Frank Beyer



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Beyer sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Beyer in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Beyer che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Beyer, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Beyer, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Beyer. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Beyer
Bundesarchiv Bild 183-B1005-0007-001, Frank Beyer.jpg
Frank Beyer 5 ottobre 1963
Nato
Frank Paul Beyer

( 1932-05-26 )26 maggio 1932
Morto 1 ottobre 2006 (2006-10-01)(74 anni)
Occupazione Regista
anni attivi 1957-2000

Frank Paul Beyer ( tedesco: [fak ba.] ( ascolta )A proposito di questo suono ; 26 maggio 1932 1 ottobre 2006) è stato un regista tedesco . Nella Germania dell'Est è stato uno dei registi più importanti, ha lavorato per il monopolio cinematografico di stato DEFA e ha diretto film che riguardavano principalmente l' era nazista e la Germania dell'Est contemporanea. Il suo film Trace of Stones è stato bandito per 20 anni nel 1966 dalla sentenza SED . Il suo film del 1975 Jacob the Liar è stato l'unico film della Germania dell'Est mai nominato per un Academy Award . Dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989 fino alla sua morte ha diretto principalmente film per la televisione.

Biografia

Primi anni di vita e carriera

Frank Beyer è nato come Frank Paul Beyer a Nobitz in Turingia , Germania , da Paul Beyer, un impiegato, e Charlotte Beyer, un'impiegata alle vendite. Aveva un fratello, Hermann Beyer (nato il 30 maggio 1943) che sarebbe dovuto diventare un attore di successo. Dopo la Machtergreifung del partito nazista nel 1933, suo padre, un socialdemocratico, perse il lavoro e rimase disoccupato per diversi anni. Nel 1942 fu arruolato per il servizio militare e fu ucciso un anno dopo sul fronte orientale .

Nel 1938 Frank Beyer iniziò a frequentare la scuola elementare a Nobitz, e successivamente il Realgymnasium Ernestinum ad Altenburg . La sua formazione fu interrotta per alcuni mesi all'indomani della seconda guerra mondiale . Nell'autunno del 1946 continuò la sua formazione ad Altenburg e recitò in una società drammatica amatoriale. Divenne anche membro della Gioventù Tedesca Libera e in seguito del Partito Socialista dell'Unità di Germania . Dopo aver terminato la scuola con la maturità nel 1950, voleva studiare storia all'Università di Lipsia , ma su richiesta del partito socialista di unità rimase ad Altenburg e lavorò come segretario distrettuale del partito per l' associazione culturale locale . Allo stesso tempo si è formato per diventare un proiezionista cinematografico e, essendo interessato al teatro, ha scritto recensioni di opere teatrali per il giornale locale. Successivamente ha lavorato presso il teatro delle città di Crimmitschau e Glauchau come assistente alla regia e drammaturgo.

Nel 1952 Frank Beyer iniziò a studiare recitazione all'Università Humboldt di Berlino , ma poco dopo si trasferì alla Scuola di cinema dell'Accademia delle arti dello spettacolo (FAMU) a Praga . A Praga studia regia insieme ai suoi futuri colleghi Konrad Petzold e Ralf Kirsten. Nel 1954 lavora come stagista presso lo studio cinematografico DEFA durante la produzione del film Ernst Thälmann Sohn seiner Klasse diretto da Kurt Maetzig . Ha completato un altro stage come assistente alla regia per un film tratto dall'opera Zar und Zimmermann e diretto da Hans Müller. Nel suo quarto anno di studi, nel 1957, ha lavorato come assistente alla regia per il film in due parti Schlösser und Katen di Kurt Maetzig con un permesso speciale della sua università. Nel 1957 si diploma alla FAMU con il film contro la guerra Zwei Mütter . Basato su una sceneggiatura di Leonie Ossowski , il suo film di diploma racconta la storia di una madre francese e una tedesca che combattono per un bambino che è stato erroneamente preso dai tedeschi dopo un bombardamento. Il film è uscito nelle sale ed è diventato un successo.

Beyer presso gli studi DEFA (1957-1967)

Dopo la laurea Frank Beyer ha lavorato come freelance per gli studi DEFA. Aveva rifiutato un'offerta per un posto fisso come assistente alla regia, poiché sarebbe stato assegnato a progetti cinematografici e non avrebbe avuto la libertà di scelta. Ha iniziato la sua carriera da regista con due cortometraggi nella serie di film satirici Das Stacheltier . Il suo secondo lungometraggio Eine alte Liebe basato su un racconto di Werner Reinowski e uscito nel 1958 non seguì il successo del suo debutto alla regia Zwei Mütter . Il suo terzo lungometraggio Five Cartridges uscito nel 1960 è stato un grande successo di critica e popolare e lo ha fatto conoscere nella Germania dell'Est e all'estero. Il film è basato su una sceneggiatura di Walter Gorrish e racconta la storia dei membri di una brigata internazionale durante la guerra civile spagnola .

Continuò a dirigere film incentrati su temi antifascisti . Il film del 1962 Star-Crossed Lovers è basato ancora una volta su una sceneggiatura di Walter Gorrish e racconta la storia dell'attivista antifascista Michael che deve servire in un'unità militare penale sul fronte orientale durante la seconda guerra mondiale, e fugge con l'aiuto del suo amico d'infanzia Jürgen. Disertando nell'Armata Rossa, spera di incontrare la sua amica d'infanzia e amare Magdalena a Mosca, poiché era fuggita dalla Germania nazista in Unione Sovietica. Il film sperimentale ha fatto ampio uso di flashback e angoli di vista estremi per esprimere le emozioni dei personaggi. Il suo prossimo progetto è stato il film del 1963 Nudo Tra lupi sulla base del 1958 romanzo omonimo da Bruno Apitz . Il film racconta la storia dei prigionieri del campo di concentramento di Buchenwald che rischiano la vita per nascondere un ragazzo ebreo, Stefan Jerzy Zweig . Il film è ora considerato come un classico film in studio DEFA antifascista. Il suo film successivo, la commedia del 1963 Carbide and Sorrel, fu un grande successo popolare.

Nel 1966 Frank Beyer diresse il film Trace of Stones basato su un romanzo di Erik Neutsch. Il film è ambientato nella contemporanea Germania dell'Est e parla dello scontro tra funzionari conservatori del partito, un caposquadra anticonformista e sfacciato e un giovane e pragmatico segretario di partito e ingegnere in un cantiere. Anche se la prima al Worker's Film Festival di Potsdam il 15 giugno 1966 fu un successo, la prima del film due settimane dopo a Berlino Est causò un grande scandalo. Dopo pochi minuti la proiezione è stata interrotta dalle proteste per la raffigurazione di funzionari di partito nel film. Proteste simili si sono verificate durante altre proiezioni di film a Berlino Est, Lipsia e Rostock e dopo tre giorni il film è stato ritirato dalla distribuzione e tutta la copertura della stampa è cessata ad eccezione di una dura recensione del film a Neues Deutschland . Solo nel 1989, poco prima della caduta del muro di Berlino era traccia di pietre] mostrato ancora una volta al pubblico in Germania Est.

Lavoro per la televisione (1967-1980)

Frank Beyer ha dovuto affrontare gravi conseguenze personali. Ha dovuto lasciare gli studi DEFA e per diversi anni non gli è stato permesso di dirigere film teatrali. Per "riabilitarlo" il partito lo mandò a Dresda dove lavorò al Teatro di Stato dal 1967 al 1969. Come ospite lavorò anche al Gerhart-Hauptmann-Theater di Görlitz e Zittau e al Maxim Gorki Theater di Berlino Est.

Vlastimil Brodský (secondo da sinistra) e Frank Beyer (al centro) prima della prima di Jacob the Liar al cinema Kosmos di Berlino Est.

Nonostante il divieto di dirigere film per il cinema, Frank Beyer è stato autorizzato a dirigere un film per la televisione della Germania dell'Est nel 1968. Il film per la televisione Der Geizige dopo l'opera teatrale L'avaro di Molière è stato realizzato con il cast del Teatro di Stato di Dresda. Nel 1971 ha diretto il film televisivo in cinque parti Rottenknechte sugli ultimi giorni della marina tedesca durante la seconda guerra mondiale, e nel 1973 il film televisivo in quattro parti Die sieben Affären der Doña Juanita con sua moglie Renate Blume nel ruolo principale. Il film, che si concentra sulla vita privata e romantica di una giovane donna, ha generato dibattiti sul matrimonio, le relazioni e la morale socialista in tutto il paese.

Il suo primo film teatrale dopo quasi dieci anni è stato Jacob the Liar nel 1975, adattato da un romanzo di Jurek Becker e una coproduzione degli studi DEFA e della televisione della Germania dell'Est. Il film è ambientato nella seconda guerra mondiale nella Polonia occupata dai tedeschi. Racconta la storia del protagonista ebreo Jakob Heym in un ghetto ebraico che finge di possedere una radio e di poter ricevere notizie dal mondo esterno. Il film, che è stato rifatto nel film di Hollywood Jakob the Liar nel 1999, è stato il più grande successo di critica e pubblico di Frank Beyer. Al 25esimo Festival Internazionale del Cinema di Berlino a Berlino Ovest nel 1975 il film ha vinto un Orso d'Argento ed è stato nominato come Miglior Film Straniero ai 49i Academy Awards nel 1977. È stata la prima e unica nomination della Germania dell'Est per un Academy Award.

Nel 1977 ha diretto la commedia romantica Das Versteck ancora una volta basata su una sceneggiatura di Jurek Becker e interpretata da Jutta Hoffmann e Manfred Krug . Poco prima del completamento della produzione, il governo della Germania dell'Est tolse la cittadinanza al cantante e dissidente Wolf Biermann mentre era in tournée in Germania Ovest. Frank Beyer, Jurek Becker e gli attori principali hanno firmato una lettera di protesta contro le azioni del governo della Germania dell'Est. Frank Beyer è stato rimproverato dal partito e gli è stato vietato di lavorare per gli studi DEFA. Poiché l'attore principale Manfred Krug aveva chiesto il permesso di lasciare la Germania dell'Est, il film è stato accantonato e non mostrato nelle sale. La situazione di Frank Beyer è peggiorata con il film televisivo Geschlossene Gesellschaft nel 1978. Il film, che descrive apparentemente una crisi matrimoniale, è stato pesantemente criticato dai funzionari del partito a causa di una critica percepita della società socialista. A Frank Beyer fu ora proibito lavorare per la televisione e nel 1980 la sua iscrizione al partito fu sospesa.

Lavorare in Oriente e Occidente (1980-1989)

Sebbene fosse proibito lavorare nella Germania dell'Est nel 1980, Frank Beyer ricevette il permesso di lavorare nella Germania dell'Ovest. Per l'emittente pubblica della Germania occidentale ARD ha diretto i film per la televisione Der König und sein Narr e Die zweite Haut nel 1981. Nel 1982 Frank Beyer è stato autorizzato a dirigere un film nella Germania dell'Est presso gli studi DEFA. La svolta dopo un romanzo di Hermann Kant racconta la storia di un prigioniero di guerra tedesco alla fine della seconda guerra mondiale che viene ingiustamente accusato di essere un criminale di guerra. Il film è stato controverso al momento del rilascio in quanto commentatori e funzionari polacchi hanno criticato il fatto che il film mostrasse l'esercito polacco che accusava erroneamente un soldato tedesco di crimini di guerra. La controversia ha portato anche al ritiro del film dal Festival internazionale del cinema di Berlino , dove originariamente era previsto che fosse proiettato e avrebbe dovuto competere con successo per i premi.

Nel 1983 ha diretto il road movie Bockshorn che è stato girato negli Stati Uniti e a Cuba e non ha avuto molto successo al botteghino dopo l'uscita nelle sale nel 1984. Per diversi anni, fino al 1989 Frank Beyer ha lavorato a diversi progetti in Oriente e la Germania occidentale, senza che nessuno venga realizzato. Ha anche lavorato come regista presso il cabaret politico Pfeffermühle a Lipsia. Solo nel 1988 viene realizzato un suo progetto. Insieme allo sceneggiatore Wolfgang Kohlhaase ha scritto la sceneggiatura del film commedia criminale Der Bruch basato su un vero evento della Berlino del dopoguerra. Il film è stato realizzato come una coproduzione tra la Germania dell'Est e dell'Ovest. Un successo popolare nella Germania dell'Est, il film è stato una delusione al botteghino nella Germania dell'Ovest.

Carriera dopo il 1989

Dopo la caduta del muro di Berlino e la riunificazione tedesca Frank Beyer non ebbe problemi a continuare il suo lavoro. Nel 1990 ha diretto il film televisivo in due parti Ende der Unschuld sui fisici tedeschi e lo sviluppo di una bomba nucleare tedesca . Nel 1991 esce il suo ultimo film teatrale e DEFA, Der Verdacht . Il film parla di una storia d'amore nella Germania dell'Est negli anni '70, ma non ebbe molto successo al botteghino.

Da allora Frank Beyer aveva lavorato solo per la televisione. Ha diretto la commedia romantica Sie und Er e la commedia Das grosse Fest nel 1992. La coproduzione internazionale Das letzte U-Boot è seguita nel 1993. Nello stesso anno è stato capo della giuria al 43° Festival Internazionale di Berlino. Festival del cinema . Ha adattato un racconto di Jurek Becker nel 1995 in Wenn alle Deutschen schlafen e ha avuto un grande successo di pubblico e di critica con la Nikolaikirche nel 1995. Il film si concentra sugli ultimi anni della Germania dell'Est e racconta la storia di una famiglia divisa tra movimento di protesta e la Stasi . Un altro successo è stato il film Der Hauptmann von Köpenick basato sull'opera teatrale Il capitano di Köpenick di Carl Zuckmayer . Nel 1998 ha diretto Abgehauen , un film sulle circostanze della privazione della cittadinanza di Wolf Biermann e della partenza di Manfred Krug dalla Germania dell'Est. Il suo ultimo progetto è stato un film basato sul romanzo Jahrestage di Uwe Johnson . Aveva già sviluppato il progetto e completato la pre-produzione, ma a causa di conflitti con i produttori è stato sostituito con Margarethe von Trotta . Frank Beyer è morto dopo una lunga malattia il 1° ottobre 2006 all'età di 74 anni a Berlino. Fu sepolto nel cimitero di Dorotheenstädtischen a Berlino.

Vita privata

Nel 1956 Frank Beyer sposò una truccatrice che conobbe al teatro di Altenburg . La loro figlia Elke era già nata nel marzo 1955. Nel 1965 divorziarono. Nel gennaio 1969 sposa l'attrice Renate Blume . Il loro figlio Alexander è nato nel giugno 1969. Hanno divorziato nella primavera del 1975. Il loro figlio Alexander è stato adottato dal secondo marito di Renate Blume, il cantante e attore Dean Reed . Con il suo nome Alexander Reed è diventato un attore e ha avuto ruoli minori in due dei film di suo padre, Der Hauptmann von Köpenick nel 1997 e Abgehauen nel 1998. Nel 1985 Frank Beyer si è sposato per la terza volta. Il matrimonio con l'annunciatrice televisiva Monika Unferferth terminò diversi anni dopo. Fino alla sua morte ha vissuto insieme alla poetessa Karin Kiwus a Berlino.

Filmografia

Tutti i titoli sono diretti e scritti da Frank Beyer, salvo diversa indicazione. Fonte: Fondazione DEFA. Tutti i film sono in lingua tedesca, alcuni sono stati resi disponibili con sottotitoli in inglese ma mai doppiati in inglese. Le eccezioni sono annotate nell'elenco.

Anno titolo inglese Titolo originale Appunti
1954 Wetterfrösche Film studentesco
1955 Ernst Thälmann Sohn seiner Klasse Stagista
1955 Zar und Zimmermann Assistente direttore
1955 Die Irren sind unter uns Film studentesco, co-diretto e co-scritto con Ralf Kirsten e Konrad Petzold
1956 Schlösser und Katen Assistente direttore
1957 Zwei Mütter
1957 Das Stacheltier : Fridericus Rex
1957 Polonia Express Assistente alla regia, co-scritto con Kurt Jung-Alsen
1957 Das Stacheltier : Das Gesellschaftsspiel
1959 Eine alte Liebe Scritto con Werner Reinowski
1960 Cinque cartucce Fünf Patronenhülsen Sceneggiatura di Walter Gorrish
1962 Amanti sfortunati Königskinder Sceneggiatura di Edith Gorrish e Walter Gorrish
1963 Nudo tra i lupi Nackt unter Wölfen Ha vinto un Silver Prize al 3° Moscow International Film Festival
1963 Carburo e Acetosa Karbid und Sauerampfer
1966 Traccia di pietre Spur der Steine Sceneggiatura di Karl Georg Egel
1968 Der Geizige Film per la televisione
1971 Rottenknechte Film per la televisione, co-scritto da Klaus Poche
1972 Januskopf Attore
1973 Die sieben Affären der Doña Juanita Film per la televisione, co-scritto da Eberhard Panitz
1975 Giacobbe il bugiardo Jakob der Lügner
1977 Das Versteck
1978 Geschlossene Gesellschaft Film per la televisione
1981 Der König und sein Narr Film per la televisione della Germania Ovest, sceneggiatura di Ulrich Plenzdorf
1981 Die zweite Haut Film per la televisione della Germania Ovest, sceneggiatura di Klaus Poche
1983 Il punto di svolta Der Aufenthalt Film della Germania dell'Est, sceneggiatura di Wolfgang Kohlhaase . Ha vinto il premio Findling
1984 Corno di bue Film della Germania dell'Est, sceneggiatura di Ulrich Plenzdorf
1989 Der Bruch Sceneggiatura di Wolfgang Kohlhaase
1991 Ende der Unschuld Film per la televisione, sceneggiatura di Wolfgang Menge
1991 Der Verdacht Sceneggiatura di Ulrich Plenzdorf
1992 Sie und Er Film per la televisione, sceneggiatura di Klaus Poche
1992 Das Grosse Fest Film per la televisione, sceneggiatura di Klaus Poche
1993 L'ultimo U-Boat Das letzte U-Boot Film per la televisione, doppiato in/originale in inglese, sceneggiatura di Knut Boeser
1995 Wenn alle Deutschen schlafen Film per la televisione, sceneggiatura di Jurek Becker
1996 Nikolaikirche Film per la televisione, scritto insieme a Eberhard Görner e Erich Loest
1997 Der Hauptmann von Köpenick Film per la televisione, sceneggiatura di Wolfgang Kohlhaase
1998 Abgehauen Film per la televisione, sceneggiatura di Ulrich Plenzdorf

Riferimenti

Appunti

Bibliografia

  • Beyer, Frank (2001). Wenn der Wind sich dreht (in tedesco). Berlino: Econ Verlag. ISBN 3-430-11477-2.
  • Schenk, Ralf (1996). Regie: Frank Beyer (in tedesco). Berlino: Edizione Henrich. ISBN 3-89468-156-X.
  • Schieber, Elke (2004). Das Archiv des Regisseurs Frank Beyer (in tedesco). Berlino: Kulturstiftung der Länder.

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Santo Pellegrino

Finalmente un articolo su Frank Beyer che è facile da leggere, Grazie per questo post su Frank Beyer

Ivana Orlando

Corretto. Fornisce le informazioni necessarie su Frank Beyer., Corretto

Giulio Marino

Per quelli come me che cercano informazioni su Frank Beyer, questa è un'ottima scelta