Frank Harris



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Harris sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Harris in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Harris che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Harris, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Harris, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Harris. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Harris (14 febbraio 1855 26 agosto 1931) è stato un editore, romanziere, scrittore di racconti , giornalista ed editore irlandese-americano , che era amico di molte figure famose del suo tempo.

Nato in Irlanda, emigrò presto negli Stati Uniti, facendo una serie di lavori non qualificati prima di frequentare l' Università del Kansas per leggere (studiare) legge. Dopo la laurea, si stancò rapidamente della sua carriera legale e tornò in Europa nel 1882. Viaggiò nell'Europa continentale prima di stabilirsi a Londra per intraprendere una carriera nel giornalismo. Nel 1921, sulla sessantina, divenne cittadino americano. Sebbene abbia attirato molta attenzione durante la sua vita per la sua personalità irascibile e aggressiva, la direzione di famosi periodici e l'amicizia con il talentuoso e famoso, è ricordato principalmente per il suo libro di memorie in più volumi My Life and Loves , che è stato vietato nei paesi intorno al mondo per la sua esplicitezza sessuale.

Biografia

Nei primi anni

Harris è nato James Thomas Harris nel 1855, a Galway , in Irlanda, da genitori gallesi. Suo padre, Thomas Vernon Harris, era un ufficiale di marina di Fishguard , Pembrokeshire, Galles. Mentre viveva con suo fratello maggiore è stato, per un anno o più, allievo presso la Royal School, Armagh . All'età di 12 anni fu mandato in Galles per continuare la sua istruzione come pensionante presso la Ruabon Grammar School nel Denbighshire, un periodo che avrebbe ricordato più tardi in My Life and Loves . Harris era infelice a scuola ed è scappato nel giro di un anno.

Harris scappò negli Stati Uniti alla fine del 1869, arrivando a New York praticamente senza un soldo. Il tredicenne ha svolto una serie di lavori saltuari per mantenersi, lavorando prima come lustrascarpe , facchino , operaio generico e operaio edile alla costruzione del ponte di Brooklyn . Harris in seguito trasformò queste prime esperienze lavorative in arte, incorporandone i racconti nel suo libro The Bomb.

Da New York Harris si trasferì nel Midwest americano , stabilendosi nella seconda città più grande del paese, Chicago, dove trovò lavoro come impiegato d'albergo e infine come manager. A causa della posizione centrale di Chicago nell'industria del confezionamento della carne, Harris fece la conoscenza di vari allevatori, che lo spinsero a lasciare la grande città per lavorare come cowboy . Harris alla fine si stancò della vita nell'industria del bestiame e si iscrisse all'Università del Kansas , dove studiò legge e conseguì una laurea, ottenendo l'ammissione all'ordine degli avvocati dello stato del Kansas.

Nel 1878, a Brighton, sposò Florence Ruth Adams, che morì l'anno successivo.

Ritorno in Europa

Harris non era tagliato per essere un avvocato e presto decise di rivolgere la sua attenzione alla letteratura. Si trasferì in Inghilterra nel 1882, in seguito viaggiando in varie città in Germania, Austria , Francia e Grecia nella sua ricerca letteraria. Ha lavorato brevemente come corrispondente di giornali americani prima di stabilirsi in Inghilterra per perseguire seriamente la vocazione del giornalismo.

Harris si è fatto notare per la prima volta come redattore di una serie di giornali londinesi tra cui l' Evening News , il Fortnightly Review e il Saturday Review , quest'ultimo è stato il punto più alto della sua carriera giornalistica, con HG Wells e George Bernard Shaw come regolari contributori.

Dal 1908 al 1914 Harris si concentrò sul lavoro come romanziere, scrivendo una serie di libri popolari come La bomba, L'uomo Shakespeare e Il biglietto giallo e altri racconti . Con l'avvento della prima guerra mondiale nell'estate del 1914, Harris decise di tornare negli Stati Uniti.

Dal 1916 al 1922 diresse l'edizione americana del Pearson's Magazine , un mensile popolare che combinava la narrativa breve con servizi a tinte socialiste su argomenti di cronaca contemporanea. Un numero della pubblicazione fu bandito dalla posta dal Postmaster General Albert S. Burleson durante il periodo di partecipazione americana alla Grande Guerra . Nonostante questo Harris è riuscito a destreggiarsi nella delicata situazione che ha dovuto affrontare la stampa di sinistra ea mantenere il funzionamento e la solvibilità della Pearson durante gli anni della guerra.

Harris divenne cittadino americano nell'aprile 1921. Nel 1922 si recò a Berlino per pubblicare la sua opera più nota, la sua autobiografia My Life and Loves (pubblicata in quattro volumi, 1922-1927). È noto per le sue descrizioni grafiche dei presunti incontri sessuali di Harris e per l'esagerazione della portata delle sue avventure e del suo ruolo nella storia. Anni dopo, la rivista Time rifletté nel suo numero del 21 marzo 1960 "Se non fosse stato un bugiardo tonante, Frank Harris sarebbe stato un grande autobiografo ... ha avuto la squalifica paralizzante che ha detto la verità, come ha osservato Max Beerbohm , solo ' quando la sua invenzione è stata segnalata". Un quinto volume, presumibilmente tratto dai suoi appunti ma di dubbia provenienza, fu pubblicato nel 1954, molto tempo dopo la sua morte.

Harris ha anche scritto racconti e romanzi, due libri su Shakespeare , una serie di schizzi biografici in cinque volumi con il titolo Ritratti contemporanei e biografie dei suoi amici Oscar Wilde e George Bernard Shaw . I suoi tentativi di drammaturgia ebbero meno successo: solo Mr. and Mrs. Daventry (1900) (che si basava su un'idea di Oscar Wilde ) fu prodotto in scena.

Morte ed eredità

Sposato tre volte, Harris morì a Nizza all'età di 75 anni il 26 agosto 1931, per un attacco di cuore. Successivamente fu sepolto a Cimetière Sainte-Marguerite, adiacente al Cimetière Caucade , nella stessa città.

Subito dopo la sua morte fu pubblicata una biografia scritta da Hugh Kingsmill (pseudonimo di Hugh Kingsmill Lunn).

Lavori

  • Montes the Matador e altri racconti (Londra, Grant Richards, 1900)
  • La bomba (1908)
  • L'uomo Shakespeare e la sua tragica storia di vita (Londra, Frank Palmer, 1909)
  • Il biglietto giallo e altre storie (Grant Richards Ltd., 1914)
  • The Spectacle Maker (1913) base per il film del 1934
  • Ritratti contemporanei... in quattro volumi (1915-1923)
  • Oscar Wilde, La sua vita e le sue confessioni (1916)
  • La mia vita e i miei amori , (19221927, 1931, 1954, 1963 (completa))
  • Undream'd of Shores (Londra, Grant Richards, 1924)
  • I miei ricordi da cowboy (1930)
  • Confessionale (1930). Saggi.
  • Pantopia: un romanzo (1930)
  • Bernard Shaw (1931)
  • I racconti di Frank Harris, una selezione (1975). Elmer Gertz , ed.

Riferimenti culturali

Nel 1920, lo scrittore e diplomatico francese Paul Morand incontrò un anziano Frank Harris a Nizza e prese in prestito gran parte della sua personalità per creare il personaggio di O'Patah, uno scrittore, editore e patriota irlandese più grande della vita, "l'ultimo dei bardi irlandesi" nel suo racconto La nuit de Portofino kulm (parte della famosa raccolta di racconti Fermé la nuit ) pubblicato nel 1923 da Gallimard .

Nel 1922, Whittaker Chambers pubblicò una commedia "blasfema" e "sacrilegosa" chiamata "A Play for Puppets" su The Morningside , una rivista studentesca della Columbia University, basata sull'opera teatrale di Frank Harris del 1919 Miracle of the Stigmata , per la quale Chambers lasciò la scuola per evitare l'espulsione. ("La maggior parte di essa è così chiaramente sacrilega che non può essere riprodotta.")

Nel 1929, la canzone di Cole Porter "After All, I'm Only a Schoolgirl" fa riferimento a Harris e "My Life and Loves", in una storia su una ragazza che sta imparando le relazioni adulte da un tutor privato.

Nel 1936, Harris apparve come personaggio nella commedia Oscar Wilde , di Leslie & Sewell Stokes , prodotta prima al London's Gate Theatre Studio (1936) e successivamente al Fulton Theatre, New York, nel 1938, in entrambi i casi con Robert Morley in il ruolo del titolo.

Nel 1958, il lungometraggio Cowboy è un adattamento del romanzo semi-autobiografico My Reminiscences as a Cowboy . Harris è interpretato da Jack Lemmon .

Nel 1960, è visto come un personaggio minore in The Trials of Oscar Wilde interpretato da Paul Rogers. Harris aveva specificamente messo in guardia Wilde dal perseguire Queensberry per diffamazione criminale, che ha portato alla sua caduta.

In un episodio del 1972 di The Edwardians , è stato interpretato da John Bennett.

Un volume di Frank Harris sorreggeva il divano nell'episodio "Six Big Boobies" (1985) di "Allo 'Allo" .

In televisione, Harris è stato interpretato da Leonard Rossiter in un gioco della settimana della BBC del 1978: Fearless Frank, or, Tidbits From The Life Of An Adventurer .

Lui è un personaggio del 1997 di Tom Stoppard giocare The Invention of Love , che si occupa della vita di AE Housman e le prove Oscar Wilde.

Appare come un caro amico di Oscar Wilde nella premiata commedia di Moisés Kaufman : Gross Indecency: The Three Trials of Oscar Wilde .

Appare nel primo episodio della miniserie del 2001 The Infinite Worlds of HG Wells , rifiutando una storia di Wells per essere troppo lunga e troppo assurda.

Harris appare come un vampiro nel romanzo Anno Dracula di Kim Newman del 1992 , come mentore e padre vampiro di uno dei personaggi principali del romanzo.

Nella serie ITV Mr Selfridge (2013), Samuel West interpreta un editore di giornali chiamato Frank Edwards, un personaggio basato su Frank Harris.

Sherlock Holmes e il dottor Watson incontrano Harris nel romanzo del 1976 di Nicholas Meyer , The West End Horror . Watson commenta l'abitudine di Harris di parlare sempre a voce molto alta.

Nella commedia poliziesca Pulp, Michael Caine interpreta un romanziere che qualcuno paragona a Frank Harris, in cui Caine risponde con disinvoltura: "Frank era un novizio".

Riferimenti

Ulteriori letture

  • Philippa Pullar, Frank Harris. 1975.
  • Robert Brainard Pearsall, Frank Harris. New York: Twayne Publishers, 1970.
  • Stanley Weintraub (a cura di), Il drammaturgo e il pirata, Bernard Shaw e Frank Harris: A Correspondence. Pennsylvania State University Press, 1982.
  • Charles Chaplin, La mia autobiografia pagine 242244. Simon e Schuster, 1964
  • Kate Stephens, Bugie e diffamazioni di Frank Harris, New York, Antigone Press, 1929.

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Giorgio Ferro

Avevo bisogno di trovare qualcosa di diverso sulla Frank Harris, non la tipica roba che si legge sempre su internet e mi è piaciuto questo articolo sulla Frank Harris, Ottimo post sulla Frank Harris

Elisa Mazzoni

Grande post su Frank Harris, Grande post su Frank Harris

Biagio Baldini

Mi piace il sito, e l'articolo sulla Frank Harris è quello che stavo cercando