Frank Messer



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Messer sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Messer in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Messer che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Messer, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Messer, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Messer. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Wallace Frank Messer
Nato ( 1925-08-08 )8 agosto 1925
Morto 13 novembre 2001 (2001-11-13)(76 anni)
Nazionalità americano
Occupazione giornalista sportivo

Wallace Frank Messer (8 agosto 1925 13 novembre 2001) è stato un giornalista sportivo americano noto soprattutto per le sue 18 stagioni in cui ha annunciato le partite di baseball dei New York Yankees e come la riconoscibile voce del presentatore di varie feste dello Yankee Stadium durante un arco di tre decenni.

Sfondo

Un Asheville, North Carolina nativo, messer era un membro dei marines durante la seconda guerra mondiale nel Pacifico meridionale. Dopo la guerra, ha lavorato come emittente nel baseball della lega minore, inclusi i Richmond Virginians della International League dal 1954 al 1963. Ha ottenuto la sua pausa nella major league quando si è unito ai Baltimore Orioles e ha lavorato a fianco della loro nota voce di lunga data, Chuck Thompson . Nel 1966 , l'anno in cui anche Bill O'Donnell si unì alla troupe televisiva, gli O's vinsero il loro primo campionato mondiale. Messer ha anche chiamato il football Baltimore Colts durante gli anni '60, inclusa la partita del campionato NFL del 1964 con John Steadman .

La successiva pausa di Messer in major league arrivò dopo la stagione 1967 , quando Joe Garagiola lasciò la troupe televisiva degli Yankees per concentrarsi sui lavori di rete che aveva anche alla NBC Sports e alla NBC News . Messer ha preso il posto di Garagiola per il 1968, lavorando con gli ex Yankees Jerry Coleman e Phil Rizzuto . Il direttore delle pubbliche relazioni di lunga data degli Yankees, Bob Fishel, aveva esortato la direzione della squadra ad approvare un tradizionale giornalista sportivo play-by-play, che gli Yanks non avevano avuto dal licenziamento di Red Barber dopo la stagione 1966.

Alla fine a Messer fu assegnato il ruolo di presentatore alle cerimonie dell'Old Timer's Day nel 1970 - un evento a cui partecipò fino all'anno prima della sua morte - ed eventi speciali, a cominciare dal ritiro della maglia numero 7 di Mickey Mantle nel giugno 1969 . La fermezza e l'arguzia di Messer ben si sposavano con l'entusiasmo di Rizzuto.

L'equipaggio trasmissione Yankee ha guadagnato la sua migliore incarnazione conosciuta nel 1971 quando Messer e Rizzuto sono stati raggiunti da ex St. Louis Cardinals infielder Bill White , una sostituzione per Bob Gamere (che era stato portato in quando Coleman spostato nella West Coast dopo la stagione 1969 ). Messer, White e Rizzuto convocarono le partite degli Yankee fino alla fine della stagione 1985 . Mentre Messer è stato relegato alla radio per il suo ultimo anno, il trio ha comunque fornito la seconda combinazione di tre uomini più lunga nella storia dello sport di New York, dietro l' equipaggio dei New York Mets di Lindsey Nelson , Ralph Kiner e Bob Murphy . Durante quel periodo, al trio si unirono anche Dom Valentino alla radio per la stagione 1975 , Fran Healy alla radio e TV via cavo dal 1978 al 1983, John Gordon alla radio dal 1982 al 1985, Bobby Murcer alla WPIX nel 1983 e 1984, e dall'ultima voce degli Yankees, Mel Allen , via cavo dal 1979 al 1985.

Messer è stato acclamato dalla critica e dai fan sia per il suo gioco diretto in radio e TV, sia dal club per la sua efficacia nel promuovere eventi di squadra. Messer aveva uno stile morbido, simile a Curt Gowdy . Nessuno dei due annunciatori in genere alzava la voce molto alta quando si svolgeva un'opera teatrale drammatica o memorabile. "Chiamiamo Frank 'Old Reliable' quassù, perché sappiamo che quando siamo nei guai, è qui", ha detto Rizzuto nell'ultima trasmissione degli Yankee del 1973 prima della ristrutturazione dell'originale Yankee Stadium . Una delle frasi tipiche di Messer alla fine del suo ultimo inning prima di passare dalla radio alla TV (o viceversa) è stata "(Annunciatore) ti accompagnerà per il resto della strada. È stato un piacere". Un altro era la sua chiamata radiofonica di un fuoricampo dal 1981 in poi, quando la radio di casa degli Yankees era WABC : "ABC tu dopo!"

Oltre a Mickey Mantle Day, i grandi momenti yankee di Messer includevano la sua chiamata nel 1978 del drammatico fuoricampo da tre punti di Bucky Dent nella partita dell'American League East Championship contro i Boston Red Sox ospitanti ; e la sua chiamata del 1980 del 400° fuoricampo di Reggie Jackson ( "Eccola! Potrebbe essere il ponte superiore!" ), entrambi alla radio WINS . WPIX e la sua solita tripletta di trasmissione Rizzuto-Messer-White hanno portato anche l'ALCS nel 1976, 1977, 1978, 1980 e 1981, fornendo ai telespettatori di New York un'alternativa locale alle trasmissioni televisive nazionali. Messer ha gestito la celebrazione della clubhouse post-partita dopo il fuoricampo di Chris Chambliss che ha vinto l'ALCS del 1976.

Un quarto costellato di stelle

La chiamata più famosa di Messer potrebbe essere stata la sua descrizione su WABC della finale del no-hitter di Dave Righetti allo Yankee Stadium contro i Red Sox, il 4 luglio 1983: Mentre Righetti faceva oscillare Wade Boggs allo strike tre, Messer intonò :

Il calcio e il lancio... L'HA COLPITO! Righetti ha lanciato un no-hitter! Dave Righetti ha lanciato un no-hitter! Colpisce Boggs per la finale del gioco della palla, e gli Yankees VERSO il campo per congratularsi con Dave Righetti!

Secondo il libro Sports on New York Radio di Westwood One , dirigente dei media ed ex giornalista sportivo David J. Halberstam , la chiamata avrebbe dovuto essere fatta dal partner White, che avrebbe dovuto chiamare quel semi-inning come parte della rotazione in-game degli annunciatori. tra radio e SportsChannel TV (ora Fox Sports Net New York ). Mentre White ha fatto l'intero gioco rimbalzando tra WABC e SportsChannel, Messer e Rizzuto si sono alternati tra TV, radio e omaggi del Fan Appreciation Day sul campo tra gli inning.

Ma secondo Messer, dopo che White lo vide tornare alla cabina radio WABC (aiutò White a chiamare l'ultima metà dell'ottavo inning), White insistette che Messer, il più anziano dei due, avrebbe chiamato il nono.

"E 'stato un atto di classe", ha detto Messer del gesto di White.

Una domenica piena di catrame

Un altro momento di Messer arrivò meno di tre settimane dopo, il 24 luglio 1983. I Kansas City Royals stavano giocando contro gli Yankees allo Yankee Stadium. Nella parte superiore del nono inning, George Brett venne a battere contro Rich (Goose) Gossage , il suo vecchio rivale. Brett ha segnato un fuoricampo da due punti, portando i Royals avanti 5-4. Dopo che Brett ha arrotondato le basi, il manager degli Yankees Billy Martin (su suggerimento del suo protetto, il terza base Graig Nettles ) è uscito dalla panchina e ha esortato l'arbitro di casa base Tim McClelland a misurare la quantità di catrame di pino sulla mazza di Brett, citando un oscuro regola che affermava che il catrame di pino su un pipistrello non poteva estendersi oltre i 18 pollici. Il catrame di pino di Brett si estendeva di circa 24 pollici.

"Non l'ho mai visto", ha detto il giornalista sportivo ed ex Yankee Bobby Murcer su WPIX mentre guardava McClelland misurare la mazza sul piatto. "Nemmeno io," disse Messer. Pochi istanti dopo, McClelland fece segno a Brett di uscire.

Il normalmente mite Brett caricò fuori dalla panchina, infuriato, e fu immediatamente espulso. Messer incredulo:

Lui è fuori! Guarda qui!... È fuori e deve essere trattenuto con la forza dal colpire l'arbitro di piatto Tim McClelland. E gli Yankees hanno vinto la partita 4 a 3!

I Royals hanno protestato contro il gioco, e la loro protesta è stata accolta dal presidente dell'American League (ed ex amministratore delegato degli Yankees) Lee MacPhail , che ha stabilito che la mazza non è stata "alterata per migliorare il fattore distanza", e che le regole prevedevano solo la rimozione di la mazza dal gioco e non chiamare fuori il battitore.

Il gioco è ripreso, iniziando dopo l'homer di Brett. Martin aveva un ultimo asso nella manica, facendo appello al gioco prima, dicendo che gli arbitri non avevano modo di sapere che Brett aveva toccato tutte le basi. Gli arbitri hanno prodotto affidavit dicendo che aveva. Il gioco non ebbe praticamente alcun effetto sulla corsa al gagliardetto del 1983, ma fu per molti versi il capitolo conclusivo di un'accesa rivalità.

Anni dopo

L'ultima trasmissione Yankee di Messer fu l'ultima partita della stagione regolare del 1985 quando chiamò il play-by-play della 300a vittoria di Phil Niekro . In off-season, è stato bruscamente licenziato dopo 18 anni e ha offerto una riassegnazione al front office. "Dopo tutti gli anni in cui sono stato qui, avrei pensato che qualcuno nella dirigenza, un certo George Steinbrenner o Clyde King , mi avrebbe detto che mi avrebbero tolto dallo stand. Hanno lasciato fare a Art Adler, che è il responsabile della radio degli Yankees. Questo mi ha disturbato." Gli è stato permesso di andarsene a titolo definitivo quando ha ricevuto un'offerta per fare le partite dei Chicago White Sox, cosa che ha fatto con Don Drysdale nel 1986 e nel 1987. Messer ha anche fatto baseball per la CBS Radio nel 1991.

Messer ha continuato a presentare le cerimonie dell'Old Timer's Day per gli Yankees dal 1988 al 1997. Uno dei suoi lavori più toccanti è stato presentare Mickey Mantle all'evento del 1994, subito dopo che Mantle aveva completato il trattamento per l'alcolismo. Anche dopo che John Sterling e Michael Kay hanno rilevato l'introduzione dei giocatori alla fine degli anni '90, Messer è stato ancora l'"ospite" dell'evento fino al 2000, salutando i fan dello stadio prima di consegnare il resto dello spettacolo ai suoi successori.

Messer è morto il 13 novembre 2001, all'età di 76 anni, per complicazioni di problemi cardiaci e lupus. Gli sopravvissero un figlio, Richard, due figlie, Mikki e Krissi, e quattro nipoti.

Riferimenti

Opiniones de nuestros usuarios

Agnese Cavallo

Molto interessante questa voce su Frank Messer, Pensavo di sapere già tutto su Frank Messer, Molto interessante questa voce su Frank Messer

Rina Gagliardi

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su Frank Messer mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su Frank Messer, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su Frank Messer qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle

Ignazio Mariani

L'informazione su Frank Messer è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita

Domenico Gagliardi

Questo post su Frank Messer era proprio quello che volevo trovare