Frank McGee (hockey su ghiaccio)



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank McGee (hockey su ghiaccio) sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank McGee (hockey su ghiaccio) in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank McGee (hockey su ghiaccio) che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank McGee (hockey su ghiaccio), ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank McGee (hockey su ghiaccio), senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank McGee (hockey su ghiaccio). Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank McGee
Hockey Hall of Fame , 1945
Frank Mcgee foto.jpg
McGee nel 1914
Nato ( 1882-11-04 )4 novembre 1882
Ottawa , Ontario , Canada
Morto 16 settembre 1916 (1916-09-16)(33 anni)
Courcellette , Francia
Altezza 5 piedi 6 pollici (168 cm)
Peso 150 libbre (68 kg; 10 st 10 libbre)
Posizione Centro / Rover
Sparo Sono partiti
Ha giocato per Club di hockey di Ottawa
Carriera da giocatore 19031906

Francis Clarence McGee (4 novembre 1882-16 settembre 1916) è stato un giocatore di hockey su ghiaccio canadese durante i primi giorni di hockey per l' Ottawa Hockey Club . Più tardi conosciuto come "One-Eyed" Frank McGee a causa della sua cecità da un occhio, il risultato di un infortunio causato da una partita di hockey, McGee era un giocatore leggendario della sua epoca e conosciuto come un marcatore prolifico. Una volta ha segnato 14 gol in una partita della Stanley Cup e otto volte ha segnato cinque o più gol in una partita. Nonostante una breve carriera da senior - solo 45 partite in quattro stagioni - ha guidato Ottawa nel suo regno come campione della Stanley Cup durante questo periodo (1903-1906), giocando sia al centro che al rover . Durante la prima guerra mondiale, si arruolò nella Canadian Expeditionary Force e morì in battaglia in Francia. Quando la Hockey Hall of Fame è stata fondata nel 1945, McGee è stato uno dei candidati originali.

Vita privata

Frank McGee proveniva da un'importante famiglia canadese. Suo zio, Thomas D'Arcy McGee , era stato un padre della Confederazione . Suo padre, John Joseph McGee , era impiegato del Privy Council (considerato il massimo della carica di funzionario pubblico). Frank era uno dei nove figli nati da John Joseph McGee ed Elizabeth Helen (nata Crotty). Frank aveva cinque fratelli e tre sorelle: Thomas D'Arcy, James, John Joseph, Walter, Charles Edward, Kathleen Gertrude, Mary e Lillian. Suo fratello Jim era anche un noto atleta nel calcio e nell'hockey su ghiaccio, giocando quest'ultimo con McGee nella stagione 1903-2004 prima di morire in un incidente a cavallo nel maggio 1904. Anche Charles, come Frank, morì durante la prima guerra mondiale.

Dopo la sua formazione a Ottawa, McGee ha lavorato per il Dipartimento per gli affari indiani del governo canadese , ma aveva una passione per lo sport e giocava a lacrosse e rugby ed eccelleva nell'hockey su ghiaccio . Mentre giocava come mediano per la sua squadra di rugby, Ottawa City , era un membro della squadra che vinse il campionato canadese nel 1898.

Carriera nell'hockey

Il 21 marzo 1900, il giovane e promettente McGee perse l'uso dell'occhio sinistro durante una partita amatoriale per una squadra locale della Canadian Pacific Railway a causa di un "disco sollevato". Si ritirò dal gioco, diventando arbitro. Nel 1903, gli mancava così tanto praticare questo sport che si unì all'Ottawa Hockey Club nonostante il rischio di cecità permanente. McGee era il membro più giovane della squadra ed era alto solo cinque piedi e sei pollici, piccolo per i giocatori di hockey dell'epoca; a prescindere, eccelleva ed era noto per essere forte e muscoloso, ed era considerato un tipo di corpo ideale per lo sport.

Nella sua prima partita con Ottawa McGee segnò due gol e terminò la stagione 1903 con 14 gol in 6 partite, secondo assoluto in campionato. Aiutò Ottawa a mantenere la Stanley Cup dal 1903 al 1906.

In diverse occasioni, McGee ha segnato diversi gol in una singola partita, il più famoso dei quali è stato il suo gol di 14 gol nella vittoria per 23-2 sui Dawson City Nuggets il 16 gennaio 1905. Quei 14 gol, che includevano otto gol consecutivi segnato in meno di nove minuti, rimane fino ad oggi il maggior numero di gol segnati da un singolo giocatore in una partita di hockey della Stanley Cup e non è stato superato in nessuna partita professionistica. È stata la partita di playoff più sbilenca nella storia della Stanley Cup. Ha segnato cinque o più gol in altre otto partite della nazionale maggiore; il suo totale più alto in una partita singola nella stagione regolare era di otto il 3 marzo 1906, contro il Montreal Hockey Club .

I compagni di linea di McGee includevano i futuri Hall of Famers Alf Smith , Harry Westwick , Billy Gilmour e Tommy Smith . McGee era considerato un regista eccezionale e un marcatore mortale. Frank Patrick , un contemporaneo di McGee e come lui un membro della Hockey Hall of Fame , ha descritto McGee: "Era anche migliore di quello che dicono che fosse. Aveva tutto: velocità, maneggevolezza, capacità di segnare ed era un dama punitivo. Lui era robusto ma ben proporzionato e aveva un ritmo quasi animale".

Dopo che Ottawa perse la Stanley Cup contro i Montreal Wanderers nel 1906, McGee si ritirò a soli 23 anni. Il suo ritiro è attribuito alla sua posizione di governo che non gli permetteva di viaggiare. Si era ritirato brevemente dopo la morte di suo fratello Jim nel 1904. Durante la sua carriera, McGee ha segnato 135 gol in sole 45 partite (sia in campionato che in sfida). Solo Russell Bowie rivaleggia con la sua media di tre gol a partita.

McGee è stato uno dei nove giocatori originali inseriti nella Hockey Hall of Fame alla sua fondazione nel 1945. Cinque anni dopo, un sondaggio di editori sportivi di giornali canadesi ha selezionato i Silver Seven come la squadra eccezionale del paese nella prima metà del 20 ° secolo . Nel 1966, è stato inserito nella Ottawa Sports Hall of Fame .

Record delle finali della Stanley Cup

  • Maggior numero di gol in carriera nelle finali della Stanley Cup: 63
  • Maggior numero di gol in una serie di playoff: 15 in due partite nel 1905 a Ottawa contro Dawson City.
  • Maggior numero di gol, una partita di playoff: 14, 16 gennaio 1905, a Ottawa contro Dawson City.

Prima guerra mondiale

McGee si arruolò nell'esercito e combatté nella prima guerra mondiale per il 43° reggimento (duca di Cornovaglia's Own Rifles) come tenente nel 21° battaglione di fanteria , a partire dal maggio 1915. Quel dicembre fu ferito quando l'auto blindata che stava guidando era soffiato in un fosso da un proiettile, ferendosi al ginocchio. McGee ha trascorso diversi mesi a riprendersi. Nell'agosto 1916 tornò in servizio attivo e gli fu data la possibilità di un incarico a Le Havre lontano dall'azione, ma scelse di tornare al suo battaglione al fronte e prese parte alla battaglia della Somme . McGee fu ucciso in azione il 16 settembre 1916, vicino a Courcelette, in Francia. Il suo corpo non è mai stato recuperato. Suo fratello Carlo era già morto in azione nel maggio 1915 nella battaglia di Festubert . Entrambi i loro nomi furono successivamente aggiunti al Canadian National Vimy Memorial , insieme a tutti gli altri soldati canadesi uccisi in Francia senza tomba nota.

Non si sa come McGee sia stato ammesso nell'esercito con la vista da un occhio solo. Nel suo certificato di esame, l'ufficiale medico ha scritto che McGee poteva "vedere la distanza richiesta con entrambi gli occhi". Secondo il nipote di McGee, Frank Charles McGee, suo zio ha ingannato il dottore. Quando gli è stato chiesto di coprire un occhio e leggere la tabella, ha coperto l'occhio cieco e quando gli è stato richiesto di coprire l'altro occhio ha cambiato mano invece degli occhi. La sua storia medica elenca solo "buono" per la sua vista.

Statistiche di carriera

Stagione regolare e playoff

    Stagione regolare   Playoff
La stagione Squadra Lega GP G UN Pt PIM GP G UN Pt PIM
189900 Ottawa Secondi CAHL -I
190001 Ottawa Aberdeens OCJHL
190102 Ottawa Aberdeens CAHL-I
190203 Ottawa HC CAHL 6 14 14 9 2 3 3
190203 Ottawa HC St-Coppa 2 4 4
190304 Ottawa HC CAHL 4 12 12 9
190304 Ottawa HC St-Coppa 8 21 21
190405 Ottawa HC FAHL 6 17 17 14
190405 Ottawa HC St-Coppa 4 18 18
190506 Ottawa HC ECAHA 7 25 25 18
190506 Ottawa HC St-Coppa 6 17 17
Totali senior 23 68 68 50 2 3 3
Totali della St-Cup 20 60 60
  • Fonte: Total Hockey

Riferimenti

Appunti

Citazioni

Riferimenti

  • Beddoes, Dick (1990), Le più grandi storie di hockey di Dick Beddoes , Toronto, Ontario: Macmillan del Canada, ISBN 0-7715-9106-3
  • Clarke, Nic (marzo 2011), " ' The Greater and Grimmer Game': Sport as an Arbiter of Military Fitness in the British Empire - The Case of 'One-Eyed' Frank Mcgee", The International Journal of the History of Sport , 28 (34): 604622, doi : 10.1080/09523367.2011.547320 , S2CID  154909098
  • Coleman, Carlo (1966). Il sentiero della Stanley Cup, vol. 1 18931926 inc . Lega Nazionale di Hockey. ISBN 0-8403-2941-5.
  • Diamante, Dan, ed. (2000), Total Hockey: The Official Encyclopedia of the National Hockey League, Seconda edizione , New York: Total Sports Publishing (pubblicato nel 2002), ISBN 1-892129-85-X
  • Falconer, Tim (2021), Klondikers: Dawson City's Stanley Cup Challenge e How a Nation Fell in Love with Hockey , Toronto: ECW Press, ISBN 978-1-77041-607-9
  • Francis "Frank" McGee , Ottawa Sports Hall of Fame , recuperato l'8 gennaio 2022
  • Biografia di Frank McGee , Hockey Hall of Fame , recuperata l'8 gennaio 2022* Houston, William (1998), McGee, Francis Clarence , Dictionary of Canadian Biography , recuperato l'8 gennaio 2022
  • Jenish, D'Arcy (1992), The Stanley Cup: A Hundred Years of Hockey at its Best , Toronto, Ontario: McClelland & Stewart Inc., ISBN 0-7710-4406-2
  • "John Jos. McGee è morto la scorsa notte all'età di 81 anni", Ottawa Citizen , Ottawa, Ontario, 11 aprile 1927
  • Cucina, Paul (2008), Vincere, pareggiare o litigare , Manotick, Ontario: Penumbra Press, ISBN 978-1-897323-46-5
  • MacLeod, Alan Livingstone (2018), Dalle piste ai reggimenti: Hockey Hall-of-Famers e la Grande Guerra , Victoria, British Columbia: Heritage House, ISBN 978-1-77203-268-0
  • McKinley, Michael (2006), Hockey: Storia di un popolo , Toronto, Ontario: McClelland & Stewart Ltd, ISBN 0-7710-5769-5
  • "Ottawan in vittime, la morte del tenente Frank McGee è stata ufficialmente annunciata sabato", Ottawa Citizen , Ottawa, Ontario, 25 settembre 1916
  • "Triste morte del capitano di Ottawa", The Globe , Toronto, Ontario, 15 maggio 1904
  • "The Ottawa Team", The Gazette , Montreal, Quebec, 28 dicembre 1904

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Flavio De Angelis

Grazie. L'articolo su Frank McGee (hockey su ghiaccio) è stato utile per me, Articolo molto interessante su Frank McGee (hockey su ghiaccio)

Fabrizio Sorrentino

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Frank McGee (hockey su ghiaccio)

Rino Leone

Grande post su Frank McGee (hockey su ghiaccio), Grande post su Frank McGee (hockey su ghiaccio)

Giulio Brambilla

L'informazione su Frank McGee (hockey su ghiaccio) è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita

Elena Giusti

Era da molto tempo che non vedevo un articolo sulla Frank McGee (hockey su ghiaccio) scritto in modo così didascalico. Mi piace