Frank Meyer (filosofo politico)



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Meyer (filosofo politico) sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Meyer (filosofo politico) in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Meyer (filosofo politico) che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Meyer (filosofo politico), ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Meyer (filosofo politico), senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Meyer (filosofo politico). Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Meyer
Frankmeyer.jpg
Nato ( 1909-05-09 )9 maggio 1909
Newark , New Jersey , Stati Uniti
Morto 1 aprile 1972 (1972-04-01)(di età compresa tra 62)
Woodstock , New York , Stati Uniti
Alma mater Balliol College ( BA , MA )
Era Filosofia del XX secolo
Regione Filosofia occidentale

Frank Meyer Straus ( / m a . r / ; 9 Maggio 1909 - 1 aprile 1972) è stato un americano filosofo e attivista politico più noto per la sua teoria della " fusionism " - una filosofia politica che unisce elementi di libertarismo e tradizionalismo in una sintesi filosofica che si pone come la definizione del moderno conservatorismo americano . La filosofia di Meyer è stata presentata in due libri, principalmente In Defense of Freedom: A Conservative Credo (1962) e anche in una raccolta dei suoi saggi, The Conservative Mainstream (1969). Il fusionismo è stato riassunto da EJ Dionne , Jr. come "utilizzo di mezzi libertari in una società conservatrice per fini tradizionalisti".

Vita privata

Meyer è nato a Newark, nel New Jersey , da un'importante famiglia di affaristi di origine ebraica tedesca , figlio di Helene (Straus) e Jack F. Meyer. Ha frequentato la Princeton University per un anno e poi trasferito al Balliol College presso l'Università di Oxford , dove ha conseguito la laurea nel 1932 e il MA nel 1934. In seguito ha studiato alla London School of Economics ed è diventato il presidente del sindacato studentesco prima di essere espulso e deportato nel 1933 per il suo attivismo comunista .

Come molti dei fondatori della rivista National Review , Meyer è stato dapprima un apparatchik del Partito Comunista USA prima di convertirsi al conservatorismo politico . Le sue esperienze come un comunista sono riportati nel suo libro La Fusione di comunisti: La formazione dei quadri comunisti nel 1961. Ha iniziato una "rivalutazione straziante dei suoi comunisti credenze" dopo aver letto FA Hayek s' La via della schiavitù , mentre ha servito nell'esercito degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale , e ha fatto una rottura completa nel 1945, dopo 14 anni in servizio attivo di leadership per il Partito Comunista e la sua causa. Dopo la guerra, contribuì con articoli al primo periodico del libero mercato The Freeman , e in seguito si unì allo staff originale della National Review nel 1955.

Dopo aver completato il suo turno a destra, Meyer divenne uno stretto consigliere e confidente di William F. Buckley, Jr. , fondatore ed editore della National Review , che, nell'introduzione al libro di Buckley Did You Ever See a Dream Walking: American Conservative Thought in the 20th Century (1970), ha dato a Meyer il merito di aver sintetizzato correttamente le tendenze tradizionaliste e libertarie nel conservatorismo, a partire dalla rivista stessa. Meyer ha scritto una rubrica "Principi ed eresie", che è apparsa in ogni numero della rivista; era il suo editore di recensioni di libri; e ha agito come un importante portavoce dei suoi principi.

Meyer ha sposato l'ex Elsie Bown. Ebbero due figli, John Cornford Meyer, un avvocato, e poi Eugene Bown Meyer, che divenne presidente della Federalist Society . Entrambi i figli detengono titoli internazionali negli scacchi. John è un Maestro FIDE ed Eugene detiene il grado di Maestro Internazionale , appena al di sotto del Gran Maestro .

Meyer si convertì al cattolicesimo poco prima di morire di cancro ai polmoni nel 1972.

Meyer era noto nei circoli conservatori e libertari per il suo stile di vita notturno. Buckley e altri hanno ricordato in Miles Gone By: A Literary Autobiography che Meyer avrebbe dormito il giorno e sarebbe stato al telefono di notte per conto del suo giornalismo e attivismo. Il suo intelletto brillante e la sua presentazione appassionata gli valsero un ampio seguito tra gli intellettuali conservatori negli anni '60 e '70, che lo promossero individualmente e attraverso l'organizzazione da lui cofondata, l' American Conservative Union , e attraverso altre moderne istituzioni conservatrici e gruppi di riflessione da lui influenzati, tra cui The Heritage Foundation , The Fund for American Studies , Intercollegiate Studies Institute e Young America's Foundation.

Filosofia della storia

Il punto più importante per iniziare a collocare Meyer nel contesto è il suo articolo "Civiltà occidentale: il problema della libertà politica", che ha chiuso il suo 1996 In Defense of Freedom and Related Essays . Come pensatore di quella che FA Hayek chiamava la scuola filosofica "razionalista critica", che è più empirica del "razionalismo costruttivista" del deduttivismo a priori , la comprensione di Meyer della storia del mondo è centrale nella sua filosofia. L'argomento essenziale di Meyer si basa esplicitamente sull'Ordine e la storia in più volumi del filosofo Eric Voegelin secondo cui tutta la storia del mondo fino ai tempi più moderni era composta da società "cosmologiche" che unificavano tutta l'attività sociale sotto un mito dominante che sussumeva la società e lo stato in una comprensione comune e il monismo del potere. Meyer ha etichettato le società "strettamente unificate" nei loro costumi, cultura, economia, religione e governo sopprimendo tutte le interpretazioni contraddittorie.

Dopo "Liberty in Ancient Times" di Lord Acton , Meyer ha trovato solo due "agitazioni" storiche in cui quell'unità cosmologica è stata anche temporaneamente violata. Ad Atene, Socrate ha usato la sua visione della grotta per scoprire una realtà dietro la sua realtà cosmologica interpretata dalle sue autorità democratiche, che le hanno sfidate considerando le forme ideali come il vero deposito di verità al di là dei miti della sua cultura. L'unità fu messa in discussione in modo così radicale che la società si rivolse al profeta, lo uccise e tornò alla sua precedente unità. Allo stesso modo Abramo rifiutò l'unità cosmologica di Ur e rivendicò un Dio indipendente e più potente del suo mito, che Mosè rafforzò anni dopo rifiutando la società cosmologica egiziana per stabilire una Gerusalemme i cui profeti avrebbero ugualmente sfidato lo stato e la società, con Nathan che addirittura costringeva il monarca ad ammettere il male e a pentirsi. Tuttavia, i rappresentanti del potere statale generalmente ignoravano o limitavano gli sfidanti e, in ogni caso, un nuovo stato cosmologico, Roma, pose fine a entrambi i moti e stabilì un'unità cosmologica ancora più forte.

Cesare divenne il "simbolo santificato del cosmo", nei termini di Meyer, e arrivò a dominare il mondo conosciuto. Lo stesso è accaduto in Cina, India, Persia, nelle Americhe e nel resto. I tempi moderni non hanno rotto l'unità fino a quando una vocina nell'entroterra di Roma ha gridato: "Rendete a Cesare ciò che è di Cesare ea Dio ciò che è di Dio". L'Incarnazione, il "lampo dell'eternità nel tempo" come la definì Meyer, di fatto recise l'unità con i suoi effetti concreti e si dimostrò empiricamente ancora più duratura in Europa di Cesare. Tuttavia, non ha creato una nuova unità, ma una "tensione" tra il potere empirico e un potere mistico proveniente da un altro mondo ma che dà energia a questo mondo. In Europa sono "due serie di tensioni" di chiesa e stato contestate e in seguito si sono aggiunte altre tensioni da città, paesi e proprietà che sono culminate in una Magna Carta che non richiedeva una sola forza per unificare il resto, che ha creato le condizioni per la libertà sotto concordato sulla legge, piuttosto che su un singolo modo cosmologico imposto dallo stato.

L'idea di dividere il potere per consentire la libertà all'interno della sua tradizione è stata realizzata solo parzialmente nell'Europa medievale e in seguito è stata messa in discussione fondamentalmente dall'ascesa di monarchie e parlamenti nazionali, che rivendicavano un diritto e un potere divino o popolare di ricostituirsi in nuove forme cosmologiche o utopiche recuperare il senso dell'ordine e dell'unità promessi dal monismo. Prima che la tensione fosse domata in Inghilterra, fu trasferita in America, dove fu protetta dal suo isolamento coloniale, permettendo alla tensione e all'equilibrio di potere tra libertà e tradizione di raggiungere il suo apice nella Costituzione degli Stati Uniti . La tentazione utopica di tornare nel bozzolo dell'unità cosmologica o radicale, tuttavia, sopravvisse anche in America.

Sia che la riforma fosse domestica, come da Woodrow Wilson , o influenze più straniere, come Jean-Jacques Rousseau , Hobbes e Niccolò Machiavelli , videro la divisione del potere e la tradizione che ne sosteneva la tensione come i problemi sociali centrali dei tempi moderni, con il compito della riforma per rimuovere gli impedimenti a una restaurata unità. Per Meyer, il compito del conservatorismo era preservare la tensione della tradizione occidentale per proteggere la libertà umana, che era intrinsecamente pluralista.

Libertà e tradizione

Nel suo libro più influente, In Defense of Freedom , la libertà è stata definita in ciò che Isaiah Berlin avrebbe etichettato in termini "negativi" come la minimizzazione dell'uso della coercizione da parte dello stato nel suo ruolo essenziale di impedire alla libertà di una persona di invadere quella di un'altra. Mentre l'utopismo di sinistra era considerato la minaccia immediata alla sopravvivenza di questa libertà, Meyer mirava a un "nuovo conservatorismo" come principale protagonista contro la libertà di destra ai suoi tempi. Questo nuovo conservatorismo vedeva la società come un organismo il cui agente era il governo nazionale piuttosto che gli stati o le entità private. I nuovi conservatori erano meno statalisti della sinistra e sostenevano persino retoricamente la libertà, ma era una libertà definita come un fine piuttosto che come un mezzo, con Meyer che usò la definizione di libertà positiva di Clinton Rossiter del 1955 nel suo Conservatismo in America come suo principale ostacolo. .

Meyer sosteneva che la virtù poteva risiedere solo nell'individuo. Lo stato dovrebbe proteggere la libertà, ma altrimenti lasciare la virtù agli individui. Il diritto degli altri alla libertà deve essere rispettato dall'individuo anche se lo Stato non lo rispetta. Lo stato ha solo tre funzioni legittime: polizia, esercito e sistema legale, tutte necessarie per controllare la coercizione, che è immorale se non limitata. C'è un obbligo verso gli altri ma è individuale, perché anche il "Grande Comandamento" si esprime in forma individuale: Dio, il prossimo e se stessi sono ciascuno. La virtù è fondamentale per la società e la libertà deve essere bilanciata dalla responsabilità, ma entrambe sono intrinsecamente individuali nella forma. I valori forzati non possono essere virtuosi. La questione di come preservare l'ordine morale è importante, ma richiederebbe "un altro libro", che non ha mai scritto. Eppure, anche quando lo stato adotta atti adeguatamente limitati per proteggere la libertà, la tradizione modellerà necessariamente ogni decisione del genere.

La libertà di per sé non ha uno scopo, né un fine intrinseco. La libertà non è astratta o utopica come per gli utilitaristi, che fanno della libertà un fine piuttosto che un mezzo. Un'utopia di libertà è una contraddizione in termini. In una società reale, l'ordine tradizionale e la libertà possono coesistere solo in tensione. Per mantenere l'essenzialità sia della libertà che della tradizione, la soluzione al dilemma è "afferrarla per le due corna". La soluzione è una sintesi di entrambi, anche di fronte a quelli come Leo Strauss che sostengono che tale sintesi non è possibile e nemmeno logica. Donald Devine ha sostenuto che la sintesi di Meyer è un primo principio o assioma valido quanto il primo principio monista di Strauss e lo mette in relazione con la tradizione filosofica del razionalismo critico di Hayek e con coloro che identifica con essa come Aristotele, Cicerone, Tommaso d'Aquino, Montesquieu, John Locke, Adam Smith e Lord Acton.

Critici tradizionalisti

Il tentativo di sintesi di Meyer è stato messo in discussione da coloro che rappresentano entrambe le parti costitutive. I tradizionalisti furono provocati dalle dichiarazioni negative di Meyer su due dei loro preferiti, Robert Nisbet e Russell Kirk , che Kirk ricambiò definendolo "un ideologo per la libertà". Meyer, tuttavia, si riferiva a entrambi come pensatori "seri", una nota a piè di pagina di Meyer ammetteva persino che Kirk "negli ultimi anni" era stato più favorevole alla libertà, e ha definito "eccellenti" le opinioni di Kirk sulla libertà stessa. Meyer ha anche ammesso che sia Nisbet che Kirk desideravano principalmente solo il potere locale rispetto a quello nazionale o addirittura della comunità statale "a loro merito", ma potrebbero essere rimproverati anche allora per non aver capito che la logica per la comunità locale è che il governo locale è più basato su libertà.

Il tradizionalista Rossiter piuttosto che Kirk o Nesbit era l'obiettivo di Meyer. Meyer ha anche ammesso che i nuovi conservatori avessero ragione che la virtù è "il più importante dei problemi". Il problema fondamentale era che Rossiter insisteva su una "libertà positiva" che trasformasse la libertà da mezzo a fine, proprio come facevano i libertari utilitaristi. Contrariamente all'affermazione del filosofo cattolico Stanley Parry secondo cui Meyer non riconosceva nemmeno la famiglia come comunità naturale, Meyer chiamava la famiglia e lo stato "associazioni necessarie". La famiglia era diversa da tutte le altre istituzioni poiché i bambini non erano individui a pieno titolo e quindi richiedevano protezione e diritti limitati. Sosteneva che lo stato in realtà era stato un ostacolo sia alla virtù che alla famiglia piuttosto che al loro difensore. Per quanto riguarda l'educazione dei bambini, prima del controllo statale le scuole insegnavano la virtù e le verità della civiltà occidentale e ora non lo fanno.

Il collega editore della National Review Brent Bozell ha criticato Meyer per aver chiesto una "massima libertà" e per aver sostenuto che la libertà è necessaria per agire in modo virtuoso. Meyer non ha fatto nessuna affermazione. In realtà ha scritto che la libertà totale era impossibile. Non ha detto che la libertà fosse necessaria per la virtù, ma solo che la virtù forzata non è virtuosa. Un atto forzato può essere oggettivamente virtuoso in un certo senso, ma non per l'individuo che è costretto ad agire. La preoccupazione di Meyer era che dare allo stato il potere di definire la virtù significava non avere alcuno standard per la virtù. La sua definizione cambierebbe con ogni cambiamento nella distribuzione dell'energia. Non si può dare allo stato la definizione di virtù o non c'è virtù c'è solo potere. In realtà, Bozell alla fine ha raccomandato una politica sociale basata sul principio morale della sussidiarietà, che non è poi così diversa dalla posizione di Meyer.

Un articolo di Parry sosteneva che la critica libertaria di Meyer sullo stato era corretta e che la riforma necessitava di una revisione della tradizione una volta che la visione precedente aveva perso la sua energia. Il puro restauro sarebbe reazionario e impossibile una volta rotto. La restaurazione richiedeva un nuovo "profeta" che avrebbe dovuto convincere le persone ad adottare liberamente la revisione, a non fare affidamento sulla forza, che semplicemente non può ispirare abbastanza per un cambiamento sostanziale. È necessario prendere ciò che è buono dalla tradizione attuale, rimuovere ciò che è stato abusato e proclamare la revisione come una tradizione rinnovata, che deve convincere specificamente i "singoli membri di una moltitudine" affinché una vera sintesi rivitalizzi la società.

Alla fine degli anni '60, Meyer si impegnò in un continuo dibattito sullo stato di Abraham Lincoln con Harry V. Jaffa . Jaffa ha incolpato Meyer per aver incolpato Lincoln per la "distruzione dell'autonomia degli stati". Meyer ha sostenuto che gli abusi di Lincoln delle libertà civili e l'espansione del potere del governo dovrebbero renderlo un anatema per i conservatori, mentre Jaffa ha difeso Lincoln come nella tradizione dei Padri Fondatori. Schiavitù, segregazione e diritti civili afroamericani sono stati visti come il caso decisivo contro la rilevanza del fusionismo per i tempi moderni a causa dell'insistenza di Meyer e altri all'epoca che affermano che i diritti devono essere preservati anche di fronte a queste richieste.

Harry V. Jaffa ha sostenuto che né lo stato né la sovranità nazionale erano chiaramente stabiliti nella Costituzione, ma nessun presidente americano ha di fatto operato sul presupposto che il potere statale fosse preminente, dando alla Costituzione un orientamento nazionalista. Una volta in grado di agire a livello nazionale, tutti i presidenti hanno esercitato il potere nazionale. Alcuni dei presidenti citati hanno agito a favore dei diritti degli stati, ma principalmente come funzionari statali o ex presidenti rispetto a quando erano al potere, come Thomas Jefferson o James Madison . Meyer ha risposto che in effetti gli stati avevano il potere e hanno persino causato una guerra civile, che è stata più accuratamente etichettata come una guerra tra gli stati.

Meyer ha sostenuto che il potere nazionale limitato, l'autonomia statale e il decentralizzazione erano l'essenza della Costituzione per quanto riguardava il governo. Lord Acton considerava il federalismo il contributo unico dell'America alla comprensione storica della libertà. Certamente quella forza si è atrofizzata nel tempo e persino Meyer ha concesso alcuni limiti del 14° Emendamento alle azioni statali. Ma ha sostenuto con l' editore della National Review James Burnham che i tribunali federali non erano supremi. La separazione dei poteri era l'essenza della Costituzione, inclusi gli stati i cui controlli ed equilibri erano ancora vivi ai suoi tempi nell'effettiva, anche se parziale, annullamento statale delle cause e delle leggi nazionali.

Critici libertari

Alcuni libertari si unirono vigorosamente nel criticare la conclusione di Meyer che sia il libertarismo ideologico che il tradizionalismo erano distorsioni della stessa tradizione occidentale e che entrambi minavano la libertà. Meyer ha specificamente censurato i favoriti libertari Jeremy Bentham e John Stuart Mill per aver posto fine alla libertà, non diversamente dai Nuovi Conservatori, solo che i fini erano diversi. Meyer ha sostenuto che i libertari utilitaristi oggi usano il potere del tribunale per forzare la fine della "libertà" con frasi vaghe come giusto processo e protezione uguale e manipolando versioni utopiche della libertà di stampa, religione e parola. I libertari puri presumono di sapere cos'è la "libertà" e che lo stato dovrebbe imporre la loro visione attraverso i tribunali. Meyer sosteneva che la libertà di per sé non aveva fine, nessuno scopo se non come mezzo per le persone di scegliere liberamente i propri fini.

Ronald Hamowy ha sostenuto che la sintesi di Meyer non può reggere perché c'era una differenza fondamentale tra un liberalismo classico che promuoveva i mercati e la libertà e un conservatorismo tradizionalista che vi si opponeva. Murray Rothbard è stato visto favorevolmente da Meyer per il suo riconoscimento dell'importanza della tradizione nel ragionamento, in particolare il suo sostegno a San Tommaso d'Aquino e la sua opinione che l'"odio" dell'Illuminismo per la Chiesa cattolica medievale indebolisse la libertà. Rothbard è stato solo criticato come troppo pessimista nella sua visione dei tribunali come il "potere finale" rispetto al punto di vista di Meyer che la separazione dei poteri non lasciava alcun ramo in carica e che ognuno ha potere contro gli altri, compreso il Congresso e gli stati contro il tribunali nazionali.

Rothbard, infatti, sosteneva che il fusionismo di Meyer fosse in realtà il ramo diritto naturale-diritti naturali del pensiero libertario seguito dallo stesso Rothbard e da altri veri libertari. Il giornalista libertario Ryan Sager in The Elephant in the Room: Evangelicals, Libertarians, and the Battle for the Soul of the Republican Party del 2007 ha recensito favorevolmente il lavoro di Meyer e ha chiesto un revival di principio del fusionismo di Meyer per salvare il partito merlato dopo le sue sconfitte elettorali del 2006.

La sintesi filosofica di Meyer

L'argomento di Rothbard secondo cui Meyer era semplicemente un libertario e non un sintetizzatore, qualcuno che era un po' confuso sulla natura della tradizione, può essere criticato in cambio per aver forzato la tradizione nella sua filosofia attraverso la porta sul retro chiamandola "buon senso". Rothbard insisteva che la moralità era già parte del libertarismo come lui la intendeva: "l'ala dei diritti naturali aristotelico-lockeana", come la definì lui, in contrapposizione all'"ala utilitarista-emotivista-edonistica". Tuttavia, non è la risposta adeguata a questo: chi è il manqué La concezione popolare del libertarismo (il Partito Libertario , per esempio) non è proprio i precetti dell'"ala edonistica" Con il buon senso e i diritti naturali (e anche San Tommaso d'Aquino ) come parte del suo libertarismo, Rothbard non poteva essere etichettato altrettanto bene come un manqué fusionista, o semplicemente come un fusionista, dal momento che la sua sintesi non ha seguito il predominante utilitarismo/emotivista ala del libertarismo

Paul Gottfried ha criticato la sintesi fusionista di Meyer dalla destra tradizionalista e realista accusando che è impossibile dire che il fusionismo di Meyer abbia funzionato. Ha respinto molti elementi di un fusionismo globale che avrebbe potuto creare un movimento che ha realizzato grandi cose, ma ha fallito in questo eliminando potenti voci a destra che non hanno seguito la sua linea di partito. Meyer ha basato la sua visione della libertà sulla "metafisica cristiana", come ha fatto Rothbard, sosteneva Gottfried, rendendo la filosofia della storia di Meyer troppo "rozza" per attirare molti della Vecchia Destra che erano più realistici, laici e pragmatici. Rifiutati dalla destra fusionista, questi tendevano a considerarsi martiri dei loro principi, esclusi soprattutto dai neoconservatori che controllavano l'accesso ai finanziamenti e al prestigio intellettuale. Gottfried ha chiesto una nuova alleanza fusionista più completa basata su principi "simili" alla Meyer che ora potrebbe includere una vecchia destra di seconda generazione che "non esalta più un governo attivo nemmeno in linea di principio", una coalizione che escluderebbe solo i nazionalisti, pro grandi neoconservatori del governo.

Joseph Bottum "non riesce a vedere come rimettere insieme l'uovo rotto del conservatorismo. Non sembra esserci posto in America in questi giorni per il fusionismo di Frank Meyer, o anche per il repubblicanesimo di Ronald Reagan". I paleocons di Gottfried rifiutano il "Vero Uomo" come inteso da Sant'Agostino e la maggior parte dei libertari rifiuta la religione, che è la vita dello stato occidentale, sosteneva Bottum, e sia i libertari che gli elementi tradizionalisti della fusione Meyer oggi tendono a respingere la necessità di un aggressivo politica estera. Bottum ha invece offerto una nuova "tensione" tra religione e illuminismo, un nuovo fusionismo tra tradizionalisti religiosi e "neoconservatori della politica estera" laici, come sono stati raccolti alla rivista The Weekly Standard , di cui era editore. Era sensibile al fatto che questo potesse essere visto come un "patto abbastanza cinico" manipolato dai neoconservatori, ma ha insistito sul fatto che fosse il risultato di una "persuasione reciproca" nel dibattito con i conservatori sociali. La natura dell'accordo non è chiara se non in una presunta opposizione congiunta all'aborto. Eppure, anche Bottom ha ammesso che quando la fazione religiosa ha messo in dubbio la legittimità della Corte nel suo fallimento nel porre fine all'aborto, i neoconservatori l'hanno attaccata spietatamente per aver messo in dubbio la legittimità del governo. Mentre Bottum ha sostenuto che la coalizione è sopravvissuta alla controversia, non è chiaro se i due possano gestire la questione della legittimità poiché è primaria per i neoconservatori e solo nella migliore delle ipotesi secondaria per i tradizionalisti religiosi.

Fu il liberale classico F. A. Hayek in "Libertà, ragione e tradizione" che perseguiva più sistematicamente e senza sosta la natura di una sintesi libertario/tradizionalista, ma era restio a darle un'etichetta. Iniziò distinguendo tra due visioni della ragione umana, una speculativa/razionalista/utopica e una empirica/evolutiva/istituzionale, che era "particolarmente cospicuo" nelle loro diverse ipotesi sulla natura umana. Il primo considerava l'intelligenza e la bontà come naturali per l'individuo, mentre il secondo sosteneva che le istituzioni dovevano essere create in modo che "le persone cattive potessero fare il minimo danno". Pur non argomentando su basi religiose, riconobbe che la sua posizione empirica era "più vicina alla tradizione cristiana della fallibilità e peccaminosità dell'uomo, mentre il perfezionismo del razionalista è in inconciliabile conflitto con essa".

Per Hayek, come per Meyer, libertà e tradizione erano fuse. "Per quanto possa sembrare paradossale, è probabilmente vero che una società libera di successo sarà sempre in larga misura una società legata alla tradizione", poiché una società libera ha bisogno di costumi, leggi e istituzioni la cui osservanza è una "condizione necessaria" per la libertà. La libertà è il mezzo, ma i "valori in cui nasciamo forniscono i fini ai quali la nostra ragione deve servire". Questa fusione era ritenuta essenziale non solo alla vita sociale, ma al pensiero, alla scienza e alla stessa ragione. Senza quel dualismo non ci sarebbe stata libertà storica. Non è un caso che Hayek sia stato colui che per primo ha portato Meyer ad arrivare alla sua filosofia matura.

Influenza di Ronald Reagan

Quando Ronald Reagan ha assunto l'apice del potere della presidenza nel 1981, nel suo primo discorso a un pubblico di suoi alleati conservatori a Washington, ha ricordato loro le loro radici. Dopo aver elencato "leader intellettuali come Russell Kirk , Friedrich Hayek , Henry Hazlitt , Milton Friedman , James Burnham , [e] Ludwig von Mises " come quelli che "hanno plasmato così tanto i nostri pensieri", ha discusso a lungo solo di una di queste influenze .

"È particolarmente difficile credere che sia stato solo un decennio fa, in una fredda giornata di aprile su una piccola collina nello stato di New York, che un altro di questi grandi pensatori, Frank Meyer, sia stato sepolto. Aveva fatto il viaggio terribile che così molti altri l'hanno fatto: si è tirato fuori dalle grinfie di Il [comunista] Dio che è fallito, e poi nella sua scrittura ha modellato una nuova e vigorosa sintesi del pensiero tradizionale e libertario, una sintesi che oggi è riconosciuta da molti come conservatorismo moderno".

Come lo ha ricordato, il nuovo presidente ha delineato le idee sintetizzate da Meyer come i principi che motivano questo nuovo movimento conservatore.

"È stato Frank Meyer a ricordarci che il robusto individualismo dell'esperienza americana faceva parte della corrente più profonda dell'apprendimento e della cultura occidentale. Ha sottolineato che il rispetto per la legge, l'apprezzamento per la tradizione e il rispetto per il consenso sociale che dà stabilità alle nostre istituzioni pubbliche e private, queste idee civili devono ancora motivarci anche se cerchiamo una nuova prosperità economica basata sulla riduzione dell'interferenza del governo nel mercato. I nostri obiettivi si completano a vicenda. Non stiamo tagliando il budget semplicemente per il bene di una gestione finanziaria più sana. Questo è solo un primo passo verso il ritorno del potere agli stati e alle comunità, solo un primo passo verso il riordino del rapporto tra cittadino e governo".

"Possiamo rendere il governo di nuovo reattivo nei confronti delle persone riducendo le sue dimensioni e la sua portata e assicurando così che le sue funzioni legittime siano eseguite in modo efficiente e giusto. Poiché la nostra è una filosofia di governo coerente, possiamo essere molto chiari: non abbiamo un separato agenda sociale, agenda economica separata e agenda estera separata. Abbiamo un'agenda. Proprio come cerchiamo di mettere in ordine la nostra casa finanziaria e ricostruire le difese della nostra nazione, così anche cerchiamo di proteggere i nascituri, per porre fine alla manipolazione degli scolari da parte di pianificatori utopici e permettiamo il riconoscimento di un Essere Supremo nelle nostre classi così come permettiamo tali riconoscimenti in altre istituzioni pubbliche".

L'essenza di questa sintesi fusionista era "tagliare le dimensioni e la portata" del governo nazionale e "restituire il potere agli stati e alle comunità" per consentire al tradizionale "consenso sociale", al suo "robusto individualismo" e al libero mercato di ripristinare la prosperità. e vitalità civica. Ronald Reagan ha portato l'idea di Meyer di questa sintesi occidentale nel governo e potrebbe vantare un certo successo nel tradurla in potere, almeno per un po'. Il suo futuro, tuttavia, deve essere visto come più problematico.

Lavori

  • La formazione dei comunisti: la formazione dei quadri comunisti , New York: Harcourt, Brace, 1961.
  • In difesa della libertà: un credo conservatore , Chicago: Henry Regnery, 1962
  • Sinistra, destra e centro: Saggi su liberalismo e conservatorismo negli Stati Uniti , ed. di Robert Goldwin, Frank Meyer, et al., Chicago: Rand, McNally, 1965
  • Il mainstream conservatore , New Rochelle: Arlington House, 1969.

Riferimenti

  1. ^ "FRANK S. MEYER, SCRITTORE POLITICO" . Il New York Times . 3 aprile 1972.
  2. ^ EJ Dionne, Jr., Perché gli americani odiano la politica , New York: Simon & Schuster, 1991, p. 161.
  3. ^ a b "Perché gli ebrei sono conservatori" . indagini e fantasie . 2014-09-29. Archiviato dall'originale il 15-10-2018 . Estratto 15-10-2018 .
  4. ^ https://issuu.com/renatos.grun/docs/in_defense_of_freedom
  5. ^ William C. Dennis "Prefazione" in Frank S. Meyer, In Defence of Freedom and Other Essays , Indianapolis, Liberty Fund, 1996
  6. ^ Dennis, pp. XII-XIII
  7. ^ pag. xxxiii
  8. Salta su ^ Tipi di razionalismo, Studies in Philosophy, Politics and Economics , Chicago, University of Chicago Press, 1967
  9. ^ In difesa, 210
  10. ^ In difesa, 221
  11. ^ In difesa, 219
  12. ^ In difesa , 220-01
  13. ^ In difesa, 222
  14. ^ In difesa, 223
  15. ^ In difesa, 215-6
  16. ^ Lo studio dell'amministrazione, Washington, DC, Public Affairs Press, 1955; originariamente pubblicato 1887
  17. ^ In difesa, 57
  18. ^ In difesa, 74
  19. ^ a b In difesa, 75
  20. ^ In difesa, 78
  21. ^ In difesa, 8384
  22. ^ In difesa, 100
  23. ^ In difesa, 82
  24. ^ In difesa, 69
  25. ^ In difesa, 121
  26. ^ In difesa, 81
  27. ^ In difesa, 84-86
  28. ^ a b In difesa, 157
  29. ^ a b In difesa, 7980
  30. ^ In difesa, 87-8
  31. ^ In difesa, 98
  32. ^ In difesa, 80
  33. ^ Leo Strauss, Diritto naturale e storia 1953
  34. ^ Donald J. Devine. America's Way Back, Wlimington, Delaware, ISI Books, 2012, cap. 6
  35. ^ Russell Kirk, "Un ideologo della libertà", Sewanee Review, aprile-giugno 1964, 349-350
  36. ^ In difesa, 3
  37. ^ In difesa, 59
  38. ^ In difesa, 125
  39. ^ a b In difesa, 123
  40. ^ In difesa, 5
  41. ^ In difesa, 127
  42. ^ Stanley Parry, "I volti della libertà". Età moderna , primavera 1964, 208-210
  43. ^ a b In difesa, 134
  44. ^ In difesa, 141
  45. ^ Brent Bozell, "Libertà o virtù" in Freedom and Virtue: The Conservative/Libertarian Debate , a cura di George W. Carey, Wilmington, Delaware: ISI Books, 1998, 20-37
  46. ^ In difesa, 84
  47. ^ Stanley Parry, "The Restoration of Tradition", Modern Age , Spring 1961, 125138
  48. ^ In difesa, 137
  49. ^ In difesa, 842
  50. ^ "Frank Meyer: The Fusionist as Federalist" Publius di Jonathan Adler, autunno 2004
  51. ^ Harry V. Jaffa, "Lincoln e la causa della libertà", National Review , 21 settembre 1965, 827-828 e 842
  52. ^ James Burnham, Congresso e tradizione americana
  53. ^ Meyer, "L'attacco al Congresso" in The Conservative Mainstream
  54. ^ In difesa, 156
  55. ^ Meyer, "The Court Challenges the Congress", "Confusion in the Court", "Champions of Other-Directed Court", "The Constitutional Crisis" e "Frank v. Maryland: The Knock on the Door," nel mainstream conservatore
  56. ^ Ronald Hamowy, "Liberalismo e neoconservatorismo: è possibile una sintesi" Età moderna Autunno 1964, 350359
  57. ^ Murray Rothbard, "Conservatorismo e libertà: un commento libertario". Età moderna , primavera 1961, 217-220
  58. ^ In difesa, 218
  59. ^ Meyer, "La rivolta contro il Congresso" e "L'attacco al Congresso", in The Conservative Mainstream
  60. ^ Murray Rothbard, "Frank S. Meyer: il fusionista come Manqué libertario." Età moderna , autunno 1981, 352-363
  61. ^ Paul Gottfried, "Verso un nuovo fusionismo La vecchia destra fa nuove alleanze" Policy Review , Autunno 1987, 6470
  62. ^ Joseph Bottum, "Il conservatorismo sociale e il nuovo fusionismo". in Varieties of Conservatism in America , a cura di Peter Berkowitz. Stanford, Hoover Institute Press, 2004, 3147
  63. ^ FA Hayek, La Costituzione della Libertà , Chicago, University of Chicago Press, 1978, 5470
  64. ^ Hayek, 60
  65. ^ Hayek, 61
  66. ^ Hayek, 61-2
  67. ^ Hayek, 63
  68. ^ Hayek, 69
  69. ^ Ronald Reagan, "Discorso alla conferenza di azione politica conservatrice", 20 marzo 1981, "Copia archiviata" . Archiviato dall'originale il 10/01/2012 . Estratto il 29/01/2012 .CS1 maint: copia archiviata come titolo ( link )

Ulteriori letture

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Ciro Sala

L'informazione su Frank Meyer (filosofo politico) è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita

Rina Albanese

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Frank Meyer (filosofo politico)

Rosalba Basile

Le informazioni fornite su Frank Meyer (filosofo politico) sono veritiere e molto utili. Bene