Frank McKenna



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank McKenna sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank McKenna in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank McKenna che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank McKenna, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank McKenna, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank McKenna. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .


Frank McKenna

Frank McKenna2.jpg
Ambasciatore canadese negli Stati Uniti
In carica
dall'8 marzo 2005 al 13 marzo 2006
Monarca Elisabetta II
Preceduto da Michael Kergin
seguito da Michael Wilson
27° Premier del New Brunswick
In carica
dal 27 ottobre 1987 al 14 ottobre 1997
Monarca Elisabetta II
Vicegovernatore Gilbert Finn
Margaret McCain
Marilyn T. Counsell
Preceduto da Richard Hatfield
seguito da Ray Frenette
Capo dell'opposizione del New Brunswick
In carica
dal 4 maggio 1985 al 27 ottobre 1987
Preceduto da Shirley Dysart
seguito da Camille Thériault
Leader della New Brunswick Liberal Association
In carica
dal 4 maggio 1985 al 13 ottobre 1997
Preceduto da Shirley Dysart
seguito da
MLA per Chatham
In carica
dal 12 ottobre 1982 all'11 settembre 1995
Preceduto da Frank E. Kane
seguito da Distretto abolito
MLA per Miramichi-Bay du Vin
In carica
dall'11 settembre 1995 al 13 ottobre 1997
Preceduto da Distretto creato
seguito da James Doyle
Dati personali
Nato
Francis Joseph McKenna

( 1948-01-19 )19 gennaio 1948
Apohaqui, New Brunswick , Canada
Partito politico Liberale
Coniugi Julie Friel
Alma mater Università St. Francis Xavier
Università del New Brunswick

Francis Joseph McKenna PC OC ONB QC (nato il 19 gennaio 1948) è un uomo d'affari canadese ed ex politico e diplomatico. Attualmente è vicepresidente della Toronto-Dominion Bank . È stato ambasciatore canadese negli Stati Uniti dal 2005 al 2006. È stato il 27° premier del New Brunswick dal 1987 al 1997, vincendo tutti i seggi della provincia alla sua prima elezione .

Primi anni di vita

McKenna è nata ad Apohaqui, New Brunswick , Canada. È cresciuto nella casa dei suoi nonni, che vivevano accanto ai suoi genitori perché la sua famiglia numerosa non poteva essere completamente alloggiata nella casa dei suoi genitori. Dopo aver completato il liceo nel Sussex, New Brunswick , ha completato una laurea in Scienze Politiche ed Economia presso la St. Francis Xavier University di Antigonish , Nuova Scozia . Ha iniziato gli studi universitari alla Queen's University di Kingston , in Ontario , ma dopo aver lavorato per un periodo con Allan MacEachen , ha seguito il consiglio di MacEachen che la maggior parte dei politici sono avvocati e si è iscritto alla facoltà di legge presso l' Università del New Brunswick a Fredericton .

Dopo aver conseguito la laurea in legge, si trasferì a Chatham, nel New Brunswick , e iniziò la pratica legale. Divenne famoso e una sorta di eroe popolare, in particolare tra gli Acadiani , come avvocato difensore nel caso di omicidio di alto profilo ampiamente pubblicizzato del famoso campione di boxe del New Brunswick, Yvon Durelle .

La politica del New Brunswick

Pochi anni dopo, entrò in politica provinciale e vinse un seggio nell'Assemblea legislativa del New Brunswick nelle elezioni del 1982 per rappresentare Chatham , New Brunswick. Divenne leader dei liberali provinciali nel 1985 e ottenne una delle più grandi vittorie elettorali nella storia del Canada nelle elezioni del 1987, quando il suo partito vinse tutti i seggi della legislatura .

Il mandato di McKenna è stato visto principalmente come un successo. La sua priorità chiave durante il suo mandato era la creazione di posti di lavoro ed era noto per dire che "il miglior programma sociale che abbiamo è un lavoro". Ha incoraggiato la crescita delle piccole imprese e ha cercato di invogliare le grandi aziende a investire nella provincia con incentivi fiscali, spesso chiamando direttamente i singoli professionisti per esortarli a portare i loro talenti nel New Brunswick. Un'altra delle sue strategie era quella di aumentare la fiducia in se stessi collettiva dei New Brunswick, che secondo lui avrebbe aumentato la produttività. Ha introdotto una sofisticata operazione di pubbliche relazioni che includeva l'uso di controversi comunicati stampa video .

Il periodo di McKenna come premier, tuttavia, ha visto anche alcune polemiche. Nella sua prima mossa da premier, McKenna ha licenziato diversi alti funzionari pubblici nel tentativo di ottenere un maggiore controllo sul servizio pubblico della provincia, che alcuni osservatori hanno percepito come un drastico passo avanti dall'integrità del servizio pubblico imparziale e professionale della provincia.

McKenna è stato anche criticato per aver aumentato il numero del personale addetto alle comunicazioni sul libro paga del governo, ma ha risposto a questa denuncia sottolineando che la principale agenzia di comunicazione del governo, Communications New Brunswick, era stata depoliticizzata.

È stato anche criticato per aver creato un numero di telefono gratuito per l' ufficio del premier che aveva il numero 1-800-MCKENNA, il numero era attivo in tutto il Nord America ed è stato utilizzato sia per gli elettori del New Brunswick che per gli interessi commerciali che stavano considerando di trasferirsi nella provincia .

Credendo che dieci anni fossero sufficienti per un premier per ricoprire la carica, e avendo promesso di servire un tale mandato quando eletto per la prima volta, McKenna si è dimesso nel 1997 - 10 anni al giorno delle elezioni del 1987 .

Carriera aziendale

Dopo aver lasciato l'ufficio, McKenna si trasferì a Cap-Pélé, New Brunswick , vicino a Moncton , e tornò alla pratica legale e si sedette in numerosi consigli di amministrazione. Ha anche acquistato con suo figlio, James McKenna, Glenwood Kitchen Ltd. Un produttore di mobili personalizzati di fascia alta a Shediac, nel New Brunswick . La sua appartenenza al comitato consultivo canadese del Carlyle Group ha attirato l'attenzione dei media contrari; i media hanno smesso di perseguire la questione quando McKenna ha spiegato che il consiglio era stato istituito per consigliare un fondo di investimento canadese che il gruppo non aveva mai creato e che il consiglio non era mai diventato attivo. Dopo l'annuncio della sua nomina ad ambasciatore canadese a Washington, ha rassegnato le dimissioni dalla carica di consigliere presso studi legali tra cui McInnes Cooper e Osler, Hoskin & Harcourt , nonché da tutte le posizioni nei consigli di amministrazione aziendali, compreso il suo ruolo di presidente ad interim del consiglio di amministrazione di CanWest. Global Communications , incarico che ha assunto alla morte del suo fondatore e presidente Israel Asper .

Ambasciatore

McKenna è stato menzionato come possibile ambasciatore negli Stati Uniti per succedere a Michael Kergin dopo che Paul Martin ha preso il potere. La speculazione è aumentata dopo che John Manley ha rifiutato l'offerta del primo ministro Martin. Molti sulla stampa hanno commentato che le relazioni commerciali di McKenna sono una risorsa, in particolare come membro del Carlyle Group e la sua amicizia con l'ex presidente George HW Bush .

Il 5 gennaio 2005, l'ufficio del primo ministro Paul Martin ha confermato che McKenna sarebbe stato il 21° ambasciatore negli Stati Uniti. Il 14 gennaio, l'incarico è stato ufficialmente annunciato e sarebbe entrato in vigore il 1° marzo. McKenna è diventato ambasciatore l'8 marzo quando il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha accettato le sue credenziali.

Il 22 febbraio 2005, McKenna disse ai giornalisti che il Canada faceva già parte del programma di difesa missilistica nazionale (NMD) (o difesa missilistica balistica (BMD)) degli Stati Uniti attraverso un emendamento all'accordo NORAD fatto il 5 agosto 2004, che concedeva agli Stati Uniti l'accesso ai sistemi di allarme missilistico del NORAD esplicitamente per l'uso in NMD. Tuttavia, Martin ha contraddetto questo due giorni dopo quando ha annunciato che il Canada non avrebbe partecipato formalmente al programma NMD, ma si sarebbe concentrato su altri elementi di interesse condiviso per la difesa/la sicurezza. Mentre il ministro della difesa canadese Bill Graham ha affermato che McKenna è stato semplicemente frainteso (dato che l'accordo NORAD e la difesa missilistica sono separati), questa contraddizione iniziale è stata interpretata da altri come prova della caratteristica indecisione del governo Martin ed è stata vista in qualche modo ostacolare la credibilità di McKenna.

Come ambasciatore, McKenna ha attirato più attenzione dei media rispetto alla maggior parte dei suoi recenti predecessori su entrambi i lati del confine. Negli Stati Uniti, il suo messaggio mirava a dissipare le comuni leggende metropolitane e le idee sbagliate sul Canada, mentre in Canada ha esortato i canadesi a comprendere meglio il popolo e la cultura americani, in particolare seguendo quella che sosteneva essere la loro comprensibile sensibilità dopo l' 11 settembre 2001. attacchi .

McKenna ha generato polemiche dopo aver tenuto un discorso a pranzo il 29 settembre 2005 a un business club di Toronto . McKenna ha criticato la burocrazia statunitense e il sistema di governo del Congresso dicendo che "il governo degli Stati Uniti è in larga misura disfunzionale". Lo ha messo in contrasto con il governo canadese e ha elogiato la forte disciplina parlamentare del partito canadese come molto più "efficiente" anche se a volte meno preferibile.

Il 25 gennaio 2006, McKenna ha offerto le sue dimissioni da ambasciatore, scrivendo al primo ministro designato Stephen Harper che desiderava essere sollevato dai suoi doveri, ma offrendo di rimanere fino alla scelta del suo successore. Gli succedette come ambasciatore Michael Wilson il 13 marzo 2006.

Prospettiva carriera nella politica federale

Da quando ha lasciato la politica nel 1997, McKenna ha fatto parte per un breve periodo del Security Intelligence Review Committee . È stato pubblicizzato più volte come potenziale ministro dell'Atlantico canadese nei gabinetti di Jean Chrétien e Paul Martin . Ha espresso un certo interesse a candidarsi alle elezioni federali del 2004, ma ha annunciato che non lo avrebbe fatto a causa della mancanza di un maneggio disponibile nell'area di Moncton, New Brunswick . Non voleva mettere da parte alcun membro liberale in carica del Parlamento.

Dopo aver rassegnato le dimissioni dalla presidenza del New Brunswick, McKenna è stato identificato come un potenziale futuro leader del Partito Liberale del Canada e Primo Ministro del Canada . Un sondaggio pubblicato il 23 agosto 2005, commissionato dal Toronto Star , ha mostrato che McKenna era la prima scelta del pubblico per succedere al primo ministro Paul Martin. Tra il pubblico in generale, McKenna ha battuto l'ex premier del New Democratic Party Ontario Bob Rae con un margine di 23 a 11 mentre tra i liberali autoidentificati, McKenna ha battuto l'ex vice primo ministro del Canada John Manley con un margine di 28 a 13. L'ottobre 2005 numero della rivista Saturday Night aveva sondaggista Darrell Bricker e stratega liberale Warren Kinsella creare probabilità per potenziali candidati alla leadership liberale. Hanno reso McKenna il favorito con probabilità 7 a 2 battendo Scott Brison (8 a 1), Martin Cauchon (10 a 1), Michael Ignatieff e John Manley (ciascuno 15 a 1) tra gli altri.

Il 30 gennaio 2006, McKenna ha confermato i rapporti precedenti secondo cui non era in corsa per la leadership liberale per sostituire Paul Martin, che ha annunciato le sue dimissioni da leader del partito la notte delle elezioni del 23 gennaio 2006. McKenna ha riconosciuto la forza del marchio liberale affermando: "Hai buone probabilità di essere il primo ministro se sei il leader del partito liberale" - ogni leader del partito liberale da Sir Wilfrid Laurier nel 1896 era diventato primo ministro ministro. Tuttavia, ha posto fine al suo coinvolgimento nella corsa alla leadership del Partito Liberale del 2006, spiegando la sua decisione dicendo che non voleva che "la sua vita venisse consumata dalla politica". e che: "Mi sono ricordato del mio voto quando ho lasciato l'ufficio che, essendo sfuggito alla trappola, non sarei tornato indietro per il formaggio".

Dopo le dimissioni di Stéphane Dion da leader liberale federale dopo le elezioni del 2008 , McKenna è stata ancora una volta propagandata come una possibilità per prendere il timone del Partito liberale federale. Tuttavia, il 28 ottobre 2008, McKenna ha dichiarato che non avrebbe cercato la leadership, affermando: "Anche se sono stato profondamente commosso dalle espressioni di sostegno per me da tutto il paese, non sono stato convinto a cambiare la mia determinazione di lunga data uscire per sempre dalla vita pubblica" e "Il mio unico rammarico è di non poter onorare le aspettative di amici e sostenitori che mi hanno dimostrato un'enorme lealtà".

Bancario

Frank McKenna è stato nominato vicepresidente di TD Bank Financial Group a partire dal 1 maggio 2006. McKenna è responsabile dell'aiuto nella costruzione di relazioni commerciali a lungo termine che supportano la strategia di crescita di TD in Canada e negli Stati Uniti.

McKenna è responsabile di supportare l'azienda nella sua strategia di acquisizione dei clienti, in particolare nelle aree del wholesale e del commercial banking. Inoltre, è responsabile della rappresentanza di TD mentre lavora per espandere la sua presenza nordamericana come una delle dieci maggiori banche del continente, misurata dalla capitalizzazione di mercato.

Frank McKenna è citato nel libro "Clinton Cash" di Peter Schweizer. La maggior parte del riferimento riguarda il processo decisionale della Keystone Pipeline . Hillary Clinton in carica come Segretario di Stato negli Stati Uniti e il coinvolgimento monetario con TD Bank in Canada è descritto in modo approfondito. Il libro descrive TD Bank, con Frank McKenna come vicepresidente, che "ha pagato Bill più di qualsiasi altro istituto finanziario per le Lectures. Più di Goldman Sachs, UBS, JPMorgan o chiunque altro a Wall Street". Citando dal libro, "TD Bank ha pagato a Bill 1,8 milioni di dollari per dieci discorsi in un periodo di circa due anni e mezzo dalla fine del 2008 alla metà del 2011".

"In molti dei discorsi, (Bill) Clinton è stato presentato o intervistato dal vicepresidente di TD Bank Frank McKenna. Frank McKenna è descritto come un "buon amico sia di Bill che di Hillary Clinton".

Distinzioni

Riferimenti

Ulteriori letture

  • Philip Lee, Frank: La vita e la politica di Frank McKenna , Goose Lane, 2001.

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Gaetano Carbone

Per quelli come me che cercano informazioni su Frank McKenna, questa è un'ottima scelta

Rino Bernardini

La voce su Frank McKenna è stata molto utile per me, Grazie

Antonella Pace

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi

Adriano Vitali

L'informazione su Frank McKenna è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita