Frank Gohlke



Tutte le conoscenze che l'uomo ha accumulato nel corso dei secoli su Frank Gohlke sono ora disponibili su Internet e noi le abbiamo raccolte e organizzate per voi nel modo più accessibile possibile. Vogliamo che possiate accedere a tutto ciò che volete sapere su Frank Gohlke in modo rapido ed efficiente, che la vostra esperienza sia piacevole e che sentiate di aver davvero trovato le informazioni su Frank Gohlke che stavate cercando.

Per raggiungere i nostri obiettivi ci siamo sforzati non solo di ottenere le informazioni più aggiornate, comprensibili e veritiere su Frank Gohlke, ma abbiamo anche fatto in modo che il design, la leggibilità, la velocità di caricamento e l'usabilità della pagina siano il più gradevoli possibile, in modo che possiate concentrarvi sull'essenziale, conoscendo tutti i dati e le informazioni disponibili su Frank Gohlke, senza dovervi preoccupare di nient'altro, ci abbiamo già pensato noi per voi. Speriamo di aver raggiunto il nostro scopo e che abbiate trovato le informazioni che cercavate su Frank Gohlke. Vi diamo quindi il benvenuto e vi incoraggiamo a continuare a godere dell'esperienza di utilizzo di scientiait.com .

Frank Gohlke
Nato 3 aprile 1942
Wichita Falls, TX
Nazionalità americano
Formazione scolastica Università del Texas ad Austin, Università di Yale
Conosciuto per Fotografia
Coniuge Elise Paradis Gohlke
Sito web www .frankgohlke .com

Frank Gohlke (nato il 3 aprile 1942) è un fotografo paesaggista americano. Ha ricevuto due borse di studio Guggenheim, due borse di studio dal National Endowment for the Arts e una borsa di studio Fulbright. Il suo lavoro è incluso in numerose collezioni permanenti, comprese quelle del Museum of Modern Art, New York ; il Metropolitan Museum of Art ; e l' Art Institute of Chicago .

Gohlke è stato uno dei dieci fotografi selezionati per far parte di " New Topographics: Photographs of a Man-Altered Landscape ", la storica mostra del 1975 al Museo Internazionale di Fotografia alla George Eastman House (ora George Eastman Museum ).

Durante una carriera durata quasi cinque decenni, Gohlke ha fotografato elevatori per cereali nel Midwest americano; le conseguenze di un tornado del 1979 nella sua città natale di Wichita Falls, in Texas; cambiamenti nel terreno intorno al Monte St. Helens durante il decennio successivo alla sua eruzione del 1980; agricoltura nella Francia centrale; e le foreste di meli selvatici del Kazakistan.

Primi anni di vita

Frank Gohlke è cresciuto a Wichita Falls, in Texas . Ha comprato la sua prima macchina fotografica da adolescente ed era un membro del club della fotocamera di Wichita Falls durante il liceo, alla fine acquistando un ingranditore e imparando a elaborare stampe alla gelatina d'argento. I suoi primi soggetti includevano membri della famiglia e modelli assunti dal club della fotocamera. Verso la fine del liceo, l'interesse di Gohlke per la fotografia scemò; ha venduto il suo ingranditore e, fatta eccezione per le istantanee di famiglia, ha smesso del tutto di scattare foto.

Dopo il diploma di scuola superiore, Gohlke ha frequentato il Davidson College in North Carolina prima di trasferirsi all'Università del Texas ad Austin , dove ha conseguito una laurea in letteratura inglese nel 1964. Ha continuato a completare un master in letteratura inglese presso l'Università di Yale nel 1966. Durante un periodo di blocco dello scrittore mentre era a Yale, Gohlke è tornato alla fotografia. Ha iniziato a realizzare filmati quasi fissi con una cinepresa Super 8 prima di passare alla fotografia da 35 mm. Alla fine ha mostrato il suo lavoro al fotografo documentarista e all'allora professore di Yale Walker Evans , il cui modo di vedere il paesaggio vernacolare americano avrebbe esercitato un'influenza duratura sul lavoro di Gohlke. Dal 1967 al 1968, dopo aver lasciato Yale, Gohlke studiò con il fotografo paesaggista Paul Caponigro , visitando settimanalmente la casa di Caponigro nel Connecticut.

carriera

Nel 1971, Gohlke si trasferì a Minneapolis e un anno dopo, nel 1972, iniziò il suo primo importante lavoro, documentando gli elevatori del grano delle pianure centrali d'America. Nel corso dei cinque anni successivi, dal 1972 al 1977, il progetto portò Gohlke dal Minnesota al Kansas, Oklahoma, Texas e New Mexico. Dal suo primo interesse estetico per gli elevatori per cereali, Gohlke è rimasto affascinato dal loro design, dalla loro connessione con il paesaggio circostante e dalla loro funzione all'interno delle città e dei paesi che occupavano. La sua pratica fotografica è cresciuta fino a includere una componente di ricerca il cui rapporto con le immagini stesse era di influenza reciproca. Una selezione delle fotografie è stata infine pubblicata come Measure of Emptiness: Grain Elevators in the American Landscape (Johns Hopkins University Press, 1992), la prima monografia di Gohlke.

Gohlke è stato uno dei dieci fotografi inclusi nella mostra del 1975 "New Topographics: Photographs of a Man-Altered Landscape", organizzata da William Jenkins, allora assistente curatore presso l'International Museum of Photography alla George Eastman House (ora George Eastman Museo). "New Topographics", che rappresentava un fiorente movimento all'interno della fotografia di paesaggio verso una considerazione non verniciata del paesaggio vernacolare, è diventato un momento spartiacque nella storia del mezzo.

Il 10 aprile 1979 , un tornado F4 colpì la città natale di Gohlke, Wichita Falls, in Texas, uccidendo 42 persone, ferendone altre 1.700 e danneggiando in modo significativo un'area di 8 miglia quadrate della città. Poco dopo, Gohlke è tornato a casa per fotografare il relitto lasciato sulla scia del tornado. Tornò a rifotografare gli stessi siti un anno dopo, realizzando precise ricostruzioni delle sue vedute precedenti per documentare il recupero della città. .

Nel 1981, diversi mesi dopo l'eruzione del Monte St. Helens nella contea di Skamania, Washington , Gohlke fece il suo primo viaggio lì per fotografare il vulcano ei suoi dintorni. Per trasmettere l'enormità dell'evento, che ha devastato circa 250 miglia quadrate, Gohlke ha impiegato una varietà di approcci, comprese viste aeree e panoramiche e fotografie sequenziali ( rifotografia ) in vari periodi di tempo. Dal 1981 al 1990, Gohlke ha effettuato cinque visite nella regione, in molti casi tornando più volte nello stesso luogo per registrarne la trasformazione. È autore di brevi testi didattici per accompagnare le immagini. Nel 2004, il Museum of Modern Art di New York ha montato Mt. St. Helens: Photographs by Frank Gohlke, una mostra personale (con catalogo allegato), co-organizzata da Peter Galassi , capo curatore, dipartimento di fotografia, e John Szarkowski , direttore emerito, dipartimento di fotografia.

Frank Gohlke, nel suo lavoro, ha affrontato in modo coerente le questioni dell'uso umano e della percezione della terra. Ha fotografato terreni agricoli nella Francia centrale (su commissione di la mission photographique de la DATAR); ha condotto un rilevamento personale di una porzione della linea di latitudine 42-30 'N, che divide in due il Massachusetts; ha realizzato due serie di fotografie che ripercorrono i corsi del fiume Rosso nel Texas settentrionale e del fiume Sudbury nel Massachusetts; e ha documentato il paesaggio urbano e l'architettura residenziale del Queens, NY (insieme al fotografo Joel Sternfeld, su commissione del Queens College ). Una selezione delle immagini di Gohlke e Sternfeld è stata pubblicata come Landscape as Longing ( Steidl , 2015). Nel 2013, Gohlke ha ricevuto una borsa di viaggio Fulbright per recarsi in Kazakistan al fine di documentare la scomparsa delle foreste di meli selvatici che circondano la città kazaka di Almaty .

Una retrospettiva di metà carriera del lavoro di Gohlke è stata organizzata dall'Amon Carter Museum (22 settembre 2007 - 6 gennaio 2008). Il catalogo allegato, intitolato Accomodating Nature: The Photographs of Frank Gohlke (Center for American Places and Amon Carter Museum, 2007), include saggi di Gohlke, Rebecca Solnit e John Rohrbach, Senior Curator of Photographs, Amon Carter Museum.

Gohlke ha insegnato fotografia al Middlebury College ; Colorado College ; la Scuola del Museum of Fine Arts, Boston ; il Massachusetts College of Art ; e alle università di Harvard , Princeton e Yale. Nel 2007, Gohlke ha accettato una posizione di insegnamento presso l' Università dell'Arizona College of Fine Arts a Tucson, in Arizona, dove ora vive e lavora.

Collezioni selezionate

Il lavoro di Gohlke si trova nelle seguenti collezioni pubbliche:

Mostre

Mostre selezionate di una o due persone

  • Art Institute of Chicago (con Edward Ranney), 1974
  • Light Gallery, New York, NY, 1975, 1978, 1981, 1982
  • Museo di arte occidentale Amon Carter, Ft. Vale la pena, TX, 1975
  • Grain Elevators, The Museum of Modern Art, New York, NY (MoMA) (viaggiato fino al 1980), 1978
  • Galleria dell'Università, Università del Massachusetts, Amherst, 1980
  • Film in the Cities Gallery, St. Paul, MN, 1981, 1983, 1985, 1987
  • Mt. St. Helens: Work in Progress, MoMA, New York, NY, 1983
  • Galleria Daniel Wolf, New York, NY, 1983, 1986
  • Paesaggi dal centro del mondo: fotografie 1972-1987, Museum of Contemporary Photography, Columbia College, Chicago, IL (viaggiato fino al 1991), 1988
  • Due giorni in Louisiana, (con Gregory Conniff), Milwaukee Art Museum , Milwaukee, WI, 1989
  • Galleria Franklin Parrasch, New York, 1992
  • Acqua viva: fotografie del fiume Sudbury di Frank Gohlke, DeCordova Museum and Sculpture Park, Lincoln, Massachusetts, 1993
  • Mt. St. Helens come paesaggio pubblico, Galleria della School of Architecture and Allied Arts, University of Oregon, Eugene, OR, 1993
  • Galleria d'arte, Minneapolis, MN (Sudbury River), 1994
  • Florida International University, Miami (Mt. St. Helens), 1994
  • Conversazioni nel Parco, Reggio Emilia, Italia, 1995
  • On Edge: Landscapes 1972-1990, Bonni Benrubi Gallery, New York, 1995
  • Blue Sky Gallery, Portland, Oregon (fiume Sudbury), 1997
  • Making Waves: The Sudbury River, New England Science Center, Worcester, Massachusetts, 1997
  • L'intimo e l'infinito: paesaggi acquatici di Frank Gohlke e Stuart Klipper, Dorsky Gallery, New York, 1999
  • Galleria Howard Greenberg, New York, 2005
  • Mount St.Helens, fotografie di Frank Gohlke, Museum of Modern Art , New York, 2005

Mostre collettive selezionate

  • New Topographics, International Museum of Photography presso George Eastman House, Rochester, NY, 1975
  • Specchi e finestre: Fotografia americana dal 1960, MoMA (vedi Bibliografia), 1978
  • Fotografi degli anni '70, Art Institute of Chicago, 1979
  • American Photographers, mostra itinerante sponsorizzata dal Bell System (catalogo), 1979-1980
  • American Landscapes, MoMA (catalogo), 1981
  • Fotografia: A Sense of Order, Institute of Contemporary Art, University of Pennsylvania, Philadelphia, PA, 1981
  • An Open Land: Photographs of the Midwest 1852-1982, Art Institute of Chicago (mostra itinerante con catalogo), 1983
  • Parigi-New York-Tokyo, Museo della fotografia di Tsukuba, Tsukuba, Giappone; Miyagi Museum of Art, Giappone (catalogo), 1985
  • Varianza, MoMA, New York, 1985-1986
  • American Dreams, Centro de Arte Reina Sofia, Madrid, Spagna (catalogo), 1987
  • The Second Israeli Photography Biennial, Mishkan Le'Omanut, Museum of Art, Ein Harod, Israel (catalogo), 1988
  • Tradizione e cambiamento: fotografia paesaggistica americana contemporanea, Houston Center for Photography, Houston, TX, 1988
  • Photography Now, Victoria and Albert Museum, Londra, Inghilterra, 1989
  • Photography Until Now, MoMA, New York, 1989
  • Più di una fotografia, MoMA, New York, 1992
  • Fotografia americana contemporanea, Jingshan Tushuguan, Guangzhou, Cina, 1993
  • Dialoghi con la fotografia: The Monson Collection, The Henry Art Gallery, University of Washington, Seattle, 1994
  • Acquisizioni recenti, The National Museum of American Art, Washington, DC, 1994
  • From Icon to Irony: German and American Industrial Photography, Boston University Art Gallery, Boston, 1995
  • Visioni espanse: la fotografia panoramica, Addison Gallery of American Art, Andover, Massachusetts, 1998
  • Pictures of Europe, DeCordova Museum and Sculpture Park, Lincoln, Massachusetts, 1999
  • Fotografi, scrittori e scena americana, Museum of Photographic Arts, San Diego, 2002
  • Una città vista: fotografie dalla collezione della George Gund Foundation, The Cleveland Museum of Art, 2002
    • Sei degli anni Settanta, Howard Greenberg Gallery, New York, 2004
    • Selektion # 1, Arbeiten in Schwarz / Weiß, * Galerie f5.6, Monaco, Germania, 2006

Commissioni

  • The County Courthouse in America, Joseph E. Seagram's & Sons, Inc., Bicentennial Project (libro), 1975-1976.
  • American Images, Bell System American Photography (libro), 1978.
  • 16 murales fotografici per l'aeroporto internazionale di Tulsa, 198081.
  • Texas contemporaneo: un ritratto fotografico, Texas Historical Foundation (libro), 1984.
  • Fotografie per la Mission Photographique de la DATAR, un'agenzia sponsorizzata dal governo francese che documenta fotograficamente il paesaggio francese (vedi Bibliografia), 1986-1987
  • Ha installato 6 nuovi murales all'aeroporto internazionale di Tulsa, 1988.
  • Linea di Confine della Provincia di Reggio Emilia: Laboratorio di Fotografia 7. Commissione della Provincia di Reggio Emilia per la fotografia nel "Parco del Gigante". (Mostra e catalogo nel 1995.) 1994.
  • Banhof Ost Basel: arte e architettura. Una commissione per collaborare con gli architetti di un nuovo complesso di uffici a Basilea, in Svizzera, alla progettazione di un cortile interno con lucernario. (Non costruito), 1995-1996.
  • Relazione annuale della Fondazione George Gund. Una commissione per creare un corpo di lavoro sulla costa del lago Erie. 19971998.
  • Venezia Marghera. Una commissione del Comune di Venezia per contribuire a un progetto sulla trasformazione di Marghera, il porto industriale di Venezia. (Libro pubblicato nel 1999-2000.) 1998-1999.
  • National Millennium Survey, The College of Santa Fe , New Mexico, 19992000.
  • Paesaggi della nostalgia: le regine del 21 ° secolo. Collaborazione con Joel Sternfeld . Una commissione del Queens College di New York per creare un'installazione permanente di fotografie del Queens per Powdermaker Hall, centro della Divisione di Scienze Sociali. 9 fotomurali e 20 piccole stampe ciascuna. 2003-2004.
  • Commissione del Vassar College per creare una serie di fotografie di alberi del campus. 2006.

video

  • "Prairie Castles", speciale di mezz'ora per KTCA, Twin Cities Public Television. Prodotto da Mark Lowry, scritto e diretto da Frank Gohlke e Mark Lowry. 1980

Premi

Riferimenti

link esterno

Opiniones de nuestros usuarios

Franca Rizzo

L'articolo sulla Frank Gohlke è completo e ben spiegato. Non toglierei o aggiungerei una virgola, L'articolo su Frank Gohlke è completo e ben spiegato

Sebastiano Longo

Questo post su Frank Gohlke mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., L'informazione su Frank Gohlke mi ha fatto vincere una scommessa, cosa meno per lasciare un buon punteggio per esso., Corretto

Vincenza Bartolini

Trovo molto interessante il modo in cui è scritto questo post sulla Frank Gohlke, mi ricorda i miei anni di scuola. Che bei tempi, grazie per avermi riportato lì