Frank Foley



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Foley sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Foley in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Foley che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Foley, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Foley, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Foley. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Francis Edward Foley

Frank foley.jpg
Nato
Francis Edward Foley

( 1884-11-24 )24 novembre 1884
Morto 8 maggio 1958 (1958-05-08)(73 anni)
Nazionalità inglese
Datore di lavoro Governo
Coniugi
Katharine Eva
( m.  1921)

Il maggiore Francis "Frank" Edward Foley CMG (24 novembre 1884 8 maggio 1958) è stato un ufficiale dei servizi segreti britannici . In qualità di addetto al controllo passaporti per l' ambasciata britannica a Berlino , Foley "ha piegato le regole " e ha aiutato migliaia di famiglie ebree a fuggire dalla Germania nazista dopo la Notte dei Cristalli e prima dello scoppio della seconda guerra mondiale . È ufficialmente riconosciuto come Eroe britannico dell'Olocausto e Giusto tra le Nazioni .

Primi anni di vita

Foley era il terzo figlio di Isabella e Andrew Wood Foley, un ferroviere nato a Tiverton , la cui famiglia potrebbe aver avuto origine da Roscommon in Irlanda all'inizio del 1800. Dopo aver frequentato le scuole locali nel Somerset, Foley vinse una borsa di studio allo Stonyhurst College , nel Lancashire , dove fu educato dai Gesuiti . Andò poi in un seminario cattolico in Francia per formarsi come sacerdote, ma si trasferì all'Université de France di Poitiers per studiare classici . Mentre era lì, riconsiderò la sua vocazione al sacerdozio e decise invece di intraprendere la carriera accademica. Ha viaggiato molto in Europa, imparando fluentemente sia il francese che il tedesco.

Foley si laureò al Royal Military College, Sandhurst , e fu incaricato come sottotenente del reggimento Hertfordshire il 25 gennaio 1917. Fu nominato capitano temporaneo il 20 settembre 1917, mentre comandava una compagnia di fanteria del 1° battaglione, reggimento Hertfordshire, e fu in seguito con il 2nd/6th Battalion North Staffordshire Regiment , durante il quale fu menzionato nei dispacci .

Entrare nei servizi segreti

La storia della fuga di Foley dalla Germania e delle sue abilità linguistiche era stata notata da qualcuno al Ministero della Guerra . Fu incoraggiato a fare domanda per l' Intelligence Corps . Il 25 luglio 1918 Foley fu promosso tenente . Nel luglio 1918 entrò a far parte di una piccola unità che era responsabile del reclutamento e della gestione di reti di agenti segreti in Francia, Belgio e Paesi Bassi. Dopo l' armistizio prestò servizio per un breve periodo nella Commissione di controllo militare interalleata a Colonia . Il 19 aprile 1920 rinunciò al temporaneo grado di capitano e nel dicembre 1921 si ritirò dall'esercito con il grado di capitano .

Dopo l'esaurimento della commissione, gli fu offerto il posto di addetto al controllo passaporti a Berlino, che era una copertura per le sue principali funzioni di capo della stazione dei servizi segreti britannici ( MI6 ). Durante gli anni '20 e '30, Foley ebbe successo nel reclutamento di agenti e nell'acquisizione di dettagli chiave della ricerca e dello sviluppo militari tedeschi .

Insieme a Wilfrid Israel e Hubert Pollack Foley formò un meccanismo speciale specializzato nel salvataggio degli ebrei che erano già stati portati nei primi campi di concentramento. Pollack aveva contatti nella Gestapo; Wilfrid aveva soldi e legami diretti con sponsor all'estero; Foley era l'uomo incaricato del rilascio dei visti. La gente veniva da Wilfrid supplicando il suo aiuto per liberare i loro parenti dai campi; Wilfrid diede i fondi necessari a Pollack; Pollack ottenne i documenti; e Foley concesse visti a coloro che secondo Wilfrid e Pollack erano persone oneste il cui nome era stato annerito dalla Gestapo. Pollack e Wilfrid hanno tenuto informato Foley di eventuali agenti impiantati dalla Gestapo nelle file dei richiedenti i visti. Questa storia si riflette tra le altre nel film The Essential Link: The Story of Wilfrid Israel del regista Yonatan Nir .

Foley è principalmente ricordato come uno " Schindler britannico ". Nel suo ruolo di ufficiale di controllo passaporti, ha aiutato migliaia di ebrei a fuggire dalla Germania nazista . Al processo del 1961 contro l'ex nazista di rango Adolf Eichmann , è stato descritto come una " primula rossa " per il modo in cui ha rischiato la propria vita per salvare gli ebrei minacciati di morte dai nazisti. Nonostante non avesse l'immunità diplomatica e fosse passibile di arresto in qualsiasi momento, Foley avrebbe piegato le regole quando timbrava passaporti e rilasciava visti, per consentire agli ebrei di fuggire "legalmente" in Gran Bretagna o Palestina , che era allora controllata dagli inglesi. A volte andava oltre, entrando nei campi di internamento per far uscire gli ebrei, nascondendoli in casa sua e aiutandoli a ottenere passaporti falsi. Un operatore umanitario ebreo ha stimato di aver salvato "decine di migliaia" di persone dall'Olocausto .

Seconda guerra mondiale

Nel 1939 e nel 1940, Foley è stato un ufficiale di controllo passaporti in Norvegia fino all'invasione tedesca, quando è stato assegnato a Otto Ruge , C-in-C Norwegian Forces in the Field, per i quali servizi ha ricevuto la Croce di Cavaliere norvegese dell'Ordine di Sant'Olaf . Foley e Margaret Reid, la sua assistente, abbandonarono Oslo il 9 aprile 1940 durante l'avanzata tedesca e si recarono a Lillehammer e Åndalsnes . Prima di lasciare Oslo, Foley e Reid hanno bruciato i documenti della legazione britannica. Foley aiutò il comandante in capo della Norvegia, il generale Otto Ruge, a contattare la Gran Bretagna per richiedere assistenza contro l'invasore. Foley aveva il suo trasmettitore radio che permetteva a Ruge di comunicare con Londra indipendentemente dai telefoni fissi norvegesi. Reid era un esperto di cifratura che codificava i messaggi inviati in Gran Bretagna. Fino all'arrivo del ministro Cecil Dormer il 16 aprile, Foley ha agito come rappresentante del Regno Unito presso le autorità norvegesi. Foley e Reid furono evacuati da Molde dalla marina britannica il 1 maggio. A Åndalsnes Foley presumibilmente incontrò Martin Linge , che fungeva da ufficiale di collegamento.

Il 1° gennaio 1941 è stato insignito del titolo di Capitano Compagno dell'Ordine di San Michele e San Giorgio (CMG) per i suoi servizi al Ministero degli Esteri. Nel 1941 gli fu affidato il compito di interrogare il vice di Hitler, Rudolf Hess, dopo il volo di Hess in Scozia. Dopo che Hess fu ricoverato in ospedale nel 1942, Foley aiutò a coordinare l' MI5 e l'MI6 nella gestione di una rete di doppi agenti, il Double Cross System .

Ordine di Sant'Olavia

Più tardi nella vita

Foley tornò a Berlino subito dopo la guerra sotto la copertura di assistente ispettore generale del ramo di pubblica sicurezza della Commissione di controllo in Germania, dove fu coinvolto nella caccia agli ex criminali di guerra delle SS .

Nel 1949, Foley si ritirò a Stourbridge , Worcestershire e vi morì nel 1958. È sepolto nel cimitero di Stourbridge. Il 27 aprile 1961, il Daily Mail riportò la storia, scritta dalla vedova, delle sue attività per salvare quanti più ebrei possibile con i visti per il Regno Unito . Quando non è stata trovata alcuna scusa per un visto per la Gran Bretagna, ha contattato gli amici che lavorano nelle ambasciate di altre nazioni per la loro assistenza nella concessione dei visti ai loro paesi.

La sua vedova, Katharine Eva Foley, morì il 17 aprile 1979 nella sua casa di Sidmouth , nel Devon .

onori e premi

Riconoscimento postumo

Foley è stato accordato lo status di Giusto tra le Nazioni da Israele s' Yad Vashem come risultato diretto della testimonianza da 'testimoni viventi' trovate da Michael Smith , mentre la ricerca la sua biografia di Foley. Lord Janner , presidente dell'Holocaust Educational Trust , è stato determinante nel persuadere Yad Vashem a esaminare le prove di Smith. Alcuni membri del comitato di Yad Vashem che determina se qualcuno debba essere nominato "giusto gentile" inizialmente erano scettici sul fatto che un ufficiale dell'MI6 non avrebbe avuto l'immunità diplomatica, ma l'allora storico del Ministero degli Esteri Gill Bennett ha prodotto documenti precedentemente classificati che hanno dimostrato che questo era il Astuccio. La copertina del libro di Smith presenta la fotografia del primo passaporto diplomatico di Foley con la data di emissione chiaramente indicata come 11 agosto 1939.

Nel 2004 gli è stata dedicata una targa commemorativa all'ingresso del Mary Stevens Park di Stourbridge. L'anno successivo i volontari di Highbridge, città natale di Foley, raccolsero fondi per erigere il proprio tributo.

Una statua è stata commissionata allo scultore Jonathan Sells e inaugurata nell'anniversario del VE Day , che è anche l'anniversario della sua morte. Il 'Frank Foley Parkway' tra Highbridge e Burnham-on-Sea ha aperto il 7 luglio 2009.

Nel 2007, un film sulla vita di Foley era in fase di progettazione, ma i produttori hanno avviato un'azione legale contro l' MI6 per rilasciare documenti ancora riservati relativi al suo lavoro.

Il 24 novembre 2004 (il 120° anniversario della sua nascita) discendenti di Foley, parenti di coloro che ha salvato, rappresentanti di organizzazioni ebraiche, parlamentari britannici e altri sostenitori si sono riuniti presso l' Ambasciata britannica a Berlino per l'inaugurazione di una targa in onore di Foley. Alla cerimonia il ministro degli Esteri Jack Straw ha elogiato l'eroismo di Foley:

Frank Foley ha rischiato la vita per salvare la vita di migliaia di ebrei tedeschi. Senza la protezione dell'immunità diplomatica visitò i campi di internamento e ospitò i rifugiati ebrei nella sua casa. Frank Foley era un vero eroe britannico. È giusto che lo onoriamo all'ambasciata britannica a Berlino, non lontano da dove un tempo lavorava.

Il 31 maggio 2009, un giardino è stato dedicato alla sua memoria allo Sternberg Centre di Londra , dove è stata scoperta una targa da Cherie Booth .

Nel 2010, Foley è stato nominato eroe britannico dell'Olocausto dal governo britannico.

Nel 2012 il ministro degli Esteri, William Hague , gli ha svelato una targa al cimitero ebraico di Hoop Lane a Golders Green , Londra, un'iniziativa guidata dalla Congregazione degli ebrei spagnoli e portoghesi e dalla sinagoga di West London .

A lui è dedicato un autobus della National Express West Midlands .

Il 18 settembre 2018, il principe William , duca di Cambridge , ha inaugurato una statua del maggiore Frank Foley nella città di Stourbridge, nel West Midlands, alla presenza del pronipote di Foley, Stephen Higgs.

Bibliografia

  • Smith, Michael (2016). Foley: la spia che salvò 10.000 ebrei . morso. ISBN 9781785900549.
  • Anon (1964). Chi era chi, vol. V, 195160 . Adam & Charles Black. ISBN 0713625988.

Riferimenti

Ulteriori letture

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Sebastiano Venturi

L'informazione su Frank Foley è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita

Laura Venturini

La voce su Frank Foley è stata molto utile per me, Grazie

Adele Giusti

Il linguaggio sembra vecchio, ma le informazioni sono affidabili e in generale tutto ciò che è scritto su Frank Foley dà molta fiducia, Ho trovato questo articolo su Frank Foley molto interessante