Frank Ankersmit



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Ankersmit sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Ankersmit in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Ankersmit che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Ankersmit, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Ankersmit, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Ankersmit. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Franklin Rudolf Ankersmit (nato il 20 marzo 1945, Deventer , Paesi Bassi ) è professore di storia intellettuale e teoria storica all'Università di Groningen .

Ankersmit, membro della famiglia di produttori tessili Ankersmit, studiò inizialmente fisica e matematica a Leida per tre anni e poi fece il servizio militare. Successivamente studiò sia storia che filosofia all'Università di Groninga. Nel 1981 ha conseguito il dottorato presso la stessa Università con una tesi dal titolo Logica narrativa: un'analisi semantica del linguaggio dello storico . Nel 1986 è stato eletto membro della Royal Netherlands Academy of Arts and Sciences ( KNAW ). È fondatore e fino al 2017 caporedattore del Journal of the Philosophy of History promuovendo un approccio strettamente filosofico alla riflessione sulla scrittura della storia.

Nel 1992 è stato nominato professore ordinario di storia intellettuale e filosofia della storia presso l'Università di Groningen. I suoi principali interessi, oltre alla filosofia della storia, sono la filosofia politica, l'estetica e la nozione di esperienza storica (o sensazione). La nozione di rappresentazione è di importanza centrale nei suoi scritti incentrati sulla rappresentazione storica, politica ed estetica. Ha pubblicato quindici libri (libri editi non inclusi) di cui molti sono stati tradotti in inglese, tedesco, spagnolo, portoghese, indonesiano, polacco, ungherese, ceco, russo e cinese. Ha scritto oltre duecentocinquanta articoli scientifici ed è membro del comitato editoriale di diverse riviste nei suoi campi di studio. Con il suo libro sull'esperienza storica ha vinto la Coppa Challenge Socrates nel 2008. Si è ritirato nel 2010 ed è stato nominato nello stesso anno Ufficiale dell'Ordine di Orange-Nassau da Sua Maestà la Regina dei Paesi Bassi. Nel 2011 gli è stata conferita la Laurea Honoris Causa in Lettere dall'Università di Gent e nello stesso anno è stato nominato membro dell'Academia Europaea .

Filosofia della Storia

Negli anni '80 ha sviluppato una filosofia narrativista della storia in cui si dice che l'ordine e la coerenza che lo storico dà ai fatti del passato siano presentati in, e con una 'narrazione' storica. Negli anni '90 ha elaborato questa idea in una filosofia della rappresentazione storica. Secondo questa filosofia lo storico non "traduce" un significato presumibilmente presente nel passato stesso nel testo della sua rappresentazione, ma crea un significato storico nella sua rappresentazione del passato che può essere visto come un sostituto del passato assente stesso. Poiché la parola "narrativa" invita ad associazioni indesiderate con il romanzo, Ankersmit la sostituì presto con la parola, molto più adeguata, "rappresentazione". È qui che la sua filosofia della storia differisce sostanzialmente da quella di Hayden White . Ankersmit ha analizzato la nozione di rappresentazione con la logica e la metafisica di Gottfried Wilhelm Leibniz nessun filosofo nella storia del pensiero occidentale ha concesso alla rappresentazione un posto più centrale di Leibniz. Nella sua opera successiva Ankersmit si concentra sulla questione della razionalità storica; il suo scopo è quindi stabilire su quali basi razionali gli storici preferiscano una rappresentazione del passato a un'altra. Leibniz è anche qui la sua guida. Sebbene Ankersmit sia spesso percepito come un postmoderno, il suo lavoro può anche essere visto come tratto dallo storico del XIX secolo Friedrich Meinecke e come "un desiderio quasi neo-kantiano di contrastare l'egemonia della scienza nella storia e nella politica".

Politica

Ankersmit era un membro del partito liberale olandese, il VVD ( Partito popolare per la libertà e la democrazia ), e uno degli autori del Manifesto liberale presentato da questo partito. Nel 2009 ha terminato la sua appartenenza a quel partito, poiché si era trasformato, a suo avviso, da partito liberale a neoliberista. Vede il neoliberismo come un ritorno al feudalesimo medievale : entrambi desiderano affidare competenze e responsabilità pubbliche a mani (semi)private. Mentre il liberalismo nasce alla fine del Settecento e all'inizio dell'Ottocento dal rifiuto del feudalesimo. I paesi anglosassoni potrebbero dimenticarsene, poiché sono rimasti fuori dalla morsa della Rivoluzione francese. Ankersmit era membro della Convenzione Nazionale, una commissione istituita dal ministro Alexander Pechtold per offrire consigli su come rafforzare la democrazia. Più recentemente ha insistito sul fatto che la democrazia rappresentativa è, di fatto, un'aristocrazia elettiva, che è, da un punto di vista logico, una peculiare miscela di rappresentanza politica medievale dei tre Stati e il concetto di sovranità, come stabilito sotto la monarchia assoluta. Ankersmit partecipa regolarmente al dibattito pubblico su democrazia, rappresentanza politica, liberalismo e argomenti correlati. Nel 2016 è diventato un membro del partito politico Forum for Democracy , ma a causa di quella che ha percepito come una mancanza di democrazia interna al partito è rimasto deluso e ha lasciato il partito alla fine del 2017.

Bibliografia

  • Logica narrativa. Un'analisi semantica del linguaggio dello storico , Den Haag: Nijhoff, 1983
  • Denken su geschiedenis. Een overzicht van moderne geschiedfilosofische opvattingen , Groningen: Wolters/Noordhoff, 1983, 1986
  • L'effetto della realtà nella scrittura della storia: la dinamica della topologia storiografica , Amsterdam, Noord-Hollandsche, 1989.
  • De navel van de geschiedenis. Over interpretatie, Representativeatie en historische realiteit , Groningen: Historische Uitgeverij Groningen, 1990
  • De historische ervaring , Groningen: Historische Uitgeverij Groningen, 1993
  • Storia e Tropologia. L'ascesa e la caduta della metafora , Berkeley/Los Angeles/Oxford: University of California Press, 1994
  • De spiegel van het verleden. Esplorazioni parte I: Geschiedtheorie, Kampen , Kok Agora, 1996
  • De macht van rappresentatie. Esplorazioni deel II: cultuurfilosofie en esthetica , Kampen: Kok Agora, 1996
  • Rappresentanza della porta di Macht. Esplorazioni deel III: politieke filosofie , Kampen: Kok Agora 1997)
  • Politica estetica. Filosofia politica al di là dei fatti e dei valori , Stanford, Stanford/Cambridge UP, 1997
  • Rappresentazione storica , Stanford: Stanford University Press, 2001
  • Rappresentanza politica , Stanford: Stanford University Press, 2002
  • Esperienza storica sublime , Stanford/Cambridge 2005
  • "Democrazia rappresentativa: un approccio estetico al conflitto e al compromesso", Common Knowledge 8.1 (2002) 24-46.

Riferimenti

  1. ^ Per la famiglia Ankersmit vedi Nederlandsch Patriciaat 1995-1996; 1-64 e 19 per Franklin Rudolf.
  2. ^ "Frank Ankersmit" . Accademia reale delle arti e delle scienze dei Paesi Bassi. Archiviato dall'originale il 21 agosto 2017.
  3. ^ "Franklin R. Ankersmit" . Accademia Europea. Archiviato dall'originale il 28 marzo 2019.
  4. ^ H. Paul, A. van Veldhuizen, "Un recupero dello storicismo: la filosofia della storia e della politica di Frank Ankersmit", Storia e teoria 57, n. 1 (marzo 2018), 33-55
  5. ^ "Uittocht bij Forum voor Democratie houdt aan" . 9 febbraio 2018.

link esterno

Riferimenti bibliografici per la produzione del professor Ankersmit possono essere trovati nei seguenti siti:

Opiniones de nuestros usuarios

Assunta Sorrentino

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Frank Ankersmit

Paola Perrone

È sempre bene imparare. Grazie per l'articolo su Frank Ankersmit

Tiziana De Luca

È un buon articolo sulla _variabilità. Dà le informazioni necessarie, senza eccessi

Pierina Manca

Il linguaggio sembra vecchio, ma le informazioni sono affidabili e in generale tutto ciò che è scritto su Frank Ankersmit dà molta fiducia, Ho trovato questo articolo su Frank Ankersmit molto interessante

Alfredo Agostini

Mio padre mi ha sfidato a fare i miei compiti senza usare affatto Wikipedia, gli ho detto che potevo farlo cercando in molti altri siti. Per mia fortuna ho trovato questo sito e questo articolo su Frank Ankersmit mi ha aiutato a completare il mio compito. Ero quasi tentato di entrare in Wikipedia, dato che non riuscivo a trovare nulla su Frank Ankersmit, ma per fortuna l'ho trovato qui, perché poi mio padre ha controllato la mia cronologia di navigazione per vedere dove ero stato. Ti immagini se entrassi in Wikipedia? Per fortuna ho trovato questo sito e l'articolo su Frank Ankersmit qui. Ecco perché vi do le mie cinque stelle