Frank Buck (raccoglitore di animali)



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Buck (raccoglitore di animali) sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Buck (raccoglitore di animali) in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Buck (raccoglitore di animali) che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Buck (raccoglitore di animali), ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Buck (raccoglitore di animali), senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Buck (raccoglitore di animali). Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Buck
Frank Buck firmato foto.jpg
Buck in una fotografia autografata dal suo libretto di souvenir per l' Esposizione Universale di New York del 1939
Nato
Frank Howard Buck

( 1884-03-17 )17 marzo 1884
Gainesville, Texas , Stati Uniti
Morto 25 marzo 1950 (1950-03-25)(all'età di 66 anni)
Houston, Texas , Stati Uniti
Occupazione
anni attivi 191149
Coniugi
  • Lillian West (190113; divorziata)
  • Nina C. Boardman (191427; divorziata)
  • Muriel Reilly (192850; la sua morte)

Frank Howard Buck (17 marzo 1884 25 marzo 1950) è stato un cacciatore, collezionista di animali e scrittore americano, nonché attore, regista e produttore cinematografico. A partire dagli anni '10 fece molte spedizioni in Asia allo scopo di cacciare e raccogliere animali esotici, rimuovendoli dal loro habitat naturale e riportando oltre 100.000 esemplari vivi negli Stati Uniti e altrove per zoo e circhi , guadagnando una grande quantità di denaro e guadagnandosi la reputazione di avventuriero. È coautore di sette libri che raccontano o si basano sulle sue spedizioni, a partire da Bring 'Em Back Alive degli anni '30 , che divenne un bestseller . Tra il 1932 e il 1943 recitò in sette film d'avventura basati sulle sue imprese, la maggior parte dei quali presentava "combattimenti mortali" con varie bestie feroci. È stato anche per un breve periodo direttore dello zoo di San Diego , ha esposto animali selvatici alla mostra Century of Progress del 1933-34 e alla New York World's Fair del 1939 , ha fatto un giro con Ringling Bros. e Barnum & Bailey Circus e ha scritto un'autobiografia , 1941 Tutto in una vita . Il Frank Buck Zoo nella città natale di Buck, Gainesville, in Texas, prende il nome da lui.

Primi anni di vita

Buck è nato a Gainesville, in Texas, nel 1884 ed è cresciuto a Dallas . Eccelleva in geografia , a costo di "fallimento totale in tutte le altre materie di quel limitato curriculum di Dallas", e lasciò la scuola dopo aver completato la seconda media. Durante l'infanzia ha iniziato a collezionare uccelli e piccoli animali, ha provato a coltivare e ha venduto canzoni a cantanti di vaudeville prima di ottenere un lavoro come cowpuncher , (un termine per cowboy usato principalmente in Texas e negli stati circostanti). Accompagnando un carro bestiame ai recinti di Chicago , si rifiutò di tornare in Texas.

A Chicago, mentre lavorava come capitano dei fattorini al Virginia Hotel, Buck incontrò la residente dell'hotel Lillian West ( pseudonimo Amy Leslie). West era un'ex attrice e cantante di operetta. All'epoca in cui Buck l'ha incontrata, era una delle pochissime critiche teatrali femminili nel paese e l'unica che lavorava a Chicago, dove scriveva per il Chicago Daily News . Nella sua autobiografia, Buck la descrisse come "una donna piccola, grassoccia, con occhi acutamente intelligenti, i denti bianchi più belli che abbia mai visto e una bocca rossa e ridente", aggiungendo che era "sempre di buon carattere". Sebbene la loro relazione fosse molto insolita all'epoca, lei aveva 46 anni e il suo giovane 17 (una differenza di 29 anni), si sposarono nel 1901.

Collezionismo di animali

Nel 1911 Buck vinse $ 3.500 in una partita di poker e decise di andare all'estero per la prima volta, viaggiando in Brasile senza sua moglie. Riportando uccelli esotici a New York, fu sorpreso dai profitti che riuscì a ottenere dalla loro vendita. Ha poi viaggiato a Singapore , iniziando una serie di spedizioni di raccolta di animali in varie parti dell'Asia. Guidando i viaggi nelle giungle, Buck ha imparato a costruire trappole e lacci per catturare in sicurezza gli animali in modo da poterli vendere agli zoo e ai circhi di tutto il mondo. Dopo una spedizione, di solito accompagnava le sue catture a bordo della nave, aiutando a garantire che sopravvivessero al trasporto negli Stati Uniti. Buck e West divorziarono nel 1913 e l'anno successivo sposò Nina C. Boardman, una stenografa di Chicago che lo accompagnò nelle spedizioni nella giungla.

Direttore dello zoo di San Diego

Nel 1923 Buck fu assunto come primo direttore a tempo pieno dello zoo di San Diego , ma il suo incarico fu breve e tumultuoso. Lo zoo era ancora nei suoi primi anni, essendo iniziato come un assortimento di esposizioni di animali rimanenti dall'Esposizione Panama-California del 1915-16 tenutasi a Balboa Park . Era stato concesso un sito permanente nel 1921 (un'area di circa 140 acri nel quadrante nord-occidentale del parco) e la maggior parte delle sue mostre iniziali erano state costruite nel corso dell'anno successivo, con una "grande inaugurazione" dei nuovi terreni tenutasi il 1 gennaio , 1923. Lo Zoo è stato fondato dalla Zoological Society di San Diego e gestito dal suo consiglio di amministrazione , con il membro fondatore del consiglio Frank Stephens che ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato part-time senza retribuzione sin dal suo inizio. La maggior parte della pianificazione e dello sviluppo è stata supervisionata dal fondatore e presidente della Società, il Dr. Harry M. Wegeforth , che è stato la forza trainante della creazione dello zoo. Un presidente volitivo e pratico, Wegeforth camminava quotidianamente per i giardini dello zoo e aveva una visione singolare per il suo futuro, con poco spazio per punti di vista opposti. La filantropa Ellen Browning Scripps , che aveva fatto diverse donazioni significative allo zoo, suggerì che aveva bisogno di un direttore a tempo pieno e si offrì volontaria di pagare lo stipendio di una persona simile per tre anni se Wegeforth fosse riuscita a trovare qualcuno adatto per il lavoro. Wegeforth ha visitato il dottor William Temple Hornaday , direttore del New York Zoological Park , sperando che Hornaday avrebbe consigliato qualcuno, ma ha ricevuto una risposta fredda. Fu sorpreso, quindi, di ricevere una telefonata da Buck che diceva che era stato indicato da Hornaday come possibile candidato per la posizione.

All'epoca Buck era diretto in India e strinse un accordo con il consiglio della Zoological Society per raccogliere alcuni animali per lo Zoo e poi venire a San Diego per diventarne il direttore. Si sperava fortemente che le sue acquisizioni includessero elefanti, un animale che la Società, e in particolare Wegeforth, stava tentando di aggiungere alla collezione dello Zoo da qualche tempo. Buck ha trovato due femmine di elefante asiatico a Calcutta di nome "Imperatrice" e "Queenie" che erano state addestrate per lavorare e le ha acquistate per lo zoo. Quando gli elefanti sono arrivati a San Diego dopo un lungo viaggio in barca e treno merci, Wegeforth e il sovrintendente Harry Edwards li hanno guidati per le strade della città fino allo zoo. Buck stesso arrivò presto con il resto degli animali asiatici promessi, tra cui due oranghi , un cucciolo di leopardo , due languri grigi , due canguri , tre fenicotteri , due macachi dalla coda di leone , due gru sarus , quattro gru demoiselle , oche assortite e un Pitone reticolato di 23 piedi chiamato "Diablo" che divenne famoso quando non voleva mangiare e doveva essere regolarmente alimentato forzatamente da una squadra di uomini usando un tubo di alimentazione attaccato a un tritacarne , uno spettacolo che attirò migliaia di spettatori e divenne un evento pagato fino alla morte del serpente nel 1928.

Buck ha iniziato la sua direzione dello zoo di San Diego il 13 giugno 1923, firmando un contratto triennale con uno stipendio annuo di $ 4.000 (equivalente a circa $ 55.500 nel 2015). All'inizio era entusiasta, dicendo ai giornalisti "Abbiamo il miglior zoo a ovest di Chicago e lo renderemo ancora più grande e migliore". Tuttavia, Buck, un individuo che si è fatto da sé , solitario, robusto e dalla mentalità indipendente, si è presto scontrato con il consiglio di amministrazione, in particolare con Wegeforth. I membri del consiglio si lamentavano del fatto che Buck non fosse disposto a consultarsi con loro sulla politica quotidiana e spesso sfidava le loro direttive; costruì nuove gabbie da casuario di sua progettazione in diretta sfida ai loro ordini, dissero, e si era vantato con il membro del consiglio William Raymenton di "metterne una sulla tavola costruendo la gabbia a loro insaputa", vantandosi che avrebbe continuato a costruire le gabbie che riteneva appropriate "con o senza il consenso del consiglio". Gli era stato anche ordinato di costruire un recinto per uno zebù a cui era stato permesso di vagare per il parco dello zoo, ma a quanto pare aveva ignorato la direttiva. Secondo Wegeforth, Buck fece accordi commerciali con altri zoo e collezionisti di animali che erano mal gestiti o privi di documenti e ordinò costose targhette personalizzate per gli animali e le mostre dello zoo che dovettero essere restituite quando si scoprì che Buck aveva scritto male la metà dei nomi. Prima di ricevere Empress e Queenie, Wegeforth aveva stretto un accordo con John Ringling per acquisire elefanti dai Ringling Bros. e Barnum & Bailey Circus ; quando Ringling telegrafò che il circo stava tornando a San Diego e stava portando gli elefanti promessi, Wegeforth registrò che "senza consultarmi, [Buck] ha risposto rifiutando gli elefanti e chiedendo invece altri animali! Sono rimasto sbalordito quando ho saputo di questo all'arrivo del circo - grazie appena sufficienti per la fatica del signor Ringling nel trasportarli attraverso il continente per noi. Naturalmente, non portavano con sé una fila laterale di animali come ruote di scorta, ma ci hanno regalato una tigre , un zebra e un cammello ".

L'ultima goccia ha coinvolto un incidente con l'imperatrice e Queenie: Buck credeva che le loro pelli apparissero secche e screpolate e che avrebbero beneficiato dell'"oliatura", un'antica pratica negli zoo e nei circhi in cui gli elefanti erano ricoperti di olio per ammorbidire e condizionare la loro pelle, l'olio viene lavato via dopo pochi giorni. Wegeforth, un medico , si interessò fortemente alla medicina veterinaria e monitorò personalmente la salute degli animali, e aveva appreso che l'olio poteva causare la polmonite o il morbo di Bright negli elefanti. Pertanto ordinò a Buck di non oliare mai l'imperatrice e la regina. Buck li oliò comunque, e secondo Wegeforth "divennero creature dall'aspetto molto pietoso, i loro tronchi divennero flaccidi e sembravano circa un piede più lunghi del solito, e il loro addome toccava quasi il suolo. Temevo che fossero condannati. Abbiamo mescolato i sali di Epsom con la crusca e, usando farina di erba medica , alla fine ha fatto muovere le loro viscere e li ha liberati di gran parte dell'edema . Passò del tempo prima che fossero in grado di usare i loro tronchi, ma alla fine stavano bene come sempre." Di ritorno da un viaggio a San Francisco pochi mesi dopo, Wegeforth scoprì che Buck aveva oliato gli elefanti una seconda volta. Si sono ripresi di nuovo, ma Buck è stato immediatamente licenziato e ha lasciato San Diego dopo soli tre mesi come direttore dello zoo, il consiglio di amministrazione ha accusato di "non ci si poteva fidare".

Buck ha prontamente citato in giudizio il consiglio di amministrazione per violazione del contratto , affermando di aver rinunciato alla sua redditizia attività di raccolta di animali per lavorare a San Diego e di aver subito danni alla sua reputazione. Ha cercato $ 12.500 di stipendio che avrebbe ricevuto nel suo contratto triennale, oltre a $ 10.000 di danni (un totale equivalente a circa $ 312.285 nel 2015). Fece anche causa a Wegeforth personalmente, e quando la questione andò in tribunale nel febbraio 1924 Buck accusò Wegeforth di interferire con "praticamente tutto" relativo al suo lavoro e di aver cospirato con il consiglio per "sminuire e screditare" i suoi sforzi come direttore. Wegeforth accusò Buck di incompetenza e testimoniò che "l'intero carattere dell'uomo era insubordinazione ". Buck ha anche affermato che Wegeforth aveva ucciso una tigre malata dosando l'animale con il calomelano e che gli esperimenti del dottore nell'alimentazione forzata dei serpenti con un ripieno di salsiccia avevano provocato la morte di 150 rettili. Wegeforth aveva infatti somministrato pastiglie di calomelano a una tigre che soffriva di un disturbo intestinale nell'agosto 1923, e nelle sue memorie descriveva la sperimentazione di metodi per alimentare forzatamente Diablo il pitone prima di avere l'idea di nutrire il serpente con un sondino usando un insaccatrice. Il membro del consiglio Thomas Faulconer e altri testimoni, tuttavia, hanno suggerito che la tigre malata fosse morta dopo un colpo sospetto alla testa e hanno negato categoricamente l'accusa di aver ucciso un serpente. Wegeforth affermò che lo stesso Buck aveva maltrattato i rettili, affermando di aver "imbottito, con il modo più disumano di nutrirsi, carne di serpente nella gola di un boa constrictor invece di utilizzare un metodo più moderno di tubo gastrico o alimentare la carne attraverso un tubo." Il 20 febbraio 1924, il giudice della corte superiore Charles Andrews si pronunciò contro Buck e gli ordinò di pagare le spese processuali di $ 24 (equivalenti a circa $ 333 nel 2015).

Nella sua autobiografia del 1941 All in a Lifetime , Buck non menzionò i suoi scontri con il consiglio della Zoological Society, il suo licenziamento o la successiva causa. Tuttavia, affermò che "mentre fungeva da direttore temporaneo dello zoo di San Diego", aveva inventato un metodo per l'alimentazione forzata dei serpenti, il mezzo "con cui i pitoni in cattività vengono principalmente nutriti oggi". Ha dato un contributo successivo allo zoo, anche se indirettamente: dopo essere tornato alla sua carriera di collezionista di animali, nel 1925 ha portato una spedizione di animali a San Diego tra cui un cacatua dal ciuffo di salmone chiamato "King Tut" dalle isole Molucche . L'uccello è stato venduto a una coppia di La Mesa, in California, che lo ha condiviso con lo zoo. King Tut ha continuato ad apparire in diversi film, spettacoli televisivi e produzioni teatrali, ed è stato il "saluto ufficiale" dello Zoo per decenni, seduto su un trespolo all'interno dell'ingresso per gridare agli ospiti Dopo la morte di King Tut nel 1990, un bronzo la statua del cacatua è stata collocata nella posizione del suo posatoio di lunga data e rimane lì oggi, la sua targa indica che l'uccello "è stato portato dall'Indonesia nel 1925 da Frank Buck".

Scrittura, recitazione e celebrità

Il primo libro di Buck, Bring 'Em Back Alive (1930), divenne un bestseller.

Buck e Boardman divorziarono nel 1927; quando in seguito sposò un funzionario di una società di imballaggio della California, disse ai giornalisti "Finché vivrò, non voglio vedere animali più selvaggi o più grandi di un gattino". Buck successivamente sposò Muriel Reilly nel 1928 e i due ebbero una figlia, Barbara. Alla fine degli anni '20 Buck era il principale fornitore mondiale di animali selvatici. Il crollo di Wall Street del 1929 lo lasciò senza un soldo, ma gli amici gli prestarono $ 6.000 e presto tornò a svolgere un lavoro redditizio.

Quando Floyd Gibbons, personaggio della radio e del cinegiornale di Chicago, suggerì a Buck di scrivere delle sue avventure di collezionismo di animali, collaborò con il giornalista Edward Anthony al co-autore Bring 'Em Back Alive (1930), che divenne un bestseller e gli valse il soprannome di Frank "Bring ' Em Back Alive" Buck. Ha organizzato per una troupe cinematografica di accompagnarlo nella sua prossima spedizione di raccolta in Asia al fine di creare un film con lo stesso titolo , che è stato rilasciato nel 1932 e interpretato da Buck come se stesso. È stato anche il protagonista di Bring 'Em Back Alive , un programma radiofonico della NBC che promuoveva il film, andato in onda dal 30 ottobre al 18 dicembre 1932 e dal 16 luglio al 16 novembre 1934. Il libro successivo, Wild Cargo (1932), di nuovo co-autore con Anthony, è diventato anche un bestseller ed è stato adattato in un film del 1934 con lo stesso titolo in cui Buck ancora una volta ha interpretato se stesso e ha anche lavorato come produttore . Durante questo periodo è stato rappresentato da George T. Bye , un agente letterario di New York .

Buck ha allestito una mostra di animali selvatici, Frank Buck's Jungle Camp, per la mostra Century of Progress di Chicago nel 1933. Più di due milioni di persone hanno visitato la riproduzione di Buck del campo in cui lui e i suoi assistenti nativi vivevano mentre raccoglievano animali nella Malesia britannica . Dopo la chiusura della fiera, trasferì il campo in un complesso che aveva creato ad Amityville, New York . Il terzo libro di Buck, Fang and Claw (1935), è stato scritto insieme a Ferrin Fraser ; per l'adattamento cinematografico , Buck ha diretto e ancora una volta interpretato. Tim Thompson in the Jungle (1935), anch'esso co-autore con Fraser, era un'opera di finzione ma si basava sulle esperienze di Buck.

Mentre questi libri e film hanno reso Buck famoso in tutto il mondo, in seguito ha osservato che era più orgoglioso del suo lettore della scuola elementare del 1936, On Jungle Trails , dicendo "Ovunque io vada, i bambini mi menzionano questo libro e mi dicono quanto hanno imparato sugli animali e la giungla da esso." Buck ha poi interpretato il ruolo di Jack Hardy in Jungle Menace (1937) del 1937, un film in serie in 15 parti che era l'unico film in cui non interpretava se stesso. Nello stesso anno lui e Reilly acquistarono la loro prima casa, al 5035 di Louise Avenue a Encino, in California , accanto alla casa dell'attore Charles Winninger . Prima e durante la realizzazione di Jungle Menace , Buck è stato rappresentato dall'agente letterario di Hollywood HN Swanson .

Durante il 1938, Ringling Bros. e Barnum & Bailey Circus fecero a Buck un'offerta redditizia per fare un tour come loro principale attrazione e per entrare nello spettacolo a cavallo di un elefante. Ha rifiutato di aderire alla Federazione americana degli attori , affermando che era "uno scienziato, non un attore". Anche se c'era la minaccia di uno sciopero se non si fosse iscritto al sindacato, ha sostenuto che avrebbe compromesso i suoi principi, dicendo: "Non fraintendermi. Sto con il lavoratore. Ho lavorato come un cane una volta anch'io. E il mio cuore è con il tipo che lavora. Ma non voglio che un delegato sindacale mi dica quando salire e scendere da un elefante". Alla fine il sindacato diede a Buck una dispensa speciale per presentare Gargantua il gorilla senza registrarsi come attore.

L'anno seguente, Buck portò il suo accampamento nella giungla all'Esposizione Universale di New York del 1939 . "Frank Buck's Jungleland" mostrava uccelli rari, rettili e animali selvatici, insieme a un orango addestrato di cinque anni di nome Jiggs. Inoltre, Buck ha fornito un trio di elefanti asiatici in esibizione , una "montagna delle scimmie" di 80 piedi con 600 scimmie e giri in cammello . Il suo sesto libro, Animals Are Like That , scritto insieme a Carol Weld , è uscito nello stesso anno.

La seconda guerra mondiale fermò temporaneamente le spedizioni di Buck in Asia, ma la sua popolarità lo tenne impegnato nel circuito delle conferenze e nelle apparizioni radiofoniche. Durante gli anni della guerra continuò a pubblicare libri e recitare in film: nel 1941 pubblicò un'autobiografia , All in a Lifetime , co-autore di Fraser, e narrò Jungle Cavalcade , una raccolta di filmati dei suoi primi tre film. È apparso anche in Jacaré (1942) e ha recitato in Tiger Fangs (1943). Il suo ottavo e ultimo libro, Jungle Animals , di nuovo co-autore di Fraser, fu pubblicato nel 1945 ed era destinato agli scolari dal quinto all'ottavo anno.

Gli ultimi anni e la morte

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, Buck tornò al collezionismo di animali, dicendo al New Yorker "Scavi le stesse fosse vecchio stile e usi gli stessi coltelli vecchio stile e torni con le stesse tigri vecchio stile". Secondo le sue stesse stime, aveva ormai catturato 49 elefanti, 60 tigri , 63 leopardi , 20 iene , 52 oranghi, 100 gibboni , 20 tapiri , 120 antilopi asiatiche e cervi , 9 bufali d'acqua pigmei , una coppia di gauri , 5 babirusa , 18 antilopi africane, 40 capre e pecore selvatiche , 11 cammelli , 2 giraffe , 40 canguri e wallaby , 5 rinoceronti indiani , 60 orsi , 90 pitoni , 10 cobra reali , 25 varani giganti , 15 coccodrilli , più di 500 specie diverse di altre mammiferi e più di 100.000 uccelli selvatici. Il sultano Ibrahim di Johor era un buon amico di Buck e spesso lo assisteva nelle sue attività di raccolta di animali.

L'ultimo ruolo cinematografico di Buck fu un'apparizione nel ruolo di se stesso nella commedia di Abbott e Costello Africa Screams del 1949 . La sua ultima performance registrata è stata Tiger , un disco per bambini del 1950 che adatta due storie da Bring 'Em Back Alive . Buck trascorse i suoi ultimi anni nella casa di famiglia al 324 di South Bishop Street a San Angelo, in Texas , e morì di cancro ai polmoni il 25 marzo 1950 a Houston , all'età di 66 anni.

Eredità

Nel 1953, Bring 'Em Back Alive è stato adattato in un fumetto nella serie Classics Illustrated (numero 104). L'anno successivo, il Gainesville Community Circus nella città natale di Buck, Gainesville, in Texas, fu ribattezzato Frank Buck Zoo in suo onore. L'attore Bruce Boxleitner ha interpretato il ruolo di Buck nella serie televisiva 1982-1983 Bring 'Em Back Alive , che era parzialmente basata sui libri e le avventure di Buck. Nel 2000, lo scrittore Steven Lehrer ha pubblicato Bring 'Em Back Alive: The Best of Frank Buck , una raccolta modificata delle storie di Buck. Nel 2008 il Frank Buck Zoo ha aperto la mostra Frank Buck, in cui sono esposti gli strumenti del campo e i cimeli dei media che un tempo erano appartenuti a Buck e sono stati donati da sua figlia Barbara.

Bibliografia

Buck (a sinistra) con Ferrin Fraser , coautore di cinque dei suoi otto libri

Filmografia

Anno Titolo Ruolo Appunti
1932 Riportali vivi Se stesso / Narratore Documentario
1934 Carico selvaggio Lui stesso
Attore di documentari , narratore e produttore
1935 Zanna e Artiglio Lui stesso
Attore e regista di documentari
1937 Minaccia nella giungla Frank Hardy
1941 Cavalcata nella giungla Narratore / Se stesso Documentario
1942 Jacaré Lui stesso Documentario
1943 Zanne di tigre Lui stesso
1949 Africa urla Lui stesso (ruolo ultimo film)

Riferimenti

  • Lehrer, Steven (2006). Bring 'Em Back Alive: Il meglio di Frank Buck . Stampa dell'università di tecnologia del Texas . ISBN 978-0-89672-582-9.
  • Rutledge Stephenson, Lynda (2015). Lo zoo di San Diego: l'era della fondazione, 1916-1953 . San Diego: Zoo di San Diego globale . pp. 7-12. ISBN 978-0-692-39792-3.
  • Wegeforth, Harry ; Morgan, Neil (1953). È iniziato con un ruggito!: La storia del famoso zoo di San Diego (prima ed.). San Diego: Società zoologica di San Diego .
  • Azione nel Nord Atlantico . 1943.

Appunti

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Silvano Conti

Buon articolo su Frank Buck (raccoglitore di animali)

Luigina Aiello

L'informazione su Frank Buck (raccoglitore di animali) è molto interessante e affidabile, come il resto degli articoli che ho letto finora, che sono già molti, perché sto aspettando da quasi un'ora il mio appuntamento su Tinder e lui non si presenta, quindi penso che mi abbia dato buca. Colgo l'occasione per lasciare qualche stella per la compagnia e per cagare sulla mia fottuta vita

Marino Greco

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Frank Buck (raccoglitore di animali), mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì