Frank Marshall (scacchista)



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Marshall (scacchista) sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Marshall (scacchista) in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Marshall (scacchista) che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Marshall (scacchista), ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Marshall (scacchista), senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Marshall (scacchista). Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Marshall
FrankMarshall.jpg
Frank Marshall
Nome e cognome Frank James Marshall
Nazione stati Uniti
Nato ( 1877-08-10 )10 agosto 1877
New York City
Morto 9 novembre 1944 (1944-11-09)(all'età di 67 anni)
Jersey City

Frank James Marshall (10 agosto 1877 9 novembre 1944) è stato il campione statunitense di scacchi dal 1909 al 1936 e uno dei giocatori di scacchi più forti del mondo nella prima parte del XX secolo.

carriera scacchistica

Marshall è nato a New York City e ha vissuto a Montreal, Quebec , Canada, dagli 8 ai 19 anni. Ha iniziato a giocare a scacchi all'età di 10 anni e nel 1890 (13 anni) era uno dei principali giocatori di Montreal.

Ha vinto il Congresso Internazionale di Scacchi di Cambridge Springs del 1904 (segnando 13/15, davanti al Campione del Mondo Emanuel Lasker ) e il Congresso degli Stati Uniti nel 1904, ma non ha ottenuto il titolo nazionale perché il campione degli Stati Uniti in quel momento, Harry Nelson Pillsbury , non ha competere. Nel 1906 Pillsbury morì e Marshall rifiutò di nuovo il titolo di campione fino a quando non lo vinse in competizione nel 1909.

Nel 1907 ha giocato una partita contro il campione del mondo Emanuel Lasker per il titolo e ha perso otto partite, nessuna vittoria e sette pareggi . Hanno giocato la loro partita a New York, Filadelfia , Washington, DC , Baltimora , Chicago e Memphis dal 26 gennaio all'8 aprile 1907.

Nel 1909 accettò di giocare una partita con l'allora giovane giocatore di scacchi cubano José Capablanca e, con sorpresa della maggior parte delle persone, perse otto partite, ne disegnò quattordici e ne vinse solo una. Dopo questa sconfitta, Marshall non si risentì di Capablanca; invece, si rese conto che il giovane aveva un talento immenso e meritava un riconoscimento. Il campione americano ha lavorato duramente per garantire a Capablanca la possibilità di giocare ai massimi livelli della competizione. Marshall insistette affinché Capablanca potesse partecipare al torneo di San Sebastián nel 1911, un campionato esclusivo che prometteva di essere uno dei più forti della storia. Nonostante molte proteste per la sua inclusione, Capablanca ha vinto il torneo.

Marshall arrivò quinto al torneo di San Pietroburgo nel 1914, dietro al campione del mondo Lasker, ai futuri campioni del mondo Capablanca e Alekhine , e all'ex sfidante al campionato del mondo Tarrasch , ma davanti ai giocatori che non si qualificarono per la finale: Ossip Bernstein , Rubinstein , Nimzowitsch , Blackburne , Janowski e Gunsberg . Secondo l'autobiografia di Marshall del 1942, che sarebbe stata scritta come ghostwriter da Fred Reinfeld , lo zar Nicola II conferì il titolo di " Grandmaster " a Marshall e agli altri quattro finalisti. Lo storico degli scacchi Edward Winter ha messo in dubbio questo, affermando che le prime fonti conosciute che supportano questa storia sono l'autobiografia di Marshall e un articolo di Robert Lewis Taylor nel numero del 15 giugno 1940 del New Yorker .

Nel 1915 Marshall aprì il Marshall Chess Club a New York City. Nel 1925 Marshall è apparso nel cortometraggio sovietico Chess Fever in un cameo insieme a Capablanca.

Nel 1920 vinse l'American Chess Congress.

Nel 1922 Marshall giocò 155 partite contemporaneamente al National Club di Montreal, in Canada, un record mondiale. Ha segnato 126 vittorie, 21 pareggi e 8 sconfitte in poco più di 7 ore. Una settimana dopo, quando Marshall è tornato a New York, ha ripetuto ogni singola mossa di ogni partita, è stato in grado di ricordare 154 delle 155 partite.

Negli anni '30 Marshall guidò la squadra degli Stati Uniti a quattro medaglie d'oro a quattro Olimpiadi di scacchi . Durante un round, è tornato al tabellone e ha scoperto che i suoi compagni di squadra avevano accettato tre pareggi. Dopo aver terminato la propria partita, ha tenuto a ciascuno di loro un severo discorso individualmente su come i pareggi non vincono le partite.

Nel 1936, dopo aver detenuto il titolo di campione degli Stati Uniti per 27 anni, lo cedette al vincitore di un torneo di campionato. Il primo torneo di questo tipo è stato sponsorizzato dalla National Chess Federation e si è tenuto a New York. Il Marshall Chess Club ha donato il trofeo e il primo vincitore è stato Samuel Reshevsky .

Valutazione

Marshall era meglio conosciuto per la sua grande abilità tattica. Un aspetto di ciò era la " truffa Marshall ", in cui un trucco avrebbe ribaltato una partita persa. Andrew Soltis scrive che "Negli anni successivi la sua abilità nel salvare l'irrecuperabile ha assunto proporzioni magiche". Non così noto ora, ma apprezzato ai suoi tempi, era la sua abilità nel finale .

Teoria dell'apertura

Frank Marshall ha una serie di varianti di apertura degli scacchi che portano il suo nome. Da lui prendono il nome due varianti di gambetto che sono ancora oggi teoricamente importanti. Uno è l' attacco Marshall nella Ruy Lopez (1.e4 e5 2.Nf3 Nc6 3.Bb5 a6 4.Ba4 Nf6 5.0-0 Be7 6.Re1 b5 7.Bb3 0-0 8.c3 d5). La prima partita ben nota di Marshall con questa apertura fu contro José Capablanca nel 1918, sebbene Marshall l'avesse già giocata in altre partite che non avevano ottenuto un'attenzione diffusa. Anche se Capablanca ha vinto in una partita ampiamente considerata come un tipico esempio del suo genio difensivo, l'idea di apertura di Marshall è diventata piuttosto popolare. Il Nero ottiene buone occasioni in attacco e segna vicino al 50 per cento con il Marshall, ottimo risultato per il Nero . L'attacco Marshall è così rispettato che molti top player spesso scelgono di evitarlo con variazioni "Anti-Marshall" come 8.a4.

All'inizio della sua carriera, Marshall era principalmente conosciuto come un colorato giocatore tattico nella tradizione Morphy . Quando suonava i pezzi bianchi, normalmente usava aperture e4 come King's Gambit e Vienna Game . Come Nero, ha favorito l' Albin Countergambit come risposta al Queen's Gambit . Negli anni '20, la maggior parte dei giocatori di scacchi d'élite era passata interamente alle aperture d4 e a uno stile di gioco più posizionale, e Marshall ha cambiato il suo stile di gioco per adattarsi ai tempi. Nei suoi ultimi anni, usò spesso la difesa Caro-Kann e le difese indiane.

Anche un'importante mossa della difesa semi-slava prende il nome da Marshall. Che Marshall Gambit inizia 1.d4 d5 2.c4 c6 3.Nc3 e6 4.e4 ! La linea principale corre 4...dxe4 5.Nxe4 Bb4+ 6.Bd2 (6.Cc3 salva il pedone ma non è considerato pericoloso) Qxd4 7.Bxb4 Qxe4+ 8.Be2 con gioco acuto e poco chiaro.

Un'altra apertura intitolata a Marshall è la Marshall Defense to the Queen's Gambit (1.d4 d5 2.c4 Nf6). È generalmente considerato inferiore a Gambetto di regina rifiutato (2...e6), Difesa slava (2...c6) e Gambetto di regina accettato (2...dxc4).

Libri

  • Frank Marshall, My Fifty Years of Chess , 1942, ISBN  1-84382-053-6 (edizione 2002 Hardinge Simpole), pubblicato anche come Best Games of Chess di Frank Marshall , ISBN  0-486-20604-1 (pubblicazioni Dover 1960). Questo è stato ripubblicato nel 2003: ISBN  978-1447472513 (Buchanan Press {9 gennaio 2013})
  • Andy Soltis , Frank Marshall, campione di scacchi degli Stati Uniti: una biografia con 220 giochi , 1994, ISBN  0-89950-887-1 .
  • Frank James Marshall, Marshall's Chess "Swindles", 1914, (pubblicazione American Chess Bulletin, 130pp.)

Citazioni

  • "La cosa più difficile negli scacchi è vincere una partita vinta."

Giochi notevoli

Il famoso 23...Dg3 . di Marshall

un B C D e F G h
8
Scacchiera480.svg
f8 torre nera
g8 re nero
a7 pedone nero
b7 pedone nero
g7 pedone nero
h7 pedone nero
e6 pedone nero
c5 torre bianca
g5 regina bianca
d4 cavaliere nero
c3 regina nera
h3 torre nera
a2 pedone bianco
c2 pedone bianco
f2 pedone bianco
g2 pedone bianco
h2 pedone bianco
f1 torre bianca
g1 re bianco
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
un B C D e F G h
Posizione dopo 23.Rc5

Nella sua famosa partita contro Stepan Levitsky , Marshall concluse con un finto sacrificio della sua regina , permettendogli di essere catturato in tre modi diversi.

Levitsky contro Marshall, Breslavia 1912: 1.d4 e6 2.e4 d5 3.Cc3 c5 4.Nf3 Nc6 5.exd5 exd5 6.Be2 Nf6 7.0-0 Be7 8.Bg5 0-0 9.dxc5 Be6 10.Nd4 Bxc5 11.Nxe6 fxe6 12.Bg4 Qd6 13.Bh3 Rae8 14.Qd2 Bb4 15.Bxf6 Rxf6 16.Rad1 Qc5 17.Qe2 Bxc3 18.bxc3 Qxc3 19.Rxd5 Nd4 20.Qh5 Ref8 21.Re5 Rh6 22.Qg Rc5 (vedi diagramma) Dg3 !! (Questa mossa è considerata una delle mosse più brillanti mai giocate; Tim Krabbé l'ha classificata al terzo posto. La leggenda narra che gli spettatori abbiano inondato la scacchiera di pezzi d'oro dopo l'ultima mossa di Marshall. Lo storico degli scacchi Edward Winter discute i diversi resoconti qui .) 0 1

Conquista Capablanca con il nero

Sebbene Marshall abbia perso contro Capablanca molto più spesso di quanto abbia vinto (+220=28), è stato uno dei pochi giocatori a batterlo con i pezzi neri.

Capablanca contro Marshall, Havana 1913: 1.e4 e5 2.Nf3 Nf6 3.Nxe5 d6 4.Nf3 Nxe4 5.d4 d5 6.Bd3 Bg4 7.0-0 Nc6 8.c3 Be7 9.Nbd2 Nxd2 10.Bxd2 0-0 11.h3 Bh5 12.Re1 Qd7 13.Bb5 Bd6 14.Ne5 Bxe5 15.Qxh5 Bf6 16.Bf4 Rae8 17.Re3 Rxe3 18.fxe3 a6 19.Ba4 b5 20.Bc2 g6 21.Qf3 Bg7 22.Bb3 Ne7 23. e4 dxe4 24.Qxe4 c6 25.Re1 Nd5 26.Bxd5 cxd5 27.Qe7 Qc8 28.Bd6 h6 29.Rf1 f6 30.Re1 Rd8 31.Bc5 Kh7 32.Qf7 Qf5 33.Be7 Qd7 34.Kf1 Rf8 35.Qe6 Qx 36.Rxe6 Re8 37.Re2 Kg8 38.b3 Kf7 39.Bc5 Rxe2 40.Kxe2 f5 41.Kd3 Ke6 42.c4 bxc4+ 43.bxc4 g5 44.g4 f4 45.Bb4 Bf6 46.Bf8 dxc4+ 47.Kxc4 f3 48. d5+ Re5 49.Red3 Ref4 50.Lad6+ Be5 51.Lac5 Kg3 52.Re4 Sif4 53.d6 f2 01

Capablanca perdeva raramente alla fine della partita .

Riferimenti

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Ivano Fazio

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Frank Marshall (scacchista)

Pasquale Mazza

Buon articolo su Frank Marshall (scacchista)