Frank Borman



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Borman sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Borman in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Borman che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Borman, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Borman, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Borman. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Borman
L'astronauta Frank Borman.jpg
Borman nel 1964
Nato
Frank Federico Borman II

( 1928-03-14 )14 marzo 1928
Gary, Indiana , Stati Uniti
Stato Pensionato
Alma Mater
Occupazione
Premi
Carriera spaziale
astronauta della NASA
Rango Colonnello , aeronautica degli Stati Uniti
Il tempo nello spazio
19g 21h 35m
Selezione 1962 NASA Gruppo 2
Missioni Gemelli 7 , Apollo 8
Insegne della missione
Gemini VII patch.png Apollo-8-patch.png
La pensione 1 luglio 1970

Frank Frederick Borman II (nato il 14 marzo 1928) è un colonnello in pensione dell'aeronautica degli Stati Uniti (USAF) , ingegnere aeronautico , pilota collaudatore , uomo d'affari e astronauta della NASA . Era il comandante dell'Apollo 8 , la prima missione a volare intorno alla Luna, e insieme ai compagni di equipaggio Jim Lovell e William Anders , è diventato il primo di 24 umani a farlo , per la quale è stato insignito della Congressional Space Medal of Honor . Nel 2022, è l'ex astronauta americano più anziano vivente, undici giorni più vecchio di Lovell.

Quattro giorni prima di laurearsi con la West Point Class del 1950, in cui si classificò all'ottavo posto su 670, Borman fu incaricato dell'USAF. Si è qualificato come pilota di caccia e ha prestato servizio nelle Filippine. Ha conseguito un Master of Science al Caltech nel 1957, e poi è diventato assistente professore di termodinamica e meccanica dei fluidi a West Point. Nel 1960, è stato selezionato per la Classe 60-C presso la USAF Experimental Flight Test Pilot School presso la Edwards Air Force Base in California e si è qualificato come pilota collaudatore . Dopo la laurea, è stato accettato come uno dei cinque studenti della prima classe presso la Aerospace Research Pilot School .

Borman è stato selezionato come astronauta della NASA con il secondo gruppo, noto come Next Nine , nel 1962. Nel 1966, ha stabilito un record di resistenza al volo spaziale di quattordici giorni come comandante di Gemini 7 . Ha servito nel comitato di revisione della NASA che ha indagato sull'incendio dell'Apollo 1 , quindi è volato sulla Luna con l'Apollo 8 nel dicembre 1968. La missione è nota per la fotografia dell'Earthrise scattata da Anders della Terra che si innalza sopra l'orizzonte lunare come Command/ Modulo di servizio in orbita attorno alla Luna, e per la lettura da Genesis , che è stato trasmesso in televisione sulla Terra dall'orbita lunare la vigilia di Natale. Durante la missione di sbarco sulla Luna dell'Apollo 11 , è stato il collegamento della NASA alla Casa Bianca , dove ha visto il lancio in televisione con il presidente Richard Nixon .

Dopo essersi ritirato dalla NASA e dall'Air Force nel 1970, Borman divenne vicepresidente senior per le operazioni presso la Eastern Air Lines . Divenne amministratore delegato di Eastern nel 1975 e presidente del consiglio di amministrazione nel 1976. Sotto la sua guida, Eastern ha attraversato i quattro anni più redditizi della sua storia, ma la deregolamentazione delle compagnie aeree e il debito aggiuntivo che ha assunto per l'acquisto di nuovi aerei hanno portato per pagare tagli e licenziamenti e, infine, per entrare in conflitto con i sindacati, risultando nelle sue dimissioni nel 1986. Si trasferì a Las Cruces, New Mexico , dove gestiva una concessionaria Ford con suo figlio, Fred. Nel 1998 acquistarono un allevamento di bestiame a Bighorn, nel Montana .

Vita e formazione

Frank Frederick Borman II è nato il 14 marzo 1928, a 2162 West 11th Avenue a Gary, Indiana , l'unico figlio di Edwin Otto Borman (19011994) e sua moglie Marjorie Ann Borman ( nata Pearce), che lo ha chiamato dopo il suo nonno paterno. È di origine tedesca . Poiché soffriva di numerosi problemi ai seni e alla mastoide con il clima freddo e umido, la sua famiglia si trasferì nel clima migliore di Tucson, in Arizona , che Borman considera la sua città natale. Suo padre ha acquistato un contratto di locazione su una stazione di servizio Mobil .

Borman ha frequentato la Sam Hughes Elementary School di Tucson, dove ha giocato a calcio e baseball . Poi è andato alla Mansfeld Junior High School, dove ha provato per la squadra di football . Non era abbastanza bravo, quindi ha formato la sua squadra con alcuni ragazzi del posto, sponsorizzato da una gioielleria locale. Ha guadagnato un po' di soldi con un giornale, consegnando copie dell'Arizona Daily Star .

Dopo Mansfeld, Borman è andato alla Tucson High School , dove è stato uno studente d'onore. Ha giocato come quarterback nella squadra giovanile dell'università e poi è diventato il quarterback di seconda fila nella squadra dell'università . Il quarterback di prima fila si è rotto il braccio durante la prima partita ed è rimasto fuori per la maggior parte della stagione. Sebbene ognuno dei quattro passaggi in avanti che tentò quell'anno fosse incompleto , la squadra vinse il campionato statale. Ha anche iniziato a frequentare Susan Bugbee, una studentessa del secondo anno nella sua scuola.

Dopo che gli Stati Uniti entrarono nella seconda guerra mondiale nel 1941, i suoi genitori trovarono lavoro in una nuova fabbrica di aerei Consolidated Vultee a Tucson. Il suo primo viaggio in aereo era stato quando aveva cinque anni. Ha imparato a volare all'età di 15 anni, prendendo lezioni con un'istruttrice, Bobbie Kroll, al Gilpin Field. Quando ha ottenuto la licenza di pilota da studente, è entrato a far parte di un club di volo locale. Ha anche costruito modellini di aeroplani in legno di balsa .

Borman stava aiutando un amico a costruire modellini di aeroplani, quando il padre del suo amico gli chiese dei suoi piani per il futuro. Borman gli disse che voleva andare al college e studiare ingegneria aeronautica , ma i suoi genitori non avevano i soldi per mandarlo in un'università fuori dallo stato, e né l' Università dell'Arizonal'Arizona State University offrivano corsi di prim'ordine all'epoca in ingegneria aeronautica. Le sue abilità calcistiche erano insufficienti per assicurarsi una borsa di studio atletica e gli mancavano i collegamenti politici per assicurarsi un appuntamento all'Accademia militare degli Stati Uniti a West Point . Ha quindi pianificato di arruolarsi nell'esercito, il che gli avrebbe permesso di qualificarsi per le tasse universitarie gratuite ai sensi del GI Bill .

Il padre del suo amico gli disse che conosceva Richard F. Harless , il membro del Congresso che rappresentava l'Arizona . Harless aveva già un candidato principale per West Point, ma il padre dell'amico di Borman convinse Harless a elencare Borman come terza alternativa. Borman ha sostenuto l'esame di ammissione a West Point, ma poiché le sue possibilità di un appuntamento a West Point erano scarse, ha anche sostenuto l'esame fisico dell'esercito e ha superato entrambi. Ma la fine della guerra aveva cambiato l'atteggiamento nei confronti dell'arruolamento nell'esercito e i tre candidati davanti a lui abbandonarono tutti. Invece di riferire a Fort MacArthur dopo il diploma di scuola superiore, andò a West Point.

Borman entrò a West Point il 1 luglio 1946, con la Classe 1950. Fu un anno difficile per entrare. Molti membri della classe erano più grandi di lui e avevano assistito al servizio attivo durante la seconda guerra mondiale. Il nonnismo da parte degli uomini della classe superiore era comune. Un'altra sfida era imparare a nuotare. Ha provato per la squadra di football della plebe; le sue capacità erano insufficienti, ma l'allenatore Earl Blaik lo assunse come assistente allenatore. Nel suo ultimo anno, Borman era un capitano cadetto, al comando della sua compagnia e manager della squadra di football universitario.

Borman scelse di essere incaricato come sottotenente nell'aeronautica degli Stati Uniti (USAF) il 2 giugno 1950. Prima che fosse costruita la United States Air Force Academy , l'USAF era autorizzata ad accettare fino a un quarto di ogni classe di laurea di West Point . In modo che gli ufficiali dell'USAF che si diplomassero a West Point avessero la stessa anzianità di quelli che si diplomavano all'Accademia Navale degli Stati Uniti , l'intera classe fu incaricata quattro giorni prima della laurea. Borman si laureò con la sua laurea in scienze il 6 giugno 1950, classificandosi ottavo nella sua classe di 670.

Borman tornò a Tucson con i suoi genitori nella sua Oldsmobile 88 nuovissima per il tradizionale congedo di sessanta giorni dopo la laurea. Si era separato da Susan mentre era a West Point, ma da allora aveva riconsiderato. Aveva conseguito una laurea in igiene dentale presso l' Università della Pennsylvania e stava progettando di iniziare una laurea in arti liberali presso l'Università dell'Arizona. La convinse a rivederlo e le propose. Lei accettò e si sposarono il 20 luglio 1950 nella chiesa episcopale di St. Philip's in the Hills a Tucson.

Aeronautica

Dopo una breve luna di miele a Phoenix, in Arizona , nell'agosto del 1950 Borman fece rapporto alla Perrin Air Force Base in Texas per l'addestramento di volo di base su un T-6 texano nordamericano. I migliori studenti della classe ebbero il privilegio di scegliere quale ramo del volo perseguirebbe; Borman ha scelto di diventare un pilota di caccia . Fu quindi inviato alla Williams Air Force Base , vicino a Phoenix, nel febbraio 1951 per un addestramento avanzato, inizialmente nel nordamericano T-28 Trojan , e poi nel caccia a reazione F-80 . I piloti di caccia venivano inviati in Corea , dove l'anno prima era scoppiata la guerra di Corea . Chiese e fu assegnato alla Luke Air Force Base vicino a Phoenix - Susan era incinta di otto mesi - ma all'ultimo minuto i suoi ordini furono cambiati alla Nellis Air Force Base in Nevada . Lì, ha praticato bombardamenti aerei e artiglieria. Il suo primo figlio, un figlio di nome Frederick Pearce, nacque lì in ottobre. Borman ricevette le sue ali da pilota il 4 dicembre 1951.

Subito dopo, Borman ha subito un timpano perforato mentre praticava il bombardamento in picchiata con un brutto raffreddore. Invece di andare in Corea, gli fu ordinato di fare rapporto a Camp Stoneman , da dove salì a bordo di un trasporto di truppe, l' USNS  Fred C. Ainsworth il 20 dicembre 1951, diretto nelle Filippine. Susan ha venduto la Oldsmobile per acquistare biglietti aerei per unirsi a lui. Fu assegnato al 44th Fighter-Bomber Squadron , che era basato alla base aerea di Clark , e comandato dal maggiore Charles McGee , un veterano pilota di caccia. Inizialmente, Borman era limitato a compiti non di volo a causa del suo timpano; sebbene fosse guarito, i medici della base temevano che si sarebbe rotto di nuovo se fosse volato. Convinse McGee a portarlo in volo su un T-6, e poi su un Lockheed T-33 , la versione da addestramento della Shooting Star. Ciò convinse i medici e lo stato di volo di Borman fu ripristinato il 22 settembre 1952. Il suo secondo figlio, Edwin Sloan, nacque a Clark nel luglio 1952.

Borman tornò negli Stati Uniti, dove divenne istruttore di volo strumentale a reazione presso la Moody Air Force Base in Georgia , principalmente nel T-33. Nel 1955 si assicurò un trasferimento alla base dell'aeronautica militare di Luke. La maggior parte del suo volo è stato su F-80, F-84 , F-84F ad ala spazzata e T-33. Nel 1956 ricevette l'ordine di entrare a far parte della facoltà di West Point, dopo aver conseguito un master in ingegneria aeronautica. Non volendo passare due anni a qualificarsi per un incarico non volante che poteva durare altri tre anni, cercò un corso di laurea magistrale che durasse solo un anno e si stabilì su quello presso il California Institute of Technology . Ha conseguito il Master of Science in ingegneria aeronautica nel giugno 1957, quindi è diventato assistente professore di termodinamica e meccanica dei fluidi a West Point, dove ha prestato servizio fino al 1960. Ha scoperto che gli piaceva insegnare ed era ancora in grado di pilotare un T- 33 dalla base dell'aeronautica di Stewart nei fine settimana. Un'estate ha anche frequentato la USAF Survival School presso la Stead Air Force Base in Nevada.

Nel giugno 1960, Borman è stato selezionato per la Classe 60-C presso la USAF Experimental Flight Test Pilot School presso la base aeronautica di Edwards in California, ed è diventato un pilota collaudatore . La sua classe, che comprendeva Michael Collins e James B. Irwin , che in seguito divennero anche astronauti , si diplomò il 21 aprile 1961. Thomas P. Stafford , un altro futuro astronauta, fu uno degli istruttori. Dopo la laurea, Borman è stato accettato come uno dei cinque studenti della prima classe presso la Aerospace Research Pilot School , una scuola post-laurea per piloti collaudatori per prepararli a diventare astronauti. I membri della classe includevano il futuro astronauta Jim McDivitt . Le lezioni includevano un corso sulla meccanica orbitale presso l' Università del Michigan e c'erano voli zero-G su Boeing KC-135 Stratotanker e Convair C-131 Samaritan modificati . Borman ha introdotto l'addestramento con il Lockheed F-104 Starfighter . Sarebbe volato fino a 70.000 piedi (21.000 m), dove il motore si spegnerebbe per mancanza di ossigeno, per poi costeggiare fino a 90.000 piedi (27.000 m). Ciò sarebbe seguito da una discesa impotente e dal riavvio del motore durante la discesa. Era necessaria una tuta a pressione .

Il 18 aprile 1962, la NASA annunciò formalmente che avrebbe accettato le domande per un nuovo gruppo di astronauti che avrebbero assistito gli astronauti Mercury Seven selezionati nel 1959 con il Progetto Mercury e si sarebbero uniti a loro nelle missioni di volo del Progetto Gemini . L'USAF ha condotto il proprio processo di selezione interna e ha presentato i nomi di undici candidati. Li ha condotti attraverso un breve corso di formazione nel maggio 1962 su come parlare e comportarsi durante il processo di selezione della NASA. I candidati l'hanno definita una "scuola del fascino". La scelta di Borman come uno dei Next Nine fu annunciata pubblicamente il 17 settembre 1962. Chuck Yeager , il comandante della USAF Test Pilot School di Edwards, gli disse: "puoi dire addio alla tua dannata carriera nell'Air Force". Durante il suo servizio nell'Air Force, Borman ha registrato 3.600 ore di volo, di cui 3.000 su aerei a reazione.

Nasa

Borman si trasferì con la sua famiglia a Houston , in Texas, dove il Manned Spacecraft Center (MSC) era ancora in costruzione, e firmò il suo primo contratto di costruzione di una casa , per $ 26.500 (equivalenti a $ 237.000 nel 2021). Seguendo il precedente stabilito dal Mercury Seven, a ciascuno dei Nove è stata assegnata un'area speciale in cui sviluppare competenze che potevano essere condivise con gli altri e fornire input da astronauti a progettisti e ingegneri. L'incarico di Borman era il booster Titan II usato dal Progetto Gemini, sebbene non avesse esperienza in quell'area. L'incarico prevedeva molti viaggi negli stabilimenti Martin Marietta a Denver , Colorado, e Baltimora , nel Maryland, dove furono costruiti i Titan II. La sua responsabilità includeva l' Emergency Detection System (EDS) sviluppato per una situazione di aborto. Borman era d'accordo con Wernher von Braun sul fatto che si sarebbe dovuto fare affidamento su sistemi automatizzati in situazioni in cui il tempo di reazione umano non sarebbe stato abbastanza veloce. Questo fu con grande costernazione di esperti come Warren J. North , il capo della NASA della divisione di supporto dell'equipaggio di volo, che non accettava l'idea che un sistema automatizzato fosse superiore all'abilità di un essere umano.

C'era anche il lavoro in classe. Inizialmente, a ciascuno degli astronauti sono stati dati quattro mesi di lezioni in classe su argomenti come la propulsione di veicoli spaziali , la meccanica orbitale, l' astronomia , l' informatica e la medicina spaziale . C'era anche familiarità con la navicella Gemini, i booster Titan II e Atlas e il veicolo bersaglio Agena . L'addestramento di sopravvivenza nella giungla è stato condotto presso la Tropic Survival School dell'USAF presso la Albrook Air Force Station a Panama, l'addestramento di sopravvivenza nel deserto presso la Stead Air Force Base in Nevada e l'addestramento di sopravvivenza in acqua sul Dilbert Dunker presso la Naval Air Station Pensacola in Florida e nella baia di Galveston . C'erano cinquanta ore di insegnamento di geologia, con gite al Grand Canyon e al Meteor Crater in Arizona. Borman pensava che fosse una perdita di tempo. "Non mi interessava raccogliere pietre", ha poi detto a un intervistatore, "volevo battere i sovietici sulla luna".

Progetto Gemelli

Quando il capo delle operazioni dell'equipaggio di volo, l'astronauta Mercury Seven Deke Slayton , ha elaborato un programma provvisorio di voli del Progetto Gemini, ha assegnato all'astronauta Mercury Seven Alan Shepard il comando del primo volo con equipaggio, Gemini 3 , con l'astronauta Next Nine Tom Stafford come suo copilota. L' astronauta di Mercury Seven Gus Grissom avrebbe comandato l'equipaggio di riserva, con Borman come suo copilota. Con il sistema di rotazione dell'equipaggio ideato da Slayton, l'equipaggio di riserva di una missione sarebbe diventato il primo della terza missione successiva. Borman sarebbe quindi diventato il copilota di Gemini 6, che era stato pianificato come una missione di lunga durata di quattordici giorni.

Una missione Apollo sulla Luna avrebbe dovuto richiedere almeno una settimana, quindi uno degli obiettivi del Progetto Gemini era testare la capacità dell'equipaggio e dei componenti del veicolo spaziale di operare nello spazio per quel periodo di tempo. Quando Shepard fu messo a terra nell'ottobre 1963, Grissom e Borman divennero l'equipaggio principale di Gemini 3. Grissom invitò Borman a casa sua per parlargli della missione e, dopo una lunga discussione, decise che non poteva lavorare con Borman. Secondo Gene Cernan , "gli ego di Grissom e Borman erano troppo grandi per stare in un unico veicolo spaziale". Slayton ha quindi sostituito Borman con John Young .

Slayton voleva ancora Borman per il volo di due settimane, che ora era scivolato su Gemini 7 , quindi Borman fu assegnato come comandante di riserva di Gemini 4, con Jim Lovell come suo copilota. Questo fu annunciato ufficialmente il 27 luglio 1964 e il loro incarico a Gemini  7 seguì il 1 luglio 1965, con Ed White e Michael Collins come backup. Borman era uno dei quattro membri del suo gruppo scelti per comandare le loro prime missioni, gli altri erano McDivitt, Neil Armstrong ed Elliot See , sebbene See sia stato ucciso in un incidente aereo tre mesi prima della sua missione. Gli equipaggi principali e di riserva si sono addestrati per la missione insieme e Borman ha trovato l'esperienza preziosa come riserva, pari a una prova generale della loro stessa missione.

Che Gemini  7 sarebbe durato quattordici giorni era noto fin dall'inizio e ha dato a Borman il tempo di prepararsi. Per tenersi in forma, lui e Lovell correvano da 2 a 3 miglia (da 3,2 a 4,8 km) al giorno e giocavano a pallamano dopo il lavoro. Hanno visitato lo stabilimento della McDonnell Aircraft a St. Louis, Missouri , dove è stata costruita la loro navicella spaziale. A 8.076 libbre (3.663 kg), era 250 libbre (110 kg) più pesante di qualsiasi precedente navicella Gemini. Sono state sviluppate procedure speciali per lo stivaggio di materiali di consumo e spazzatura. È stata sviluppata una tuta spaziale leggera per rendere gli astronauti più a loro agio.

Un importante cambiamento che ha interessato la missione si è verificato quando il veicolo bersaglio Agena per Gemini 6 ha subito un guasto catastrofico. Questa missione aveva lo scopo di praticare il rendezvous orbitale , un requisito del Progetto Apollo e quindi un obiettivo del Progetto Gemini. Borman era al Kennedy Space Center (KSC) per osservare il lancio di Gemini 6 e ha sentito due funzionari della McDonnell, il capo della navicella spaziale Walter Burke e il suo vice, John Yardley, discutere della possibilità di utilizzare Gemini  7 come obiettivo dell'appuntamento. Borman ha rifiutato l'idea di attraccare i due veicoli spaziali, ma per il resto pensava che l'idea avesse dei meriti.

Dopo alcune discussioni su come potrebbe essere realizzato, è stato approvato. Il 6555th Aerospace Test Wing ha smantellato Gemini  6 e assemblato Gemini  7 al Cape Canaveral Air Force Station Launch Complex 19 . Gemini  7 è stato lanciato alle 14:30 ora locale del 6 dicembre 1965. Quindi è iniziata la corsa al varo del Gemini  6 con a bordo Wally Schirra e Tom Stafford, che è stato completato alle 08:37 ora locale del 15 dicembre. Gemini  6 è stato completato l'appuntamento con Gemini  7 alle 14:33. Le due imbarcazioni si trovavano a una distanza di 30 cm l'una dall'altra. A un certo punto Schirra alzò un cartello alla finestra perché Borman leggesse: "Batti l'esercito". Schirra, Stafford e Lovell erano tutti diplomati all'Accademia navale degli Stati Uniti; Borman era in inferiorità numerica.

Quando Schirra e Stafford si allontanarono e tornarono sulla Terra, Borman e Lovell avevano ancora tre giorni a disposizione, in uno spazio grande quanto il sedile anteriore di una piccola automobile. Borman iniziò a sperare che qualcosa andasse storto e scusasse un ritorno anticipato. Finalmente, il 18 dicembre, è arrivato il momento di tornare. I due astronauti sono stati gonfiati con l'aiuto dello stimolante dexedrina . Il rientro è stato eseguito in modo impeccabile e la  navicella Gemini 7 è precipitata a 10,3 km dalla nave di recupero, la portaerei USS  Wasp . Borman non era mai stato su una portaerei prima ed era sbalordito dalle sue dimensioni. Borman è stato insignito della Medaglia al servizio eccezionale della NASA per questa missione ed è stato promosso colonnello . A 37 anni, era il più giovane colonnello a pieno titolo dell'Air Force.

Progetto Apollo

Apollo 1

Nella pianificazione del Progetto Apollo, Slayton designò nuovi equipaggi sotto il comando degli esperti astronauti che comandarono le prime missioni Gemini. Nelle missioni con un modulo lunare , il pilota senior (in seguito noto come pilota del modulo di comando) sarebbe anche un astronauta esperto, poiché dovrebbe pilotare il modulo di comando da solo. Borman ricevette l'incarico di scorta per la seconda missione, una missione orbitale terrestre senza modulo lunare. Avrebbe quindi comandato la quarta, una missione in orbita terrestre media con un modulo lunare. Gli fu assegnato Charles Bassett come pilota senior e Bill Anders come pilota (in seguito noto come pilota del modulo lunare); Bassett avrebbe dovuto volare su Gemini 9 , ma è morto nell'incidente aereo che ha ucciso anche See. Borman ricevette quindi Stafford come pilota senior e Collins come pilota. Successivamente, Stafford ricevette il suo equipaggio e Anders fu riassegnato all'equipaggio di Borman. Poiché Collins aveva esperienza di volo spaziale su Gemini 10 , divenne il pilota senior. La seconda missione è stata cancellata, ma quella di Borman è rimasta invariata, anche se ora doveva essere la terza missione e non aveva alcuna responsabilità di riserva. La selezione dell'equipaggio fu ufficialmente annunciata in un comunicato stampa della NASA il 22 dicembre 1966.

Il 27 gennaio 1967, l'equipaggio della prima missione Apollo con equipaggio ( Apollo 1  - allora designato AS-204), Gus Grissom, Ed White e Roger B. Chaffee furono uccisi in un incendio a bordo del loro modulo di comando. A seguito di questo incidente mortale, l'AS-204 Accident Review Board è stato incaricato di indagare sulle cause profonde dell'incendio e di raccomandare misure correttive. Borman è stato scelto come l'unico astronauta a far parte del comitato di revisione di nove membri. Ha ispezionato il modulo di comando bruciato e verificato le posizioni degli interruttori e degli interruttori automatici. Nell'aprile 1967, mentre prestava servizio nel consiglio, Borman fu uno dei cinque astronauti che testimoniarono davanti alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e alle commissioni del Senato degli Stati Uniti indagando sull'incendio dell'Apollo  1 (gli altri erano Shepard, Schirra, Slayton e McDivitt). Borman ha dovuto affrontare interrogatori duri e talvolta ostili. La testimonianza di Borman ha contribuito a convincere il Congresso che Apollo sarebbe stato di nuovo sicuro per volare. Ha detto loro: "Stiamo cercando di dirvi che siamo fiduciosi nella nostra gestione, nella nostra ingegneria e in noi stessi. Penso che la domanda sia davvero: sei fiducioso in noi"

All'indomani del disastro, Joe Shea si è dimesso da manager del progetto Apollo. Robert Gilruth , il direttore dell'MSC, ha offerto la posizione a Borman, che ha rifiutato. L'incarico fu affidato al vice di Gilruth, George Low ; Borman ha accettato un incarico temporaneo presso lo stabilimento della North American Aviation a Downey, in California , dove sono stati realizzati i moduli di comando, per supervisionare l'attuazione delle raccomandazioni dell'AS-204 Accident Review Board. Borman è stato costretto a confrontarsi con una delle cause profonde del disastro: la tensione naturale tra il portare a termine il lavoro in tempo e la costruzione del veicolo spaziale nel miglior modo possibile.

Borman ha discusso con il pilota collaudatore Scott Crossfield , responsabile dell'ingegneria della sicurezza in Nord America, sulla progettazione di un efficace sistema di ossigeno di emergenza. Borman ha rifiutato di accettare il progetto perché non proteggeva l'equipaggio da fumi nocivi. Crossfield si è quindi opposto alla consegna dell'S-II nordamericano , il secondo stadio del razzo Saturn V Moon, che Crossfield ha ritenuto non sicuro. Borman ha informato la direzione della North American che non poteva lavorare con Crossfield e Crossfield alla fine ha lasciato l'azienda. Un portello ridisegnato che ha permesso agli astronauti di uscire in pochi secondi invece che in pochi minuti ha aggiunto 1.500 libbre (680 kg) al peso del veicolo spaziale. I paracadute hanno dovuto essere riprogettati per garantire che potessero sostenere il peso aggiuntivo e testarli nuovamente è costato $ 250.000. Ciò ha portato a uno scontro con George Mueller , che pensava che il costo fosse eccessivo.

Apollo 8

La missione di prova del modulo lunare in orbita terrestre media di Borman era ora pianificata come Apollo 9 e provvisoriamente programmata per l'inizio del 1969, dopo un'orbita terrestre bassa comandata da McDivitt nel dicembre 1968. Gli incarichi dell'equipaggio furono ufficialmente annunciati il 20 novembre 1967, ma a luglio 1968 Collins subì un'ernia del disco cervicale che richiese un intervento chirurgico per la riparazione. Fu sostituito da Lovell nel luglio 1968, riunendo Borman con il suo compagno di equipaggio Gemini 7. Quando l'LM-3 dell'Apollo 8 arrivò al KSC nel giugno 1968, furono scoperti più di cento difetti significativi, portando Gilruth a concludere che non c'era alcuna prospettiva che l'LM-3 fosse pronto a volare nel 1968.  

Nell'agosto 1968, in risposta a un rapporto della CIA secondo cui l'Unione Sovietica stava prendendo in considerazione un sorvolo lunare prima della fine dell'anno, Low propose una soluzione audace per mantenere il programma Apollo sulla buona strada. Poiché il successivo modulo di comando/servizio (CSM) (designato come "CSM-103") sarebbe stato pronto tre mesi prima dell'LM-3, una missione solo CSM potrebbe essere effettuata nel dicembre 1968. Invece di ripetere il volo dell'Apollo 7, potrebbe essere inviato sulla Luna, entrando nell'orbita lunare prima di tornare sulla Terra. Ciò significava anche che la missione in orbita terrestre media poteva essere eliminata, rispettando il programma per un atterraggio lunare a metà del 1969. Con il cambio di missione per l'Apollo 8, Slayton ha chiesto a McDivitt se voleva ancora farlo volare. McDivitt ha rifiutato; il suo equipaggio aveva trascorso molto tempo a prepararsi per testare il LM, ed era quello che voleva ancora fare. Quando a Borman è stata posta la stessa domanda, ha risposto "sì" senza alcuna esitazione. Slayton ha quindi deciso di scambiare gli equipaggi e la navicella spaziale delle missioni Apollo  8 e  9.

Earthrise , scattata il 24 dicembre 1968 dall'astronautadell'Apollo 8 Bill Anders

L' Apollo  8 fu lanciato alle 12:51:00 UTC (07:51:00 Eastern Standard Time ) il 21 dicembre 1968. Il secondo giorno Borman si svegliò sentendosi male. Ha vomitato due volte e ha avuto un attacco di diarrea; questo ha lasciato la navicella piena di piccoli globuli di vomito e feci, che l'equipaggio ha ripulito al meglio. Borman non voleva che nessuno sapesse dei suoi problemi di salute, ma Lovell e Anders volevano informare il Controllo Missione. L'equipaggio dell'Apollo  8 e il personale medico di Mission Control hanno concluso che c'era poco di cui preoccuparsi e che la malattia di Borman era o un'influenza di 24 ore , come pensava Borman, o una reazione avversa a un sonnifero. I ricercatori ora ritengono che soffrisse della sindrome di adattamento spaziale , che colpisce circa un terzo degli astronauti durante il loro primo giorno nello spazio poiché il loro sistema vestibolare si adatta all'assenza di gravità . La sindrome di adattamento spaziale non si era verificata nelle missioni Mercurio e Gemini perché quegli astronauti non potevano muoversi liberamente nelle piccole cabine di quei veicoli spaziali. L'aumento dello spazio in cabina nel modulo di comando Apollo ha offerto agli astronauti una maggiore libertà di movimento, contribuendo ai sintomi del mal di spazio.

Il 24 dicembre, l'Apollo  8 è entrato in orbita lunare. L'equipaggio ha effettuato dieci orbite della Luna in venti ore prima di tornare sulla Terra. La missione è nota per la fotografia di Earthrise scattata da Bill Anders della Terra che sorge sopra l'orizzonte lunare mentre il modulo di comando orbitava attorno alla Luna e per la lettura televisiva di Genesis in orbita lunare, rilasciata per la trasmissione mondiale. Circa sei settimane prima del lancio, il vicedirettore per gli affari pubblici della NASA, Julian Scheer , aveva detto a Borman che una trasmissione televisiva era stata programmata per questa volta e aveva suggerito di trovare qualcosa di appropriato da dire. Borman si era consultato con Simon Bourgin, che lavorava presso l' Agenzia di informazione degli Stati Uniti , e aveva accompagnato Borman e Lovell in un tour di buona volontà nell'Estremo Oriente dopo la  missione Gemini 7. Bourgin, a sua volta, consultò Joe Laitin, un ex giornalista della United Press International, il quale suggerì che l'  equipaggio dell'Apollo 8 leggesse il Libro della Genesi . Il testo è stato trascritto su carta ignifuga per la trasmissione. "Una delle cose veramente storiche", ha poi scherzato Borman, "è stata che abbiamo fatto leggere a quel buon cattolico Bill Anders dalla versione della Bibbia di King James ".

Borman si rivolge all'equipaggio della USS  Yorktown dopo un atterraggio di fortuna e un recupero

La navicella Apollo  8 è precipitata nell'oscurità alle 10:51:42 UTC (05:51:42 EST) di venerdì 27 dicembre. Borman aveva sostenuto questo; un atterraggio diurno avrebbe richiesto un'orbita attorno alla Luna almeno dodici volte e Borman non pensava che fosse necessario. Quando la navicella ha colpito l'acqua, Borman non ha premuto l'interruttore per rilasciare i paracadute abbastanza rapidamente. Hanno trascinato la navicella spaziale e l'hanno lasciata a testa in giù. In questa posizione, il lampeggiante non poteva essere visto dagli elicotteri di soccorso. Borman ha gonfiato le borse nel muso della navicella, che poi si è raddrizzata. Le regole di terra della missione richiedevano un recupero alla luce del giorno, quindi l'equipaggio ha dovuto attendere 45 minuti fino all'alba locale prima che gli uomini rana potessero aprire i portelli. Borman ebbe il mal di mare e vomitò, ed era contento quando poteva essere imbarcato sulla nave di recupero, la portaerei USS  Yorktown .

L' Apollo  8 arrivò alla fine del 1968, un anno che aveva visto molti sconvolgimenti negli Stati Uniti e nella maggior parte del mondo. Furono i primi esseri umani a orbitare attorno a un altro corpo celeste, essendo sopravvissuti a una missione che persino l'equipaggio stesso aveva valutato come avente solo cinquanta e cinquanta possibilità di riuscire pienamente. L'effetto dell'Apollo  8 è stato riassunto in un telegramma di uno sconosciuto, ricevuto da Borman dopo la missione, che affermava semplicemente: "Grazie Apollo 8. Hai salvato il 1968".

All'equipaggio sono state concesse sfilate su nastro adesivo a New York, Chicago e Washington, DC, dove è stato insignito della Medaglia al servizio distinto della NASA , che è stata presentata dal presidente Lyndon B. Johnson . Borman è stato anche insignito dell'Air Force Distinguished Service Medal . Successivamente, Borman è stato inviato in un tour di buona volontà in Europa, con l'obiettivo secondario di saperne di più sui programmi spaziali di altri paesi della NATO . Era accompagnato da Bourgin e Nicholas Ruwe, vice capo del protocollo presso il Dipartimento di Stato . Borman ha incontrato la regina Elisabetta II , il principe Filippo e un'adolescente principessa Anna a Buckingham Palace nel Regno Unito, con il presidente Charles de Gaulle in Francia, papa Paolo VI a Roma, re Baldovino e la regina Fabiola del Belgio .

Apollo 11

Il giornalista spaziale Andrew Chaikin afferma che, dopo la morte di Gus Grissom, Borman divenne la scelta di Slayton per comandare il primo tentativo di sbarco sulla Luna. Nell'autunno del 1968, Slayton offrì il comando del primo sbarco a Borman, che rifiutò. Molto prima che l'Apollo  8 decollasse, Borman aveva deciso che sarebbe stato il suo ultimo volo e che si sarebbe ritirato nel 1970. Dopo vent'anni di servizio nell'Air Force, si sarebbe qualificato per una pensione. Borman ha detto a un intervistatore nel 1999 che "la mia ragione per unirmi alla NASA era partecipare al programma Apollo, il programma lunare, e, si spera, battere i russi. Non l'ho mai guardato per obiettivi individuali. Non ho mai voluto essere la prima persona su la Luna e francamente, per quanto mi riguardava, quando l' Apollo 11 era finito la missione era finita. Il resto era glassa sulla torta."

Per la missione di sbarco sulla Luna dell'Apollo  11 nel luglio 1969, Borman fu assegnato come collegamento della NASA al presidente Richard Nixon alla Casa Bianca . Ha visto il lancio dall'ufficio del Presidente. Nixon inizialmente aveva preparato un lungo discorso da leggere agli astronauti sulla Luna durante una telefonata, ma Borman lo convinse a mantenere le sue parole brevi e imparziali. Convinse inoltre il Presidente a omettere la riproduzione dello " Star Spangled Banner ", che avrebbe richiesto agli astronauti di perdere due minuti e mezzo del loro tempo in superficie fermi. Ha accompagnato il presidente in Marine One , quando è volato verso la nave di recupero, la portaerei USS  Hornet per incontrare l'equipaggio dell'Apollo  11 al loro ritorno.

Nel giugno 1970, Borman si ritirò dalla NASA e dalla US Air Force come colonnello. Per i suoi servizi come astronauta, l'Air Force gli ha conferito la Distinguished Flying Cross e la Legion of Merit . Ad agosto ha intrapreso un'altra missione presidenziale speciale, un tour mondiale per cercare sostegno per il rilascio dei prigionieri di guerra americani detenuti dal Vietnam del Nord . Al termine della sua missione di 25 giorni in 25 paesi, Borman informò Nixon il 1 settembre alla Casa Bianca occidentale a San Clemente, in California . Sebbene la missione non sia stata un abietto fallimento, la sua fama non è riuscita a compensare la sua mancanza di esperienza politica e gravità. Il 22 settembre è apparso davanti a un'insolita riunione congiunta del Congresso condotta su richiesta della Lega nazionale delle famiglie dei prigionieri americani e dei dispersi nel sud-est asiatico in qualità di inviato presidenziale. Ha notato che i prigionieri di guerra sono stati trattati male e ha esortato il Congresso "a non abbandonare i tuoi connazionali che hanno dato così tanto per te".

Borman ha svolto un altro incarico per i militari. Nel 1976, ci fu un grande scandalo di barare a West Point. La facoltà ha notato risposte notevolmente simili a un documento d'esame per Ingegneria Elettrica 304, un corso obbligatorio, che era stato dato a oltre 800 cadetti da completare da solo. L'inganno era una violazione del Codice d'onore dei cadetti e gli imbroglioni erano soggetti all'espulsione. I cadetti furono processati da commissioni d'onore di cadetti di 12 membri che fungevano da gran giurì; ma il sistema era soggetto ad abusi e coloro che erano stati autorizzati in appello alle commissioni di appello di cinque membri degli ufficiali che fungevano da tribunali erano spesso puniti con il "silenzio", una forma di evitamento. Borman è stato nominato a capo di una commissione speciale per indagare e riferire al Segretario dell'Esercito . Alla fine, 92 cadetti furono riammessi e si diplomarono con la Classe del 1978; più di altri 60 hanno rifiutato l'offerta di amnistia e hanno scelto di completare la loro istruzione altrove.

Il figlio di Borman, Frederick, della West Point Class del 1974, fu accusato di aver accettato una tangente. È stato affermato che mentre era un membro di un comitato del codice d'onore dei cadetti aveva accettato un pagamento di $ 1.200 per risolvere un caso che coinvolgeva due cadetti accusati di barare. Frederick è stato scagionato da tutte le accuse dopo aver sostenuto un test del poligrafo . Anche il figlio minore di Borman, Edwin, della West Point Class del 1975, fu accusato di irregolarità, ma non c'erano prove a sostegno delle accuse e furono licenziati.

Linee aeree orientali

All'inizio del 1969, Borman divenne un consulente speciale della Eastern Air Lines . L'anno successivo ha completato il programma di gestione avanzata della Harvard Business School di sei settimane . È entrato a far parte della Eastern Air Lines il 1 luglio 1970 e si è trasferito a Miami. A dicembre ne è diventato il vicepresidente senior per le operazioni. La sera del 29 dicembre 1972, Borman ricevette una telefonata che lo informava che il volo 401 della Eastern Air Lines era scomparso dal radar vicino alle Everglades della Florida . Ha preso un elicottero, che è stato in grado di atterrare nell'oscurità a 150 iarde (140 m) dal luogo dell'incidente, e ha guadato fino alla vita attraverso la palude torbida, aiutando a salvare le vittime dell'incidente e caricare i sopravvissuti su elicotteri di soccorso.

Eastern Air Lines Lockheed L-1011 Tristar N310EA (193A-1011), che si è schiantato nelle Everglades della Florida il 29 dicembre 1972.

L'incidente ha messo i riflettori sull'aereo Lockheed L-1011 TriStar della compagnia aerea , che soffriva di problemi di manutenzione, in particolare con le pale della turbina del motore Rolls-Royce RB211 . Ciò ha reso difficile farli volare con profitto. La compagnia aerea disponeva anche di 25 Boeing 727 -100QC in grado di essere rapidamente cambiati da aereo passeggeri a aereo cargo. Questi pesavano più dei 727-100 standard della compagnia aerea e quindi consumavano più carburante, il che li rendeva solo marginalmente redditizi quando i prezzi del carburante erano bassi, ma i prezzi del carburante per aerei quadruplicarono negli anni '70. La Eastern ha anche speso $ 200.000 per un acconto per due Concorde , sebbene non avesse rotte adatte su cui farli volare.

Borman è stato promosso vicepresidente esecutivo e direttore generale delle operazioni ed è stato eletto nel consiglio di amministrazione di Eastern nel luglio 1974. Nel maggio 1975, Borman è stato eletto presidente e direttore operativo dal consiglio. È stato nominato amministratore delegato di Eastern nel dicembre 1975 ed è diventato presidente del consiglio di amministrazione nel dicembre 1976. A Borman non piacevano gli aspetti della cultura aziendale americana, come gli uffici lussuosi, le auto aziendali Cadillac e Mercedes di lusso e un jet aziendale Lockheed JetStar per i dirigenti, mentre licenziano o licenziano dipendenti. Dopo che Borman è diventato CEO di Eastern, ha risparmiato all'azienda 9 milioni di dollari all'anno in stipendi licenziando 81 quadri e 31 vicepresidenti. Si è recato al lavoro in una Chevrolet Camaro di seconda mano con un motore che ha ricostruito lui stesso. Ha venduto il Jetstar e, come in Nord America, ha vietato di bere durante l'orario di lavoro, che considerava includesse anche l'ora di pranzo. La fine del pranzo con tre martini è stata uno shock per molti dirigenti.

La Eastern non realizzava profitti dal 1959. Per ridurre i costi, Borman convinse i dipendenti ad accettare un congelamento dei salari nel 1976, con un aumento dell'8% nel 1977, e poi un programma quinquennale di guadagni variabili (VEP). In base al VEP, i dipendenti hanno contribuito con il 3,5% del loro stipendio annuo a un fondo speciale di assicurazione sugli utili. Se la Eastern non ha ottenuto un rendimento del due percento su ogni dollaro di entrate, il fondo è stato utilizzato per compensare la differenza. Se l'azienda guadagnava più del due per cento, il denaro in eccesso veniva restituito ai dipendenti, che potevano guadagnare fino al doppio dei loro contributi. Per portare a termine i suoi cambiamenti, Borman ha visitato le strutture della compagnia aerea in 28 stati per presentare le sue proposte ai suoi dipendenti.

Con il VEP in mano, Borman è stato in grado di rifinanziare il debito sui 254 aerei della compagnia. I profitti sono balzati a un record di $ 67,3 milioni nel 1978. Durante questo periodo, i dipendenti hanno ricevuto il doppio dei pagamenti VER. Borman ha ordinato 1,4 miliardi di dollari di nuovi velivoli più efficienti dal punto di vista dei consumi e il debito della compagnia è salito a 2,3 miliardi di dollari. Ma il 1979 è stato l'ultimo anno redditizio fino al 1985. Nei cinque anni successivi, la Eastern ha corso in perdita, accumulando $ 380 milioni di perdite. Il rapporto debito/patrimonio netto della società era di 8:1 e il servizio del debito richiedeva 235 milioni di dollari all'anno in pagamenti di interessi, pari a circa 6+1 2 cent per ogni dollaro guadagnato.

La causa del calo della redditività è stata solo in parte dovuta all'indebitamento della società; c'è stata anche la deregolamentazione delle compagnie aeree nel 1978, che ha fatto aumentare il numero di compagnie aeree negli Stati Uniti da 30 a quasi 100. Alcuni dei nuovi arrivati hanno offerto prezzi bassi non redditizi e insostenibili per guadagnare quote di mercato. Solo nei primi tre trimestri del 1984, la Eastern ha perso 128 milioni di dollari. Borman ha negoziato un accordo con l' Airline Pilots' Association (ALPA) per una riduzione dello stipendio del 22%, mentre l' International Association of Machinists (IAM) e la Transport Workers Union (TWU) (che rappresenta gli assistenti di volo ) hanno accettato una riduzione del 18%. I dipendenti sono stati nominalmente compensati con sovvenzioni di azioni della società, ma il loro valore è sceso da $ 60 per azione nel 1966 a $ 6 per azione nel 1983.

Eastern ha registrato un profitto di $ 6,3 milioni su un fatturato lordo di $ 4 miliardi nel 1984, ma questo non è stato sufficiente per soddisfare i creditori, che hanno chiesto un profitto del due percento. Borman ha licenziato 1.000 assistenti di volo e ha ridotto la paga di altri 6.000 di oltre il 20%. Ha anche ridotto del 20-25% la retribuzione di dirigenti e quadri. Nel primo trimestre del 1985, i guadagni sono saliti a $ 24,3 milioni, 35 centesimi per azione, dopo aver messo da parte $ 28,9 milioni per i dipendenti. È stato il terzo trimestre redditizio consecutivo consecutivo. Borman ha tentato di negoziare ulteriori tagli con i sindacati, minacciando il fallimento. L'ALPA e la TWU hanno accettato, ma l'IAM no. In dieci anni, i tre sindacati avevano rinunciato a 836 milioni di dollari in salari e benefici e l'azienda aveva poco da dimostrare. Charlie Bryan , il capo dell'IAM, ha detto che il sindacato avrebbe accettato l'accordo solo se Borman si fosse dimesso. In risposta, il consiglio di amministrazione di Eastern decise di vendere la compagnia aerea alla Texas Air Corporation , guidata da Frank Lorenzo . Borman si è dimesso dalla Eastern nel giugno 1986. È stata una sconfitta personale, ma difficilmente un disastro finanziario personale; ha ricevuto un'indennità di fine rapporto di $ 900.000 e ha prelevato una commissione di consulenza di $ 150.000 all'anno fino al 1991.

Borman ha fatto parte della commissione d'inchiesta sudafricana sull'incidente aereo del 1986 che ha ucciso il presidente del Mozambico Samora Machel .

La pensione

Borman con Jim Lovell e Bill Anders nel dicembre 2008

Borman e Susan lasciarono Miami e si trasferirono a Las Cruces, nel New Mexico . Per un certo periodo è stato il proprietario di maggioranza di una concessionaria Las Cruces Ford fondata da suo figlio, Fred. È stato membro dei consigli di amministrazione di Home Depot , National Geographic , Outboard Marine Corporation , Automotive Financial Group , Thermo Instrument Systems e American Superconductor . È stato CEO di Patlex Corporation, una piccola azienda che deteneva brevetti sui laser , dal luglio 1988 all'agosto 1996. Quell'anno pubblicò un'autobiografia, Countdown , scritta insieme a Robert J. Serling .

Nel 1998, Borman ha acquistato un allevamento di bestiame nelle montagne Bighorn del Montana meridionale , gestendo 4.000 capi di bestiame su 160.000 acri (65.000 ettari). Oltre a prendersi cura del bestiame, Borman ha continuato i suoi hobby nella ricostruzione e nel modellismo di aerei. In particolare, possedeva e ricostruì scrupolosamente un rarissimo caccia monomotore della seconda guerra mondiale , il Bell P-63 Kingcobra . Ha vinto il prestigioso premio Grand Champion Warbird quando Borman lo ha esposto a Oshkosh nel 1998. Lo ha anche pilotato personalmente negli airshow. È membro della Society of Antique Modelers (SAM). Dal 1998 vive a Billings, Montana . Sua moglie Susan soffriva di Alzheimer e lui trascorreva gran parte del suo tempo a prendersi cura di lei. Alla fine è stata ricoverata in una casa di cura, dove la visitava ogni giorno, fino alla sua morte, avvenuta il 7 settembre 2021.

Dopo la morte di John Glenn nel dicembre 2016, Borman è diventato il più anziano astronauta americano vivente. Ha undici giorni in più del suo compagno di  equipaggio dell'Apollo 8, Jim Lovell. Entrambi hanno festeggiato il loro 90° compleanno nel marzo 2018. Borman ha tenuto il discorso di apertura alla classe di laurea 2008 dell'Università dell'Arizona e si è riunito con Lovell e Anders per le celebrazioni del 50° anniversario dell'Apollo  8 nel dicembre 2018 al Museum of Science and Industry di Chicago, dove è in mostra la navicella spaziale su cui hanno orbitato intorno alla Luna. "Non l'ho mai detto pubblicamente prima", ha dichiarato Borman, "ma questi due ragazzi di talento, sono solo orgoglioso di essere stato in grado di volare con loro. È stato un lavoro duro svolto in quattro mesi, e abbiamo fatto un buon lavoro ."

Premi e riconoscimenti

Borman, insieme al suo compagno di  equipaggio Gemini 7 Lovell e l'equipaggio Gemini 6, ha ricevuto il Trofeo Harmon  1965 . Lui e Lovell ricevettero il trofeo una seconda volta per la missione Apollo 8 nel 1968. L' equipaggio dell'Apollo 8 ricevette anche il Trofeo Robert J. Collier per "risultati in astronautica". L'ex vice amministratore della NASA e poi segretario dell'Air Force Robert Seamans Jr. ha assegnato loro il trofeo spaziale generale Thomas D. White USAF presso la National Geographic Society e il vicepresidente Spiro Agnew ha consegnato loro la medaglia Hubbard della società . La rivista Time ha scelto l'equipaggio dell'Apollo 8 come Men of the Year per il 1968, riconoscendoli come le persone che hanno maggiormente influenzato gli eventi dell'anno, e sono stati presentati sulla copertina del 3 gennaio 1969. Jim Lovell ha accettato il Dr. Robert H. Goddard Memorial Trophy per il successo spaziale dal presidente Richard Nixon a nome dell'equipaggio dell'Apollo 8. Il 1 ottobre 1978, Borman ricevette la Congressional Space Medal of Honor per il suo comando dell'Apollo 8.     

Borman, che ha costruito modellini di aeroplani per gran parte della sua vita, ha ricevuto l' Academy of Model Aeronautics Distinguished Service Award nel 1968. Borman, insieme ad altri destinatari come il giocatore di baseball Mickey Mantle e l'attrice Polly Bergen , ha ricevuto il Golden Plate Award del American Academy of Achievement nel 1969. Borman ha ricevuto l'onore per la categoria scienza ed esplorazione. Ha anche ricevuto il premio James H. Doolittle della Society of Experimental Test Pilots nel 1976, il Tony Jannus Award nel 1986, l'Airport Operators Council International Downes Award nel 1990 e il NASA Ambassador of Exploration Award nel 2012. È stato insignito del premio onorario dottorati dal Whittier College , dall'Università dell'Arizona, dalla South Dakota School of Mines , dall'Illinois Wesleyan University , dall'Università di Pittsburgh , dall'Indiana University , dall'Arizona State University, dalla Clarkson University , dall'Hope College e dall'Air University .

Borman è stato uno dei dieci astronauti Gemelli inseriti nella International Space Hall of Fame nel 1982. Lui e il senatore Barry Goldwater erano due dei quattro individui inseriti nella National Aviation Hall of Fame nel 1982. Nel 1990, Borman è stato selezionato per l'Arizona Aviation Hall della classe inaugurale di Fame. È stato tra la seconda classe inserita nella US Astronaut Hall of Fame nel 1993. È stato anche inserito nella International Air & Space Hall of Fame nel 1990 e nella DeMolay International Hall of Fame.

Nei media

In From the Earth to the Moon , una miniserie HBO del 1998 , Borman è stato interpretato da David Andrews . È stato intervistato nel documentario di Discovery Channel del 2008 When We Left Earth: The NASA Missions ed è apparso nel documentario del 2005 Race to the Moon , che è stato mostrato come parte della serie PBS American Experience . Il film è incentrato sugli eventi che hanno portato alla missione Apollo 8. Il 13 novembre 2008, Borman, Lovell e Anders sono apparsi sul canale televisivo della NASA per discutere dell'Apollo 8 nel 40° anniversario della missione. Borman è apparso nell'episodio 655 del programma radiofonico This American Life intitolato "The Not-So-Great Unknown", in onda il 24 agosto 2018; la sua intervista con David Kestenbaum nel primo atto dell'episodio intitolato "So Over the Moon" era incentrato sulla sua visione non convenzionale dei viaggi nello spazio.

La faccia di Borman è stata usata sulla copertina del secondo album dei Led Zeppelin .

Tributi

Appunti

Riferimenti

Ulteriori letture

  • Russell, David Lee (2013). Linee aeree orientali: una storia, 19261991 . McFarland. ISBN 978-0-7864-7185-0.

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Cinzia Palmieri

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su Frank Borman mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su Frank Borman, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su Frank Borman qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle

Franco Catalano

In questo post sulla Frank Borman ho imparato cose che non sapevo, quindi ora posso andare a letto

Alessandra Pastore

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi

Stefania Ferraro

L'articolo sulla Frank Borman è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su Frank Borman è completo e ben spiegato