolarità... È un romanzo ricco e arricchente, fuori dal suo tempo ma vitale per esso, la cui scrittura è un atto di ispirazione. ." Guy Mannes-Abbott, The Guardian, 28 dicembre 1993.

'...Moorhouse ha enormi doti: è il nostro scrittore più divertente e il nostro miglior conoscitore della commedia di costume.' Peter Goldsworthy, La recensione di Adelaide. [La data è in fase di individuazione]

Nel luglio 2012, Michael Chamberlain ha rotto il silenzio sul "docudrama" di Frank Moorhouse che non è riuscito a mettere i Chamberlain dalla parte del caso Azaria Chamberlain (sono stati completamente scagionati) e ha detto che l'invettiva di Moorhouse è stata offensiva e che i Chamberlain devono delle scuse di Moorhouse. [Trasmissione ABC666, Michael Chamberlain intervistato da Andrea Close giovedì 12 luglio 2012]

Riferimenti

  • Brian McFarlane, Geoff Mayer, Ina Bertrand (a cura di) (1999). Il compagno di Oxford al cinema australiano . Melbourne, Australia ; New York: Oxford University Press. ISBN 0-19-553797-1.CS1 maint: nomi multipli: elenco autori ( link ) CS1 maint: testo extra: elenco autori ( link )

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Rosaria Re

Sono stato felice di trovare questo articolo su Frank Moorhouse, Sono stato felice di trovare questo articolo su Frank Moorhouse

Rossella Magnani

La voce su Frank Moorhouse è stata molto utile per me, Grazie

Alessandro Marino

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Frank Moorhouse

Marcello Grossi

Grazie. L'articolo su Frank Moorhouse è stato utile per me, Articolo molto interessante su Frank Moorhouse