Franco Luca



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Franco Luca sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Franco Luca in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Franco Luca che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Franco Luca, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Franco Luca, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Franco Luca. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Luca, Jr.
Frank Luke cph.3a45244.jpg
Frank Luca, Jr.
Soprannome) "Arizona Balloon Buster"
Nato ( 1897-05-19 )19 maggio 1897
Phoenix , Territorio dell'Arizona
Morto 29 settembre 1918 (1918-09-29)(21 anni)
Murvaux , Francia
Sepolto
Fedeltà stati Uniti
Servizio/ filiale Servizio aereo, esercito degli Stati Uniti
Anni di servizio 19171918
Rango Sottotenente (postumo promosso a Primo Tenente )
Battaglie/guerre prima guerra mondiale
Premi Medal of Honor
Distinguished Service Cross (2)
Croce al merito di guerra (italiana)

Frank Luke Jr. (19 maggio 1897 29 settembre 1918) è stato un asso della caccia americana accreditato di 19 vittorie aeree, classificandolo secondo tra i piloti del servizio aereo dell'esercito degli Stati Uniti dopo il capitano Eddie Rickenbacker durante la prima guerra mondiale . Luke è stato il primo aviatore a ricevere la Medal of Honor e il primo asso USAAS in giornata. Luke Air Force Base , Arizona, un'installazione di addestramento per piloti dell'aeronautica degli Stati Uniti dalla seconda guerra mondiale, è chiamata in suo onore.

Primi anni di vita e carriera

Luke nacque il 19 maggio 1897 a Phoenix, in Arizona , dopo che suo padre emigrò dalla Germania negli Stati Uniti nel 1874 e vi si stabilì. Frank era il quinto figlio della sua famiglia e aveva altri otto fratelli e sorelle. È cresciuto eccellendo negli sport, lavorando nelle miniere di rame e partecipando a incontri di boxe a mani nude. Dopo l'ingresso degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale nell'aprile 1917, Frank si arruolò nella sezione dell'aviazione, US Signal Corps, il 25 settembre 1917 e ricevette l'addestramento come pilota in Texas e in California. Dopo essere stato nominato sottotenente nel marzo 1918, si schierò in Francia per un ulteriore addestramento e nel luglio fu assegnato al 27th Aero Squadron . Sebbene Luke fosse ancora un secondo tenente al momento della sua morte, il libro di Stephen Skinner The Stand nota che in seguito ricevette una promozione postuma a primo tenente.

A causa della sua arroganza e delle tendenze occasionali a volare da solo e disobbedire agli ordini, Luke era antipatico ad alcuni dei suoi pari e superiori. Ma il 27 aveva l'ordine permanente di distruggere i palloni d'osservazione tedeschi . Per questo motivo , Luke, insieme al suo caro amico tenente Joseph Frank Wehner , si offrì continuamente volontario per attaccare questi importanti obiettivi sebbene fossero pesantemente difesi da cannoni antiaerei a terra. I due piloti hanno iniziato una serie di vittorie insieme, con Luke che ha attaccato i palloni e Wehner che ha fatto volare la copertura protettiva. Wehner fu ucciso in azione il 18 settembre 1918 da Georg von Hantelmann in un duello con i Fokker D.VII , che stavano attaccando Luke. Luke ha poi abbattuto due di questi D.VII e due palloni e un Halberstadt; l'ultimo "credito" ha permesso a Luke di ottenere così la sua tredicesima uccisione ufficiale: un aereo di osservazione Halberstadt Ctype di Flieger Abteilung 36.

Tra il 12 e il 29 settembre, a Luke è stato attribuito il merito di aver abbattuto 14 palloni tedeschi e quattro aeroplani: Luke ha ottenuto queste 18 vittorie in appena 10 sortite in otto giorni, un'impresa insuperabile da qualsiasi pilota nella prima guerra mondiale.

Morte 29 settembre 1918

Uno SPAD XIII dipinto per rappresentare quello pilotato da Frank Luke, Jr. L'aereo è composto per circa l'80% da parti originali di diversi velivoli. È uno dei cinque sopravvissuti oggi ed è esposto al Terminal 3 dell'aeroporto Sky Harbor di Phoenix .

L'ultimo volo di Luke ebbe luogo durante la prima fase dell'offensiva Mosa-Argonne . Il 28 settembre 1918, dopo aver ottenuto le sue vittorie 14 e 15, atterrò il suo SPAD XIII all'aeroporto francese di Cicognes dove pernottò, sostenendo problemi al motore. Quando tornò alla base del 1st Pursuit Group a Rembercourt il giorno successivo, fu affrontato dal capitano Alfred A. Grant, il comandante del suo squadrone. Nonostante fosse minacciato di arresto da parte di Grant per assenza senza permesso , Luke decollò senza autorizzazione e volò verso una base aerea avanzata a Verdun , dove il suo simpatico comandante del gruppo, il maggiore Hartney, annullò l'ordine di arresto e diede a Luke il tacito consenso a continuare la sua caccia al pallone. . Quella sera Luke volò al fronte per attaccare tre palloni aerostatici nei pressi di Dun-sur-Meuse , sei miglia dietro le linee tedesche. Per prima cosa ha lanciato un messaggio a una vicina compagnia di palloncini degli Stati Uniti, avvertendoli di osservare i suoi attacchi imminenti. Luke abbatté i palloni nemici, ma fu poi gravemente ferito da un singolo proiettile di mitragliatrice sparato da una collina sopra di lui, un miglio a est dell'ultimo sito di mongolfiere che aveva attaccato. Luke atterrò in un campo appena a ovest del piccolo villaggio di Murvaux, dopo aver mitragliato a terra un gruppo di soldati tedeschi, vicino al Ruisseau de Bradon, un torrente che porta al fiume Mosa. Sebbene indebolito dalla sua ferita, si diresse verso il torrente, con l'intenzione di raggiungere la copertura del sottobosco adiacente, ma alla fine crollò a circa 200 metri dal suo aereo. Avvicinato dalla fanteria tedesca, Luke estrasse la sua pistola Colt Model 1911 e sparò alcuni colpi ai suoi aggressori prima di morire. I rapporti secondo cui il giorno dopo il suo corpo è stato trovato con una pistola scarica e un foro di proiettile nel petto, con sette tedeschi morti davanti a lui si sono rivelati errati. Secondo l'autore Skinner, il proiettile fatale, sparato dalla posizione della mitragliatrice in cima alla collina, era entrato vicino alla spalla destra di Luke, era passato attraverso il suo corpo ed era uscito dal suo lato sinistro.

Il 30 settembre 1918 i tedeschi seppellirono Luke nel cimitero di Murvaux, da dove il suo corpo fu recuperato due mesi dopo dalle forze americane. La sua ultima dimora è il cimitero e memoriale americano della Mosa-Argonne , situato a est del villaggio di Romagne-sous-Montfaucon .

Dopo che l'esercito degli Stati Uniti ottenne una testimonianza giurata da fonti francesi e americane, a Luke fu assegnata una Medaglia d'Onore postuma . La presentazione fu fatta a Frank Luke, Sr., a Phoenix nel maggio 1919. La famiglia in seguito donò la medaglia al National Museum of the United States Air Force vicino a Dayton, Ohio. La piccola mostra del museo in onore di Luke contiene anche i suoi occhiali da volo, il mirino del suo ultimo SPAD, documenti scritti da Luke e altri oggetti personali. La Early Years Gallery del museo mostra uno SPAD XIII completamente restaurato del tipo pilotato da Luke.

Eddie Rickenbacker ha detto di Luke: "Era l'aviatore più audace e il più grande pilota di caccia di tutta la guerra. La sua vita è una delle glorie più luminose del nostro servizio aereo. Si è scatenato e ha abbattuto quattordici aerei nemici, inclusi dieci palloni aerostatici. , in otto giorni. Nessun altro asso, nemmeno il temuto Richthofen , si era mai avvicinato a quello.

Altri assi

Luke è spesso citato come il secondo asso degli Stati Uniti della prima guerra mondiale, ma questa affermazione ignora alcuni piloti americani che hanno volato con altri servizi aerei. Luke era, tuttavia, secondo solo a Rickenbacker tra i piloti che prestavano servizio solo con l'AEF. (È interessante notare che il tempo di Luke sul fronte fu relativamente breve, e 17 delle 18 vittorie di Luke furono ufficialmente registrate come distrutte, contro solo 11 delle 26 di Rickenbacker.) Gli americani volavano con il Royal Flying Corps della Gran Bretagna (o Royal Air Force dall'aprile 1918 ) che hanno superato il punteggio di Luke sono stati Frederick W. Gillet (20 reclami, tutti distrutti); Harold Albert Kullberg (19 confermati) e Wilfred Beaver (19 reclami, 12 distrutti). Legato a Luke a 18 anni c'era William C. Lambert .

Onori e riconoscimenti

Citazione Medal of Honor

Grado e organizzazione: secondo tenente, 27a squadriglia aeronautica, primo gruppo di inseguimento. Luogo e data: vicino a Murvaux, Francia, 29 settembre 1918. Entrato in servizio a Phoenix, Arizona. Nato: 19 maggio 1897, Phoenix, Arizona. GO No.: 59, WD, 1919.

Citazione:

Dopo aver precedentemente distrutto un certo numero di aerei nemici entro 17 giorni, iniziò volontariamente un pattugliamento dopo i palloni d'osservazione tedeschi. Sebbene inseguito da 8 aerei tedeschi che stavano proteggendo la linea di palloni nemica, senza esitazione attaccò e abbatté in fiamme 3 palloni tedeschi, essendo lui stesso sotto il fuoco pesante delle batterie di terra e degli aerei ostili. Gravemente ferito, è sceso a meno di 50 metri dal suolo e volando a questa bassa quota vicino alla città di Murvaux ha aperto il fuoco sulle truppe nemiche, uccidendo 6 persone e ferendone altrettante. Costretto ad atterrare e circondato da tutte le parti dal nemico, che lo invitava ad arrendersi, estrasse la sua pistola automatica e si difese valorosamente finché non cadde morto per una ferita al petto.

La citazione conteneva errori attribuibili a resoconti confusi dei testimoni francesi sull'ultimo volo di Luke e alla riscrittura del resoconto originale da parte di un ufficiale di stato maggiore, che sottolineava le numerose missioni ad alto rischio che ha volato tra il 12 e il 29 settembre. fu intercettato dai caccia tedeschi, mitragliarono le truppe nemiche prima del suo sbarco forzato; ed è stato "circondato da ogni parte" sono state interpretazioni errate letterali della testimonianza francese e sono diventate parte della mitologia che è cresciuta intorno all'evento.

Prima Croce di servizio distinto

Citazione:

Il Presidente degli Stati Uniti d'America, autorizzato dall'Atto del Congresso, 9 luglio 1918, è orgoglioso di presentare la Distinguished Service Cross (postumo) al Sottotenente (Air Service) Frank Luke, Jr., United States Army Air Service, per lo straordinario eroismo in azione mentre prestava servizio con il 27th Aero Squadron, 1st Pursuit Group, US Army Air Service, AEF, vicino a St. Mihiel, Francia, dal 12 al 15 settembre 1918. Il tenente Luke, per abilità, determinazione e coraggio, e in di fronte al pesante fuoco nemico, distrusse con successo otto palloni di osservazione nemici in quattro giorni.

Seconda Croce di servizio distinto

Citazione:

Il presidente degli Stati Uniti d'America, autorizzato dall'Atto del Congresso, 9 luglio 1918, è orgoglioso di presentare un mazzo di foglie di quercia in bronzo al posto di un secondo premio della Distinguished Service Cross (postumo) al secondo tenente (Air Service) Frank Luke, Jr., United States Army Air Service, per lo straordinario eroismo in azione mentre prestava servizio con il 27th Aero Squadron, 1st Pursuit Group, US Army Air Service, AEF, vicino a Etain, Francia, 18 settembre 1918. Immediatamente dopo aver distrutto due nemici osservati palloni aerostatici, il tenente Luke è stato attaccato da una grande formazione di aerei tedeschi, tipo Fokker. Si voltò per attaccare due, che erano direttamente dietro di lui e li abbatté. Avvistando un biplano nemico, nonostante la sua benzina fosse quasi finita, attaccò e distrusse anche questa macchina.

Altri onori

Guarda anche

Riferimenti

Bibliografia

Generale

link esterno

  1. ^ Pardoe, Blaine (2008). Il terrore dei cieli autunnali: la vera storia di Frank Luke, il rogue asso americano della prima guerra mondiale . 555 Eighth Avenue, Suite 903, New York, NY: Skyhorse Publishing. pp. 136-137. ISBN 9781602392526.Manutenzione CS1: posizione ( link )

Opiniones de nuestros usuarios

Massimiliano Di Marco

Buon articolo su Franco Luca

Renzo Arena

Finalmente! Oggi sembra che se non ti scrivono articoli di diecimila parole non sono contenti. Signori scrittori di contenuti, questo è un buon articolo su Franco Luca