Frank Jacobs



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Jacobs sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Jacobs in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Jacobs che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Jacobs, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Jacobs, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Jacobs. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Jacobs
Nato Franklin Jacobs 30 maggio 1929 Lincoln, Nebraska , USA
( 1929-05-30 )
Morto 5 aprile 2021 (2021-04-05)(età 91)
Tarzana, California , USA
Occupazione Satirico
Lingua inglese
Nazionalità americano
Genere satira, musica
Opere notevoli Pazzo
anni attivi 1957-2014

Franklin Jacobs (30 maggio 1929 5 aprile 2021) è stato un autore americano di satire, noto principalmente per il suo lavoro in Mad , al quale ha contribuito dal 1957 al 2014. Jacobs ha scritto un'ampia varietà di parodie e parodie, ma è stato il migliore noto come versificatore che ha contribuito con parodie di famosi testi di canzoni e poesie. Nel 2009, Jacobs si è descritto come "lo scrittore meno conosciuto di versi isterici negli Stati Uniti".

Nel 2021, il parodista musicale "Weird Al" Yankovic ha dichiarato al Washington Post : "Ho assolutamente divorato ogni numero [di Mad ], e Frank Jacobs è stato un grande motivo per quell'ossessione. Non posso giurare che il lavoro di Frank sia stata la mia prima esposizione alla forma d'arte della parodia, ma è stata sicuramente la prima volta che ho visto l'arte avvicinarsi con tanta abilità, arguzia e attenzione ai dettagli. Frank ha tracciato il modello per me, ha cambiato irrevocabilmente il mio DNA".

Jacobs è apparso nel sesto capitolo del documentario comico della PBS , Make 'em Laugh: The Funny Business of America, cantando "Blue Cross", la sua parodia del 1961 di " Blue Skies " di Irving Berlin . Quel testo era uno dei 25 oggetto di Berlin v. EC Publications, Inc. , un caso che ha costituito un precedente che è stato presentato ricorso alla Corte Suprema e ha contribuito a definire i confini della parodia nella legge americana.

Contributi pazzi

Annoiato dal suo lavoro in una società di pubbliche relazioni, Jacobs ha trovato una copia della rivista e ha pensato "Posso farcela". Quando l'azienda ha chiuso, Jacobs è andato a Mad .

La prima presentazione di Jacobs alla rivista, "Perché ho lasciato l'esercito e sono diventato un civile", ha comportato una vendita immediata e una richiesta di altro materiale. Fu uno dei cinque pezzi di Jacobs ad apparire nel numero 33 (giugno 1957), segnando un debutto prodigioso per il contributore Mad . Il suo sottotitolo è apparso successivamente in più di 300 numeri della rivista, secondo solo a Dick DeBartolo tra gli scrittori Mad che non hanno illustrato anche il proprio lavoro. Jacobs aveva più di 575 crediti per la rivista, più di ogni altro scrittore e secondo solo allo scrittore/artista Al Jaffee . Al suo apice, Jacobs scriveva un quinto del contenuto della rivista. "Il mio anno migliore, ho venduto 60 pagine... quindi hai un'idea del mio ruolo", ha detto Jacobs a un intervistatore. 165 numeri separati di Mad includono più articoli scritti da Jacobs.

Jacobs ha creato numerose caratteristiche ricorrenti in Mad , inclusi necrologi fabbricati per personaggi di fantasia di vari generi e "Storie di giornali fai-da-te" che offrono una serie di opzioni da riempire.

Libri e scritti

Jacobs ha scritto 13 libri tascabili sotto l' etichetta Mad , tra cui Mad for Better o Verse , una raccolta di parodie di poesie, così come la biografia The Mad World di William M. Gaines .

Uno dei progetti non legati a Mad di Jacobs è stato Alvin Steadfast on Vernacular Island del 1965 , una gentile parodia dei libri per ragazzi post-vittoriani. L'eroe titolare è un bambino di dieci anni, che si unisce a un esploratore adulto su Vernacular Island, un luogo popolato da creature bizzarre e meravigliose come Standing Ovation, Ill Omen, Glowing Report e Ugly Rumor. I due umani vanno alla ricerca del Dubbio, e mentre la loro avventura li porta nella giungla, incontrano creature ancora più favolose. L' edizione originale di Dial Press è stata illustrata da Edward Gorey , in uno stile stravagante non caratteristico, a differenza dei suoi soliti disegni allegramente scuri. La scrittura di Jacobs è solo leggermente cinica, con più di un'enfasi su giochi di parole, giochi di parole e umorismo gentile.

Jacobs ha contribuito ad altre riviste, tra cui Oui , Playboy , Town and Country , New York , Sports Illustrated , Saturday Review , Punch e Signature .

Al Comic-Con di San Diego del 2009 , Jacobs ha ricevuto il Bill Finger Award per l'eccellenza nella scrittura di fumetti.

Bibliografia pazza

Il lavoro di Jacobs appare nella maggior parte delle compilation di ristampa di Mad . Sono stati pubblicati due compendi di Mad contenenti solo opere ristampate di Jacobs: "MAD Zaps the Human Race" nel 1984 e "Mad's Greatest Writers: Frank Jacobs - Five Decades of His Greatest Works" nel 2015.

Ha scritto 13 libri tascabili di nuovo materiale con il marchio Mad :

  • Mad For Better Or Verse (Signet 1968 / Warner Books, 1975)
  • Canta insieme a Mad (Signet 1970 / Warner Books, 1977 )
  • Pazzi per lo sport (Warner Paperback Library, 1972)
  • I francobolli parlanti di Mad (Warner Paperback Library, 1974)
  • The Mad Turned-On Zoo (Warner Paperback Library, 1974), con il co-sceneggiatore Bob Clarke
  • The Mad Jumble Book (Warner Paperback Library, 1975), con il co-sceneggiatore Max Brandel
  • Più pazzi per lo sport (Warner Books, 1977)
  • Pazzi per il mondo (Warner Books, 1979)
  • Mad Goes Wild (Warner Books, 1981), con il co-sceneggiatore Bob Clarke
  • Fatti di matto (Warner Books, 1981)
  • Il libro di Mad Jock (Warner Books, 1983)
  • La follia va in pezzi (Warner Books, 1984)
  • Mad's ci credi o no! (Warner Books, 1986)

Jacobs ha anche contribuito alla sceneggiatura dei tascabili originali di Don Martin . Nel 2000, ha fornito il commento per "'Mad' Cover to Cover", un libro di immagini di copertina della rivista.

Bibliografia non pazza

  • Canvas Confidential A Backward Glance at the World of Art (The Dial Press, 1963), scritto in collaborazione con Sy Reit
  • 30 modi per smettere di fumare (Pocket Books, 1964), illustrato da Alfred Gescheidt
  • L'improbabile ricettario delle celebrità (New American Library, 1964)
  • It Came From Madison Avenue (Kanrom Inc., New York, 1964), scritto insieme a Nick Meglin
  • Alvin Steadfast su Vernacular Island (The Dial Press, 1965)
  • Il pazzo mondo di William M. Gaines (Lyle Stuart, Inc., 1972; edizione tascabile, Bantam Books, 1973)
  • Parodie spietate (Dover Books on Literature & Drama, 1994)
  • Casey at the Bat Baseball Cards: The Mudville Nine (Dover Publications, 1995)
  • Batty Baseball Cards (pubblicazioni di Dover, 1995)
  • Fun With Hand Shadows (Dover Games & Puzzle Activity Books, 1996), scritto in collaborazione con Henry Bursill
  • Looney Limericks (Dover Games & Puzzle Activity Books, 1999)

Riferimenti

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Felice Bruni

Grande scoperta questo articolo su Frank Jacobs e tutta la pagina. Va direttamente nei preferiti, Grande scoperta questo articolo su Frank Jacobs e tutta la pagina

Annamaria Galli

Ho trovato le informazioni che ho trovato su Frank Jacobs molto utili e piacevoli. Se dovessi mettere un 'ma' forse sarebbe che non è abbastanza inclusivo nella sua formulazione, ma per il resto, è ottimo, L'articolo sulla Frank Jacobs è molto utile e piacevole

Emanuele Gagliardi

Questo post su Frank Jacobs mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Frank Jacobs mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto